Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    Kayo TT160 con Eleonora Ambrosi#901

    Date:

    Condividi:

    La pitbike Kayo TT160 MX 2023 nella mani di Eleonora Ambrosi, giovanissima e promettente crossista che l’ha provata sul bellissimo tracciato del team otto2uno

    L’aggressiva ed accattivante gamma pitbike cross Kayo 2023 viene proposta con telaio e grafiche arancio. Rispetto al modello 2022 quindi, non cambia nulla sulla moto ma, la nuova colorazione per il telaio, la rende più accattivante evidenziando inoltre alcune aree della pitbike.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Nuovo look più aggressivo

    Esteticamente la moto piace: la grafica arancio sembra perfettamente abbinata al colore del telaio, mostrando bene la zona centrale di sdoppiamento delle travi, con la principale che corre verso le pedane e l’area inferiore che crea un arco fino al centro del telaio.

    Come sempre, il telaio è disegnato e prodotto da Kayo ed è stato oggetto di studio per aumentarne la robustezza ma al contempo la “flessibilità” per una guida sempre divertente.

    In tema di sospensioni, ritroviamo la forcella USD che, purtroppo come accade sulla gamma cross fino a 160 cc, non ha alcuna regolazione, cosa che invece sarebbe decisamente utile per trovare il giusto assetto in virtù dello stile di guida e peso pilota.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Sospensioni non regolabili

    Anche il mono posteriore – con ben 360 mm di escursione – è regolabile nel solo precarico della molla, ma ha un “negativo” minimo, aspetto che andrebbe rivisto al fine di migliorare almeno il SAG statico. L’impianto frenante sfrutta due dischi con pompa freno anteriore che, come vedremo nella prova, è un po’ spugnosa nel funzionamento.

    I cerchi neri da 14 e 17”, misure adatte anche ad un pubblico adulto, ospitano coperture 70/100 17” e 90/100 14”. Il manubrio ha risers che possono essere montati su due posizioni, una avanzata l’altra più arretrata e questo per “cucirsi” la moto addosso.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Sella sempre alla giusta altezza

    Il peso a secco è di 75 kg mentre altezza da terra e l’altezza della sella sono rispettivamente di 290 e 855 mm. Il serbatoio carburante contiene 5,5 litri (poco più di cinque euro!) e c’è il classico rubinetto che prevede la riserva.

    Un motore affidabile questo GPX155

    Il motore GPX155 è prodotto dal colosso cinese Zongshen che produce moto, scooter, motori e molto altro. Questo motore è anche utilizzato in Velocità, sia nella MiniGP del CIV e del CNV.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Rispetto alla versione 2021, questo monocilindrico è stato rivisto nel cambio, irrobustito, oltre al fatto che è stato aggiunto il piattello valvole aspirazione in ergal, cosa che consente una migliore affidabilità anche in “fuorigiri”.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Si tratta quindi di un classicissimo monoalbero SOHC da 155,5 cc raffreddato aria/olio, con radiatore montato nella zona centrale anteriore del telaio. Le sue quote vitali sono di 60×55 mm mentre il rapporto di compressione è di 11,5:1.

    È alimentato da carburatore Nibbi da 24 mm che respira su filtro aria in spugna lavabile. La potenza dichiarata è di 10,5 kW a 9500 giri con valore di coppia i 11,5 a 8000 giri.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    COME VA: la prova di Eleonora Ambrosi#901

    Questa volta abbiamo chiamato una promettente ragazza che ama il fuoristrada ed in particolare il motocross. Lei si chiama Eleonora Ambrosi (foto sotto) ha solo 15 anni e già partecipa sia al Campionato Regionale Femminile Lazio ma, soprattutto, è iscritta nell’Italiano MX dove corre nella combattuta 125 cc.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Ed è stata proprio Eleonora a scendere in pista con la Kayo TT160 4T della nostra prova.

    Era la sua prima volta su una pitbike, ma non ha mostrato alcuna timidezza in sella, anzi dopo solo pochi giri, sembrava già a proprio agio. La scelta di fargli provare questa Kayo non è stata quindi causale.

    Eleonora, infatti, è una ragazza molto promettente del nostro motocross e credo, dopo averla conosciuta, che ha dalla sua tutte le carte per far bene e crescere agonisticamente parlando.

    Cosa pensi in generale di questa moto?

