Warning: Use of undefined constant TDC_PATH_LEGACY - assumed 'TDC_PATH_LEGACY' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.performancemag.it/home/wp-content/plugins/td-composer/td-composer.php on line 107
Max Biaggi: una stagione partita bene… | PERFORMANCEMAG.IT

Max Biaggi: una stagione partita bene…

656 0

Biaggi e Laverty…from Miami

A pochi giorni dall’attesissima gara italiana di Imola, Max Biaggi ed Eugene Laverty sono pronti a dare battaglia. Presenti in qualità di “guest star” alla Dealer Convention di Piaggio Group Americas che ha riunito i concessionari del Gruppo Piaggio di USA e Canada e i distributori dell’America Latina, gli alfieri nel Mondiale Superbike dell’Aprilia Racing Team hanno avuto modo dagli Stati Uniti di tirare le somme dopo la prima tappa stagionale.

 La vittoria e il secondo posto di Max Biaggi a Phillip Island, al debutto di un team completamente rinnovato, hanno confermato l’ottimo stato di forma del cinque volte Campione del Mondo e della sua straordinaria Aprilia RSV4.

“La stagione è partita del miglior modo possibile – ha dichiarato Max – Abbiamo vinto Gara 1 mettendo pressione a Carlos Checa ed alla Ducati e portandoli all’errore, mentre la rimonta dall’ultimo al secondo posto in Gara 2 è stata sicuramente una delle prestazioni più belle della mia carriera, non mi era mai successo. Dopo il contatto alla prima curva non pensavo di farcela, ma vedendo i buoni tempi giro dopo giro ho preso fiducia e spinto al massimo fino alla bandiera a scacchi. Due risultati che ci hanno ripagato di tutto il lavoro svolto durante il weekend e che ci fanno ben sperare, perché quando inizi la stagione vincendo l’atmosfera è positiva”.

Anche il feeling con la nuova squadra, capitanata da Aligi Deganello, è sembrato ottimo: “Se è vero che il buon giorno si vede dal mattino, siamo partiti con il piede giusto. Con il mio nuovo capotecnico Aligi Deganello e con i meccanici si è instaurato da subito un bel rapporto, nonostante il poco tempo a disposizione per amalgamare il nuovo team. E’ stato importante capire dall’inizio cosa mi servisse e come la squadra dovesse lavorare per aiutarmi ad ottenerlo, i risultati della prima gara ci danno fiducia per il resto del campionato”.

Per il compagno di squadra Eugene Laverty, quello australiano è stato un weekend difficile: “Non è stato un inizio dei più semplici. Lo scorso anno, nella mia stagione di debutto, mi sono tolto delle belle soddisfazioni, con vari podi e le due vittorie di Monza, ma se voglio lottare per il titolo devo essere costante da subito, salendo sul podio e vincendo ancora più gare”.

Il pensiero di Eugene va già alla prossima gara: “Gli avversari sono davvero tosti, a partire del mio compagno di box Max Biaggi ed il campione 2011 Carlos Checa. Da quando sono arrivato nel Team Aprilia so di avere la moto e tutte le carte in regola per poter puntare alla vittoria del Mondiale. In Australia non sono riuscito ad esprimere il mio potenziale, complice l’infortunio rimediato durante i test che ha condizionato tutto il lavoro. Per me la stagione inizia dalla prossima gara di Imola”.

 Max ed Eugene, di ritorno da Miami, sono stati impegnati in due giorni di prove sul circuito di Aragon dove hanno testato alcune nuove soluzioni in vista delle prossime gare. Molti i giri percorsi dagli alfieri dell’Aprilia Racing Team, con un riscontro cronometrico finale di 1’58.8 per Max Biaggi ed 1’59.5 per Laverty.

Andrea Di Marcantonio

Andrea Di Marcantonio

“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”