Warning: Use of undefined constant TDC_PATH_LEGACY - assumed 'TDC_PATH_LEGACY' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.performancemag.it/home/wp-content/plugins/td-composer/td-composer.php on line 107
LA I.D.3 VOLKSWAGEN, 550 KM DI AUTONOMIA | PERFORMANCEMAG.IT
I.D.3 volkswagen-performancemag.it

LA I.D.3 VOLKSWAGEN, 550 KM DI AUTONOMIA

70 0

Le batterie della ID.3 e della futura gamma ID. saranno ricaricabili fino a 125 kW e garantite 8 anni. Volkswagen garantirà la capacità delle batterie ID. per  8 anni o 160.000 km

Volkswagen avvierà la produzione della ID.3 prima della fine dell’anno. La berlina compatta è il primo membro della gamma/famiglia ID, nuova generazione di vetture elettriche le cui batterie agli ioni di litio permetteranno autonomie plus fino a 550 km, rendendo i modelli adatti anche a lunghi spostamenti

I futuri proprietari di ID. non dovranno preoccuparsi neppure della durata delle batterie: Volkswagen infatti, garantirà che manterranno almeno il 70% della loro capacità iniziale anche dopo 8 anni o  160.000 km.

I.D.3 volkswagen-performancemag.it

Nel 2017 Volkswagen ha consolidato le sue attività di sviluppo delle batterie nel Centro di Eccellenza. Tra le altre cose, fare in modo che tutte le batterie della gamma ID. mantengano la loro capacità massima per un lungo periodo di tempo. “Il nostro obiettivo è assicurarci che le batterie delle ID. durino quanto le auto”, dichiara Frank Blome, Responsabile del Centro d’Eccellenza di Salzgitter. Volkswagen infine, offrirà le batterie delle ID. in diverse taglie. Si tratta di una grande novità rispetto all’attuale gamma di modelli elettrici della Marca.

Se il proprietario di una vettura ID. non è particolarmente interessato a coprire grandi distanze potrà scegliere una batteria con un contenuto energetico minore a un prezzo più basso; per coloro invece viaggiano di frequente per lunghi tratti, potranno scegliere una batteria di capacità maggiore, che garantirà una flessibilità di utilizzo superiore. A seconda del modello e della batteria, l’autonomia nel ciclo WLTP è compresa tra 330 e 550 km.  La Volkswagen, inoltre, ha progettato le batterie affinché fossero in grado di essere ricaricate fino a 125 kW, il valore più elevato finora raggiunto nel segmento della ID.3 e in grado di garantire tempi di ricarica ridotti.

I.D.3 volkswagen-performancemag.it

Ricaricare a casa, al lavoro, in strada e in autostrada

Sulla base di ricerche svolte a livello internazionale, Volkswagen stima che circa il 50% delle ricariche sarà effettuato a casa e circa il 20% al lavoro. Per questo, la nuova gamma di wallbox è stata progettata per rispondere a queste esigenze: le stazioni possono essere installate a casa o al lavoro e sono in grado di ricaricare fino a 11 kW in corrente alternata (AC).

I.D.3 volkswagen-performancemag.itIl vantaggio è rappresentato dal fatto che la ricarica è molto più rapida rispetto a un alimentatore tradizionale a 230 V, perché la wallbox è in grado di ricaricare totalmente l’auto nel corso di una notte o di una giornata lavorativa. Volkswagen, inoltre, ritiene che il 25% delle ricariche saranno effettuate in spazi pubblici e il restante 5% in stazioni di ricarica autostradali. Con un corretto stile di guida, una ID.3 con la batteria di capacità maggiore avrebbe bisogno di due sole ricariche in un viaggio autostradale da Torino a Parigi di circa 800 km. Se la batteria è ricaricata in una stazione rapida ad alta capacità, in 30 minuti si possono ottenere circa 260 km di autonomia autostradale (stime WLTP).

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”