Interessante il tema attorno a cui si svilupperà lo stand Suzuki al Salone di Tokio: Let’s Create a Brand New Story, ogni persona è diversa ed ognuno ha le sue esigenze…

Sarà la 43° edizione del Tokyo Motor Show, Salone dove moto e stravaganze creative si mixano alla perfezione. Suzuki porterà i modelli più importanti della Gamma 2014 e, soprattutto, alcuni prototipi che parlano di futuro e di una nuova e possibile identità motociclistica legata alla mobilità individuale. Spuntano quindi moto come la Recursion, non tanto come design, quanto perchè il motore che la equipaggia dispone di turbocompressore ed attenzione perchè questa è la carta del futuro moto.

Turbo, la prossima frontiera della moto grazie all’elettronica…

La probabile arma segreta della prossima stagione e di quelle novità sconvolgenti di cui abbiamo parlato nel servizio My Eicma… Il turbo potrebbe e rappresenta la “variabile tecnica” per ottenere performance con bassa cilindrata, anche se questa strada fu in voga negli anni ’80 ma senza successo a causa delle difficoltà di messa a punto senza l’elettronica che abbiamo oggi…

EXTRIGGER: una moto elettrica con il telaio in alluminio

Questa interessante moto elettrica, è stato sviluppata sulla base del progetto scooter e-Let’s: vanta telaio in alluminio molto compatto e dal design inusuale, peraltro a quello di una bicicletta, con forcelle a steli rovesciati, freni a disco anteriori e posteriori ed un bel forcellone posterire con capriata. Una moto pensata per il massimo divertimento e dinamismo, adatta anche a coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo delle due ruote: il suo nome di fatto, è una sintesi tra le parole E – elettrico – X – per – e Trigger – inizio. E non poteva  mancare un dispositivo elettronico che consente all’utente di essere sempre connesso, sia con il proprio Concessionario di fiducia, sia con i social network.

RECURSION: Un motociclo di media cilindrata dai dettagli sofisticati.

Mostra senza paura uno stile ricercato, che si sposa con le prestazioni tipiche di una moto progettata per i viaggi, dalla grande maneggevolezza, paragonabile a quella di uno scooter… Spicca la zona tecnica con il nuovo motore da 588 cc, raffreddato a liquido, con 2 cilindri in linea, dotato di turbo intercooler (e questo è un elemento significativo che certamente rappresenta in parte il futuro delle due ruote, uguale cilindrate ridotte e turbocompressore per le performance), installato su un veicolo dalle dimensioni molto compatte: maneggevole e dai consumi assolutamente contenuti, perfetto sia per un uso quotidiano, sia per percorrere tragitti lunghi. Il nome richiama il divertimento “puro” che si prova nel guidare una moto.

ET4D Concept: Veicolo elettrico dotato di driver-assist dall’utilizzo intuitivo

Un prototipo pensato per una sana mobilità a corto raggio, indirizzato a persone con difficoltà motorie; è equipaggiato con innovativi e sofisticati sistemi di sicurezza; un sistema di driver-assist assolutamente intuivo, lo schienale inclinabile per una postura personalizzata, il sistema di guida a comandi vocali, un ampio cestino per il trasporto di oggetti, il sistema di riscaldamento e quello vocale di assistenza alla guida.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteINTERVISTA: MARQUEZ, ORA SOLO RELAX!
Articolo successivoVYRUS A SWISS BODYPAINTING 2013
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”