Impresa bizzarra in perfetto stile londinese quella compiuta da Marc Marquez, che ha attraversato il Tamigi sul Millenium Bridge in sella alla sua Honda, con bornout finale…

 

Moto GP 2014: Marc Marquez si prepara ad attraversare il Tamigi...in moto
Moto GP 2014: Marc Marquez si prepara ad attraversare il Tamigi...in moto

Honda Marc Marquez, ha portato Londra a un nuovo “record” visto che è stata la prima persona ad attraversare, ovviamente in sella alla sua Honda RC213V l’iconico Millennium Bridge.  Con la famosa Cattedrale di St. Paul come sfondo, Marc ha attraversato il ponte più volte ed ha concluso la traversata con un burnout spettacolare sul lato riva nord del fiume.

MotoGP 2014, Silverstone: Marquex a Londra per un'impresa unica
MotoGP 2014, Silverstone: Marquex a Londra per un'impresa unica

“E ‘stato davvero bello diventare la prima persona al mondo ad attraversare il Millennium Bridge su una moto e, questo evento, è stato davvero importante per la MotoGP in vista del Gran Premio di Gran Bretagna…Siamo stati anche molto fortunati con il tempo, normalmente aspettavo la pioggia in Inghilterra! Sono contento di essere qui, nel centro di Londra, in una giornata così luminosa, a cavallo sul fiume Tamigi ed è stata un’esperienza memorabile. La superficie metallica scivolosa del ponte non l’ha resa facile, ma ho provato a mettere su un bello spettacolo per tutti i tifosi che sono venuti a vederci! “.

MotoGP 2014 Silverstone: Marc Marquez sul Millenium Bridge
MotoGP 2014 Silverstone: Marc Marquez sul Millenium Bridge
yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSBK: BIMOTA SALTA LE ULTIME 3 GARE
Articolo successivoMOTO GP: VALENTINO ROSSI ATTESISSIMO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”