Nel corso dei test collettivi CIV di Imola RMU Racing ha presentato nel proprio box  tutto il team 2014. Tante novità ed obiettivi, ne parliamo con Alessandro Ruozi…

 

Questa è una squadra che parla italiano: per idee, passione, storia, ma, soprattutto capacità professionali. RMU è oggi una grande realtà agonistica che costruisce moto vincenti e riesce a creare campioni. Alessandro Ruori, Team Manager del progetto RMU, ha ben chiare le idee del futuro che parlando di Moto3, di Motomondiale e di continua evoluzione tecnica oltre che umana, se parliamo delle capacità che ha insite il team reggiano.

RMU Moto è leader europeo nella produzione di moto da competizione fino a 250 cc, tra l’altro vincitore in soli 4 anni, di ben 19 titoli nazionali e internazionali. Nel palmares spiccano i risultati di Campione italiano uscente PreGP 125 cc e PreMoto 3 250 cc, Campione spagnolo uscente PreMoto 3 250cc e Challenge 80cc. Con RMU Moto hanno corso e vinto negli ultimi anni  Fabio Quartararo, Nicolò Bulega, Enea Bastianini, Luca Marini, Aron Canet  Barbero, Tony Arbolino  e diversi altri talenti del nostro rinnovato motociclismo.

Risultati importantissimi e grandi riconoscimenti

La squadra 2014 parteciperà al CIV nelle classi PreMoto 3 e Moto 3: Alessandro Ruozi, Manager del Team, sempre affiancato da Ramona Gattamelati nel ruolo di team Co Ordinator, può ritenersi orgoglioso di questa crescita esponenziale, basata su grande professionalità della struttura oltre che dei risultati ottenuti sul campo. E, ad Imola, è stata mostrata per la prima volta la stupenda RMU RM 3 Moto 3, disegnata e realizzata interamente a Mancasale presso gli stabilimenti del gruppo, frutto di oltre quattro anni di studi e ricerca.

Monta un motore Honda Evo 6 che rappresenta lo stato dell’arte nel campo dei monocilindrici da GP, mentre il pacchetto sospensioni è stato sviluppato da Gubellini Group. Sarà guidata dalla promettentissima e grintosa Cecilia Masoni, una sedicenne bella e veloce. Presenti il responsabile del CIV Simone Folgori, la Capo ufficio stampa del Campionato Maria Guidotti, i piloti Francesco Bagnaia e Michel Fabrizio oltre al collega Stefano Bergonzini che ha illustrato i programmi di quest’anno. Ma, da Allessandro Ruozi, abbiamo ascoltato anche (e non solo) le novità 2014 e gli obiettivi che questo attivissimo team si propone per la stagione appena iniziata.

I piloti RMU Racing 2014

Classe PreMoto3 125 cc

Celestino Ramus Vietti, nato a Ciriè (TO) il 13 ottobre 2001. Campione Italiano MiniGP

Kevin Zannoni, nato a Cesena l’8 settembre 2000. 3°classificato MiniGP 201

Alex Triglia, nato a Massa Carrara il 22 febbraio 2000. pilota MiniGP 2013

Classe PreMoto 3 250 Cc

Bruno Ieraci, nato a Giulianova (TE) il 14 agosto 2000. 3°classificato PreGP 2013

Stefano Ferrante, nato a Pescara il 22 luglio 1999. 15°classificato PreGP 2013

MOTO 3

Cecilia Masoni, nata a Scandiano (RE) il 21 aprile 1997. 5a classificata Campionato Italiano Moriwaki 2011

Alessandro Ruozi RMU: “un 2014 che segna un passaggio fondamentale…”

Cosa cambia sulle nuove moto?

“Il 2014 segna per noi un balzo in avanti, fondamentale con la produzione di una nostra moto 250 cc per la classe Moto 3. L’abbiamo interamente progettata e realizzata presso i nostri stabilimenti di Mancasale ed è equipaggiata con un motore Honda Evo 6, l’unità di 250 cc utilizzata da Fabio Quartararo nel CEV, mentre le sospensioni sono Ohlins gestite da Davide Gubellini. Il telaio è completamente nostro, così come tutte le parti meccaniche fondamentali. Prima della presentazione a Imola, è stata collaudata in diversi test da piloti professionisti ed i riscontri cronometrici sono stati davvero brillanti. Sarà portata in gara nel CIV Moto 3 da Cecilia Masoni, una ragazza promettente che torna in gara dopo 2 anni. Non escludiamo di poterla affiancare con un secondo pilota professionista nel corso della stagione. Per il resto per le PreGP 125 cc 2 tempi e 250 cc 4 tempi continua la collaborazione con TM Racing che ci ha permesso di vincere 19 Campionati in 4 soli 4 anni”.

RMU è un marchio in espansione?

“Nel 2014 ci saranno ben 20 RMU in pista nei Campionati di tutta Europa. Si tratta di un numero che noi giudichiamo molto interessante per un piccolo costruttore. In particolare abbiamo raggiunto l’accordo con il team Estrella Galicia Munlau Racing di Emilio Alzamora per la fornitura in esclusiva di 4 moto per le classi Challenge 80 cc e PreMoto 3 250 cc destinate alla Coppa di Spagna. Questo ci apre nuove prospettive e sinergie in Spagna e non solo, visto che, proprio questa nazione, è oggi il più importante per il motociclismo”.

Credi nel vostro successo, come viene costruito?

“Il successo di RMU si basa su un  lavoro costante e metodico di investimento sulla qualità delle moto e sui giovani piloti. In questi anni hanno corso e vinto con noi, Fabio Quartararo, Enea Bastianini, Nicloò Bulega, Luca Marini, Aron Canet eTony Arbolino e tanti altri. Ogni anno cerchiamo nelle categorie minori dei talenti che abbiamo un buon potenziale e voglia di mettersi in luce. Questo richede passione e investimenti, ma è un metodo che da quattro anni ci sta dando grandi risultati”.

Parlaci dei rider 2014?

“Accanto a Cecilia Masoni, che è la nostra pilota per in CIV Moto 3 che dovrà crescere in parallelo con la moto in un Campionato di alto livello, disponiamo di una squadra che giudico fortissima nel CIV PreMoto 3, come è emerso dai test collettivi di Imola che si sono conclusi ieri. Bruno Ieraci con la RMU 250 cc 4 tempi ha girato in 2’07, 2 secondi più veloce dalla pole di Bulega di un anno fa. Alex Triglia in 125 cc secondo me potrebbe essere la sorpresa del Campionato per come guida e per il potenziale di crescita, deve solo trovare convizione sui suoi mezzi. Anche Celestino Vietti e Kevin Zannoni sono ottimi piloti per la 125 cc. Completa la squadra Stefano Ferrante, un pescarese che per adesso si è nascosto ma che quest’anno ha l’occasione per emergere in PreMoto 3 impegnandosi a fondo”.

Articolo precedenteUN ABBRACCIO VERO A CLAUDIO PORROZZI
Articolo successivoPROVA: SUZUKI JIMMY EVOLUTION, OVUNQUE 4X4
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”