La nuova giacca Spidi H2OUT  I-Combat è un capo urbano dal taglio giovane e dinamico. Ripara da freddo e pioggia senza però dimenticare l’importanza che un capo di “tendenza” deve possedere per soddisfare ogni esigenze invernale e modaiola…

Ecco la variante per inverno della famiglia Combat, una giacca giovane, destinata alla mobilità urbana e all’ambiente cittadino, per ripararsi dalla pioggia e dal freddo, senza rinunciare ad un “taglio” dinamico e sportivo. Si tratta del nuovo capo Spidi I-Combat, che vuole strizzare l’occhio al pubblico giovane.

Spidi I-COMBAT 2015
Spidi I-COMBAT 2015

Caratteristiche…urbane

Le sue caratteristiche tecniche sono il tessuto esterno in Poliestere da 180 gr. a due strati e laminato,la Mmembranaimpermeabile, traspirante e frangivento H2out, la fodera in rete sopra la membrana per migliorare la traspirazione del corpo, la trapunta interna in ovatta a fibra cava da 150 gr., mentre se parliamo di sicurezza, ecco le protezioni Multitech certificate EN1621-1 sulle spalle, quelle Forcetech certificate EN1621-1 sui gomiti,a  cui si aggiunge la predisposizione per il paraschiena Warrior certificati EN1621-2 Liv. 1 e Liv. 2. E poi ancora, le 2 tasche esterne, quella interna, l’irrinunciabile cappuccio removibile, la coulisse di restringimento sul fondo e le cinghie di regolazioni in vita.

Spidi 2015, giacca I-COMBAT
Spidi 2015, giacca I-COMBAT

I-Combat pesa solo 1,65 kg ed è disponibile nella colorazione nera nelle taglie che vanno dalla X alla 3XL mentre il prezzo al pubblico è di € 239,90.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSPECIALE. IL RITORNO DELLE SS PARTE 2
Articolo successivoTEST JEREZ MOTO GP: ARRIVEDERCI AL 2015…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”