Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    MOTO GP: LORENZO, IL TITOLO E’ TUTTO SUO…

    Date:

    Condividi:

    Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2015 MotoGP dopo una gara in solitaria senza duello con Marquez, Rossi non ce l’ha fatta, ma ha corso una piccola impresa. Ora è tempo di guardare al 2016…

    Che dire su un mondiale così strano ma anche così intrigante. Che dire sulla delusione di Rossi e la gioia incontenibile di Lorenzo, Campione del Mondo MotoGP 2015. Che dire su un Marc Marquez in “attesa” per tutta la gara di Valencia e su un Pedrosa, grande come sempre, che ci ha provato si, ma forse un pelino tardi. Che dire di una stagione infernale, di contatti al limite del regolamento, di gossip che francamente potevano essere evitati e che dire di un Valentino Rossi che, partito con un morale a pezzi, ha saputo “comprendere” che doveva lottare, come ha fatto, attraversando tutto lo schieramento fino alla quarta posizione. Di più, lui, non poteva proprio fare.

    Moto GP. Jorge Lorenzo a fine gara a Valencia
    Moto GP. Jorge Lorenzo a fine gara a Valencia

    Stagione strana vero ma troppe discussioni, troppe “guerriglie urbane” troppa rabbia che, alla fine, si è trasformata nella gioia piena di Jorge Lorenzo, solo contro tutti se vogliamo ma veloce, cattivo, determinato a vincere fin dalle qualifiche.

    E nulla possiamo recriminare a Rossi. E’ stato grande, obiettivamente parlando, è stato come sempre chirurgico ma, questa volta, tutto il suo talento, non è bastato a fargli vincere il decimo titolo iridato. Mi dispiace solo una cosa: che, questo finale di stagione, ha messo uno contro l’altro i piloti: per cause personali, per “reati”, per polemiche, ecc, ecc. Mi spiace perchè tutti oggi sono meno amici e forse meno “disponibili” al dialogo sportivo.

    MotoGP 2015, Valencia, Jorge Lorenzo al box Yamaha
    MotoGP 2015, Valencia, Jorge Lorenzo al box Yamaha

    Si è creata una situazione brutta per davvero: compagni di team nemici, piloti di team diversi uno contro l’altro, dichiarazione eccessive di uno e dell’altro e strascico di polemiche mediatiche che certo con lo sport poco c’entrano… A volte, il compito di noi della stampa, dovrebbe essere quello di Comprendere (si uso la maiuscola perchè ci sta tutta!) prima di aizzare o schierarsi per l’uno o l’altro o giudicare senza stare in sella alle moto. Rossi, Marquez, Lorenzo, Pedrosa, oggi sono meno “amici” nel senso del rispetto, nel senso di quel rispetto in pista che fa del tuo avversario uno che corre come te e che rischia come te e che, quindi, merita anche e soprattutto quel rispetto mediatico finalizzato a non reindirizzare veleni.

    MotoGP 2015, valencia, podio, Lorenzo, Marquez, Pedrosa
    MotoGP 2015, valencia, podio, Lorenzo, Marquez, Pedrosa

    Mi piacerebbe pensare che, prima o poi, si torni al rispetto tra tutti. Valentino Rossi è quello che pensa stasera di più: ha perso il titolo per pochi punti e forse per molto di più. Lui è un innato talento, un grande delle due ruote, uno il cui nome fa più volte il giro del mondo e dove anche la più innocua persona anziana conosce e riconosce lui, il Vale nazionale come uno sportivo grande ed unico nella storia della MotoGP e delle corse in moto… E’ andata male vero, ma spero che Rossi attraversi questo spazio buio della sconfitta per uscirne ancora più forse e motivato per un 2016 che speriamo gli dia quel sapore di riscatto totale… Jorge Lorenzo è stato grande anche lui perchè ha saputo mantenere calma e “tatto” sulle qualifiche, sulla gara tutta, e certamente, per tutta la durata dell’ultimo appuntamento, sarà stato attraversato da miliardi di pensieri. Bravo comunque a dispetto anche dei suoi detrattori.

