LDV500, ovvero come Leonardo Da Vinci: proprio nel cinquecentesimo della sua scomparsa, Vent dedica al genio italiano il primo concept che segna l’ingresso nel mondo delle e-bike

Si tratta di un ambizioso progetto che vede nella LDV500 un raffinato primo tassello per portare nel mondo del ciclismo l’esperienza, le conoscenze e il patrimonio tecnico maturate da Vent nei suoi 30 anni di storia nel settore motociclistico.

La scelta di questo omaggio non è del tutto casuale. Infatti, alle spalle della Factory Vent si trova, infatti, la selvaggia cascata della Troggia citata da Leonardo, assieme ad altri luoghi circostanti, nel suo Codice Atlantico. Il concept di LDV500 svelato ad Eicma è il biglietto da visita con cui Vent si affaccia al mondo della mobilità sostenibile, progetto ideato per muoversi sia dentro che fuori città. Alcune soluzioni introdotte rappresentano una novità nel settore e-bike e, grazie all’utilizzo di componenti all’avanguardia, posizionano il modello tra i top di gamma della categoria.

LDV500 VENT2020-performancemag.it

La principale è rappresentata dal concetto di ammortizzazione brevettata TST, studiato per garantire sia una guida divertente e precisa quanto elevati standard di comfort. Il sistema di ammortizzazione è inserito all’interno del tubo orizzontale con una struttura a doppia culla mutuata dal mondo motociclistico. Il rider avrà a portata di mano l’ammortizzatore e potrà quindi regolarlo in qualsiasi momento.

guida divertente e sicura grazie al sistema brevettato legato alla sospensione tst

Si è poi cercato di posizionare i pesi il più in basso possibile nella zona centrale del telaio, favorendo stabilità e manovrabilità. Il carro posteriore è studiato con un’innovativa linea foderi con design trapezoidale, con fulcri ribassati. LDV500 sarà dotata di un motore Brose S-Mag (250W/90 Nm) abbinato a una batteria da 630 watt di ultima generazione, integrata nel telaio e facilmente estraibile.

un motore elettrico brose s-mag da 250w e 90 nm di coppia spinge questa interessante ldv500

Grazie a un sistema di bloccaggio brevettato, la batteria rimarrà saldamente montata anche nelle condizioni di guida estreme. L’e-bike sarà dotata dell’ICR System progettato da FSA, che garantisce un sistema senza fili integrati che scorrono all’interno del manubrio, serie di sterzo e telaio. LDV500 utilizza un sistema di sicurezza Fork Stopper per evitare accidentali torsioni del manubrio. “LDV500 – spiegano i progettisti della nuova e-bike Vent – è un richiamo non solo alla genialità e allo stile italiano ma anche alle radici, all’esperienza ed alle competenze che VENT ha maturato in oltre 30 anni di presenza, sempre da protagonista, sul mercato del fuoristrada”. “La nostra e-bike sfoggia un telaio accattivante che coniuga soluzioni tecniche innovative e originali ad una accurata attenzione al design”.

Questo progetto – spiega l’Ing. Quirino Tironi, Direttore Operativo di Vent – rappresenta l’ampliamento dei nostri orizzonti verso nuovi settori delle due ruote avvalendoci del patrimonio tecnico e delle conoscenze acquisite in oltre tre decenni di esperienze sviluppate nel fuoristrada”.

VENT storia di tradizione

Nata infatti nel 1983 dalla passione di un piccolo gruppo di industriali per le due ruote, quella che allora era la “Moto spa” si impone sul mercato come distributore dei modelli cross di Honda e, in tempi più recenti, come fornitore di know-how per Yamaha ed altre aziende motociclistiche. Negli anni l’azienda conquista uno spazio sempre più importante nel settore ed inizia a produrre la propria gamma dei 50cc e 125cc che ha rappresentato, e rappresenta tutt’oggi, un riferimento qualitativo per la categoria. Alla crescita di mercato seguono i successi nelle gare: sotto il brand HM, infatti, vengono conquistati 12 allori mondiali tra enduro e motocross. Dall’ottobre 2017 l’azienda ha assunto la denominazione di Vent srl continuando l‘attività nel moderno stabilimento di Introbio con la professionalità, l’esperienza, la passione e le motivazioni di sempre da cui è decollato anche il progetto e-bike, che vede nel concept LDV500 una concreta dimostrazione della tradizionale e mai sopita intraprendenza dell’imprenditoria lombarda. LDV500 verrà lanciata sul mercato nella primavera del 2020.

Articolo precedentePROVA: ALPINE A110, RITORNO DEL PASSATO
Articolo successivoPROVA: HYUNDAI KONA HYBRID, ONLY GREEN
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”