Ecco Twingo Z.E. la city car full elettrica di Renault: può percorrere fino a 250 km con un pieno di energia e vanta un motore da 82 CV ed una batteria da 22 kW. Stesse dimensioni, stesso spazio, identica praticità

Twingo è l’utilitaria di successo che, di utilitaria, ha davvero ben poco. Un modello fortunato per tre generazioni di una city car che, fin dal suo esordio nel lontano 1992, ha conquistato il consenso di oltre quattro milioni di vetture vendite in ben 25 Paesi, record che davvero poche auto posso realmente vantare.

renault-twingoZE-performancemag.it

 

La new generation di Twingo 2019 ha visto agire su grandi “stravolgimenti” tecnici, introdotti per adattarsi all’innovazione del futuro nel segmento city car: tra questi, motore posteriore a filo del pianale, una maneggevolezza unica resa possibile dall’assenza del gruppo motore/trasmissione sulla zona anteriore ed una linea decisamente nuova che punta sull’altezza vettura e sulla maggiore capienza “abitativa” per i passeggeri. Ne risulta una vettura fresca, giovane ma, soprattutto, molto piacevole da guidare.

renault-twingoZE-performancemag.it

Mezz’ora di ricarica è si possono percorrere 80 km

Ma le novità Renault non sono finite, viste che oggi arriva Twingo Z.E., versione full electric che mantiene tutte le principali caratteristiche del modello endotermico, prima tra tutte il miglior raggio di sterzata del mercato fattore tecnico che si somma alla velocità di ricarica alla colonnina (basta mezz’ora di ricarica per percorrere 80 km), quattro volte più rapida rispetto alla concorrenza elettrica.

renault-twingoZE-performancemag.it

Stesso spazio e gestione termica con raffreddamento ad acqua

Twingo Z.E. è stata concepita su una piattaforma pensata espressamente per un modello elettrico: vanta una batteria da 22 kWh ioni di litio sviluppata con LG Chem ed è inglobata nella struttura senza nulla togliere allo spazio preesistente né nel volume del bagagliaio quantomeno alla sua abitabilità.

La gestione termica punta sul raffreddamento ad acqua, cosa del tutto nuova per Renault, mentre lo speciale caricabatterie Caméléon, già utilizzato su ZOE, permette una ricarica su colonnine AC fino a 22 kW. Il tutto è infine protetto dalla Crash Box in alluminio che eleva la resistenza laterale.

renault-twingoZE-performancemag.it

Assemblata in Slovenia, note blu per raccontare che è elettrica

Cléon invece produce l’intero gruppo motopropulsore mentre Twingo Z.E. è assemblata in Slovenia negli stabilimenti di Novo Mesto, linee da cui escono tutte le Twingo. Come per il resto della Twingo Family, la vettura è totalmente personalizzabile mentre gli elementi distintivi della versione elettrica si evidenziano con il centro delle ruote dal bordo blu (integrato al mozzo), il logo Z.E. Electric sul portellone posteriore e la firma integrata al montante centrale, senza dimenticare lo stripping laterale sull’allestimento Intens.

renault-twingoZE-performancemag.it

La presa di ricarica Tipo2 è stata posizionata dove c’è lo sportellino di rifornimento carburante dei modelli endotermici. Altra chicca, è la presenza del logo Z.E. inciso sotto al pomello della leva del cambio, automatico EDC a sei rapporti, con cui si seleziona il Mode di guida, che si aggiunge al sistema EASY LINK.

82 CV e 160 Nm di coppia e mode di guida B-Mode

Il motore elettrico da 60 kW, quindi 82 CV, vanta una coppia di ben 160 Nm che consente un’accelerazione da 0 a 50 km/h in 4” per una velocità massima di 135 k/h; non manca il Mode di guida B-Mode che include tre livelli di frenata rigenerativa che si attivano non appena viene rilasciato il pedale acceleratore. Tra il primo ed il terzo livello c’è molta differenza nel freno motore. Ora la nota forse più interessante, l’autonomia: Twingo Z.E. può percorrere 250 km su ciclo WLTP che, in Eco-Mode diventano 215 sul misto.

renault-twingoZE-performancemag.it

Z.E. Voice

Dentro solo silenzio, ma un suono è percettibile all’esterno per la massima sicurezza dei pedoni: nuova Twingo Z.E. adotta il dispositivo “Z.E. Voice” di Nuova ZOE, così il conducente può selezionare fino a tre tipi di suoni, la cui intensità varia in funzione della velocità, che però si disattivano oltre i 30 km/h, quando il sound generato dal rotolamento degli pneumatici e dalla penetrazione nell’aria diventa sufficiente per segnalare la presenza dell’auto.

Abitabilità e modularità

Dotata di cinque porte, pianale piatto e sedile del passeggero completamente reclinabile, ed una lunghezza di carico pari a 2,31 metri. il volume del bagagliaio, chiuso da un portellone dotato di maniglia, è invariato rispetto a Twingo endotermica, ovvero 240 litri. Twingo Z.E. offre una consolle centrale con vani e prese di ricarica adatti per gli smartphone, oltre ad un vano portaoggetti chiuso.

 

Articolo precedentePROVA: NEW HYUNDAI i10, TUTTA NUOVA
Articolo successivoPROVA ENDURO: BETA RR 350
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”