Parte lo sprint finale del campionato superbike 2012…

Terz’ultima gara dell’anno per max biaggi, in piena rincorsa al mondiale. Eugene laverty arriva al Nurburgring per continuare la crescita in sella alla RSV4.

Dopo il debutto della Superbike in Russia, le derivate di serie fanno tappa al Nurburgring, storico nome che riporta alla mente le imprese compiute dai grandi campioni nel vecchio tracciato della Nordschleife. Per Max Biaggi si tratta di una gara decisamente particolare, sia per l’andamento del Campionato sia perché proprio sull’asfalto tedesco il Corsaro incappò nel 2011 in un infortunio che ne condizionò la fine di stagione.

A tre gare dal termine del Mondiale, Max è in piena corsa per la vittoria finale. Le difficoltà di Silverstone e Mosca hanno riaperto i giochi nella parte alta della classifica ma non hanno minato la tenacia del cinque volte campione mondiale. Al Nurburgring Max Biaggi vuole tornare a lottare per la vittoria.

“Il circuito del Nurburgring mi è sempre piaciuto, anche se lo scorso anno ci ha giocato un brutto scherzo. Dopo Silverstone e Mosca siamo diventati noi gli inseguitori, una posizione scomoda ma che deve servirci da stimolo per ritornare competitivi. Ogni gara da qui alla fine sarà un matchpoint, vincerà chi saprà mantenere la calma e la concentrazione. Inutile dire che sarà vietato anche il minimo errore”.

Il weekend russo si è concluso con una scivolata, ma Eugene Laverty ha raccolto buone sensazioni nelle gare del Moscow Raceway. Sempre in lotta per il podio, il pilota di Toomebridge sembra aver raggiunto un feeling promettente con la sua RSV4 nelle diverse condizioni, ed in Germania farà di tutto per confermare questa impressione.

“La pioggia ci ha inseguito ovunque, ed ora arriviamo al Nurburgring dove lo scorso anno abbiamo affrontato un nubifragio. Speriamo non si ripetano quelle condizioni! La pista è divertente, con molte curve in pendenza. I cambi di direzione lo rendono un circuito piuttosto fisico, caratteristica che apprezzo. Ultimamente siamo stati competitivi ma non abbiamo raccolto quanto meritato, speriamo di chiudere il cerchio questo weekend in Germania”.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteTitolo numero 6 per il grande CAIROLI
Articolo successivoMX: GP Europa, tanto spettacolo per tutti
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”