    MotoGP 2015, Lorenzo subito dopo la gara
    MotoGP 2015, Lorenzo subito dopo la gara

    Per concludere, due parole su Marc Marquez: gara strana la sua non è il suo stile quello visto a Valencia ma è andata come è andata ed il verdetto della Malesia su Rossi, ha cambiato anche la sua scelta ed il suo approccio a questo 18° ed ultimo appuntamento del Motomondiale. Ed alla fine è finita così, Lorenzo vince il mondiale, Rossi lo ha perso mentre Marquez è rimasto a guardare. Forse con un briciolo di dispiacere nel cuore, lo stesso dispiacere che lo accomuna a quello di Valentino. Dopotutto e se ci pensate bene hanno perso entrambi qualcosa in quest’ultima gara…

    MotoGP 2015, Lorenzo nelle qualifiche
    MotoGP 2015, Lorenzo nelle qualifiche

    Hiroyuki Yanagi, Presidente, Yamaha Motor Co., Ltd: “A nome del gruppo Yamaha Motor, desidero porgere le mie più sentite congratulazioni a Jorge Lorenzo per la conquista del titolo di Campionato del Mondo MotoGP 2015. Desidero inoltre esprimere la mia sincera gratitudine a tutti i tifosi, gli sponsor, e tutte le persone coinvolte nella campagna del campionato che hanno sostenuto Lorenzo e il team Yamaha per tutta la stagione. La vittoria del titolo di questa stagione segna il terzo titolo mondiale MotoGP nella carriera di Jorge Lorenzo, e segna anche il titolo di pilota numero 17 per Yamaha nella classe regina del campionato mondiale di motociclismo. Mi fa enormemente felice che siamo stati in grado di vincere, non solo il titolo della MotoGP, ma anche numerosi altri titoli di categoria in questo 60° anno legato al nostro anniversario dalla fondazione della nostra azienda… Non vedo l’ora di ancora maggiori successi nella stagione 2016 a venire.”

    MotoGP 2015, Valencia, Lorenzo campione del mondo 2015
    MotoGP 2015, Valencia, Lorenzo campione del mondo 2015

    Jorge Lorenzo, Campione del Mondo 2015 MotoGP: “C’era un sacco di pressione, soprattutto alla fine della gara, perché ho spinto per tutto il tempo ed ero abbastanza stanco di spingere così tanto. Dani ha recuperato così tanto tempo e così molti metri. Era a 0.5” ma ha recuperato tutto, quindi sapevo che avevo due piloti dietro di me e che, se mi avessero raggiunto, avrei perso il campionato, quindi è stata una situazione molto difficile. Ho anche sentito che il lato destro del pneumatico era distrutto, si muoveva tanto e ho dovuto andare molto lentamente entrando dentro le curve a destra, quindi non ho potuto tenere l1’31 alto. All’ultimo giro ho superato l’ultima curva ed ho visto la bandiera a scacchi e non riuscivo a credere che ho vinto la gara e il campionato all’ultimo momento. E’ un momento così rilassante e piacevole. Stavo piangendo nel gito d’onore, è una giornata fantastica per noi. Io uguale a Wayne Rainey, io uguale Kenny Roberts Sr, io uguale ad Ayrton Senna nel mondo del motorsport con questi tre titoli mondiali della classe regina, è incredibile! Dobbiamo godere di questo giorno, perché non si può vivere spesso un’emozione così!. Ho guidato con Valentino, Marc, Casey e Dani in pista. Per me questi sono i migliori piloti del 21° secolo… Sono sempre stato dietro in campionato ma ho recuperato punti e si tratta di un momento speciale quello di diventare campione del mondo nell’ultima gara. Non voglio pensare al 2016 ora. Vedremo più avanti durante il test, o dopo le prova. Ora voglio solo godere con la mia squadra come un matto, per sentire questo momento senza fine, perché non sarà facile ripeterlo e non sarà facile diventare di nuovo campione “.

    MotoGP 2015, Valencia, Valentino Rossi non ce l'ha fatta...
    MotoGP 2015, Valencia, Valentino Rossi non ce l’ha fatta…

    Valentino Rossi, 4° posto: “Abbiamo costruito questa stagione dalla prima gara ed è stata una grande stagione, sono sempre stato competitivo e non ho mai fatto alcun errore. Ho pensato dopo Motegi che avrei avuto la possibilità di vincere il campionato, ma purtroppo dalla gara di Phillip Island qualcosa è cambiato”.

    HONDA, PARLA X TUTTI SHINEI NAKAMOTO…

    Dani ha festeggiato il suo 100 ° podio della classe MotoGP, diventare solo il secondo pilota – insieme a Valentino Rossi – per raggiungere questo traguardo. Inoltre ha sigillato il quarto posto nel mondo Classifica dietro al compagno di squadra Marc in terza.