    La Kayo TT160 rappresenta un ottimo equilibrio. Il motore GPX155 va molto bene ed ho notato solo un filo rumoroso il cambio ma, per il resto, ha un buon tiro ed una discreta potenza massima.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Eleonora cosa pensi della posizione di guida?

    Per la posizione di guida ho subito notato il manubrio troppo basso ed un piano della sella alto, elemento che non aiuta a creare un feeling naturale ed immediato tra moto e pilota. Questa TT160 però, è ben fatta e ben concepita ed è costruita con materiali di buona qualità in funzione della forbice qualità/prezzo.

    Parliamo del cambio e dell’erogazione motore

    Ovviamente ho dovuto regolare l’inclinazione della leva cambio per il mio piede ma ho subito notato un po’ di gioco della stessa cambio, anche se le marce entrano sempre in modo fluido.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

     

    Essendo la pista appena fresata, ho dovuto utilizzare tanto la frizione, che però si è dimostrata molto robusta e mai in crisi. L’erogazione del motore è lineare fin dai bassi regimi e la moto esce bene dalle curve lente, mantenendo tiro e schiena. La rapportatura finale, invece, mi è sembrata è un po’ lunga.

    La spinta del motore fuori dalle curve non preoccupa mai ma, da centro curva in poi, meglio farla scorrere per sfruttare al massimo l’accelerazione del motore e la trazione del piccolo motore GPX155.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Parliamo della ciclistica

    Premetto che non avendo mai provato una pitbike, manco di riferimenti più ampi: la forcella mi è sembrata fin troppo morbida ed arriva spesso a fine corsa. Sulla parte lenta della pista invece, funziona bene ed assorbe mediamente anche le piccole e medie asperità.

    Il mono posteriore scopre il suo limite solo se la pista è molto “bucata”: la pista del test non presentava buche ma un fondo perfetto. Sulle buche in sequenza la forcella va in crisi e forcella diventa meno facile da guidare e decisamente meno agile, specie in ingresso curva. Infine, l’avantreno è stabile e ci si può fidare in ingresso ma il limite della forcella evidenzia un eccessivo galleggiamento sul veloce.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Due parole sull’ergonomia della TT160

    A livello ergonomico, bisogna fare conti con la sella un filo dura, con la piega non corretta del manubrio e con delle pedane forse un po’ arretrate. A mio personale avviso, già variando la piega del manubrio, la posizione di guida diverrebbe più “naturale.

    Come hai trovato il feeling con l’impianto frenante?

    Voto positivo certamente. La pompa anteriore funziona bene ma è un po’ “spugnosa” e per sfruttare tutta la forza frenante, bisogna strizzare a fondo la leva. L’impianto posteriore lavora in modo progressivo ed è un ottimo aiuto per girare alla svelta la moto.

     performancemag.it-test-kayo-TT160-eleonora-ambrosi

    Le tue conclusioni Eleonora…

    La TT160 mi è piaciuta per le prestazioni del motore ed il buon equilibrio generale. Sono migliorabili le sospensioni in termini di feeling ma bisogna considerare il prezzo della moto, davvero contenuto se rapportato all’offerta. Come descritto poi, sarebbe da rivedere la piega del manubrio per un miglior controllo della moto.

    (Foto e Video Lorenzo Palloni, si ringrazia Daniele Rosi/Team manager otto2uno)

    Andrea Di Marcantonio
    Andrea Di Marcantoniohttps://www.performancemag.it
    “Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi talenti con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo della Velocità. Siamo l'unica testata italiana a costruire progetti per i giovani a cui offriamo un team collaudato e tutta la mia esperienza sul campo. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”

    Articoli correlati

    PROGETTO MX HMR, caduta e vittoria

    Altra prova di forza per PROGETTO MX HMR e la nostra Eleonora Ambrosi nel secondo appuntamento del Campionato...

    Beta RR Racing 125 2024, spinta decisiva

    Ogni anno che passa, offre un salto di qualità per la gamma enduro Beta. Abbiamo provato la nuova...

    PROGETTO MX HMR, prima vittoria per Ele

    Doppietta nella prima del Campionato Regionale Lazio per PROGETTO MX HMR. Eleonora Ambrosi vince entrambe le gare. Ora...

    Iannone, podio australiano in WSBK con Nolan

    Debutto con podio in WorldSBK per Andrea Iannone che indossa il nuovo casco Nolan X-804 Utra Xseries. The...