Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    Suzuki Vitara Hybrid 1.5 140V Allgrip, B-SUV no limits

    Date:

    Condividi:

    Suzuki Vitara, nome e stile iconici per il nuovo ed evoluto B-SUV Suzuki. Nuova Vitara Hybrid 1.5 140V 2WD e 4WD offre ampio utilizzo e tanto spazio per tutti

    La storia di Suzuki Vitara vede la luce nel lontano 1988 come “prima esperienza” pioneristica nel segmento SUV. L’idea era quella di ottenere un veicolo che potesse arrivare più o meno dappertutto e questo accaddeva già con la 4×4 Jimny nel 1970. Ed oggi arriva Vitara Hybrid 1.5 140V 2WD e 4W.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Suzuki però, volevo compiere un ulteriore salto per offrire più comfort, spazio e personalità. Ed è proprio da queste radici che nasce Vitara.

    Un nome ed uno stile ormai iconico che oggi scopre questo nuovo ed evoluto SUV con la versione Vitara Hybrid 1.5 140V 2WD e 4WD. Nuovo motore, un nuovo cambio automatico e soprattutto un innovativo sistema ibrido, per il B-SUV Suzuki che affianca Vitara Hybrid 48V con motore 1.4 Booster Jet. Il prezzo di questo B-SUV disponibile in questa versione provata STARTWIEV è di 30.400,00 euro chiavi in mano ed IPT esclusa.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Nuova Suzuki Vitara, design pieno e muscoloso

    Nuova Vitara Hybrid, si rivolge al “grande pubblico” con il suo design più accattivante che prevede l’inserimento di dettagli come la mascherina dotata di cinque listelli cromati e le luci posteriori LED 3D.

    E sono a LED anche i proiettori anteriori con profilo azzurro interno al gruppo stesso. Sono ben 14 le colorazioni disponibili per Vitara Hybrid 140V con 7 metallizzati bicolore, 2 pastello e 5 metallizzati.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Hybrid con tecnica raffinata e compatta

    Come accennato, il nuovo motore 1.5 DualJet K15C 140V, si affianca al già esistente 1.4 BoosterJet dotato di sistema ibrido 48V. Il DualJet prevede un modulo ibrido con motogeneratore da 24,6 kW e batteria litio-titanato di trazione da 140V a cui si aggiunge il cambio robotizzato AGS.

    Si tratta di un progetto totalmente Suzuki che punta alla riduzione del peso ed alla massima efficienza meccanica, senza dimenticare un’architettura concepita per il sistema di trazione 4WD AllGrip.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    La novità, quindi riguarda il modulo ibrido. Questo si compone di due elementi, batteria da 140V e motogeneratore da 24,6 kW. La batteria è stata collocata sotto al vano portabagagli ed è inserita in una porzione del doppio fondo, ed il suo progetto vede racchiuso in un unico modulo tutti i sottosistemi per il funzionamento.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Pacco batteria da 56 celle

    Il modulo ibrido si compone di pacco batterie a 56 celle da 2,5V, per un “flusso” totale di ben 840Wh, di una centralina di gestione del pacco batterie, di un modulo inverter per la conversione della tensione continua in trifase per alimentare il motogeneratore e da un efficiente sistema di raffreddamento attivo ad aria.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Unico modulo, stesso volume per le offerte ibride Vitara

    La combinazione dei quattro elementi in un unico modulo unico ha consentito di ottimizzare lo spazio senza intaccare l’abitabilità ad esempio dei passeggeri posteriori. E non c’è differenza di volume se parliamo del pianale in posizione rialzata nel confronto con Vitara equipaggiata con motore 1.4 48V. Ovvero 302 litri con sedute in posizione normale e 710 litri con sedili in posizione reclinata.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    I vantaggi della batteria litio-titanato

    La batteria 140V non è una comune al litio ma una litio-titanato, la cui caratteristica peculiare e quella del passaggio di elettroni più rapido rispetto ad un anodo rivestito in carbonio.

    Questo scatena quattro vantaggi immediati per i cicli di carica/ricarica come massima efficienza anche con temperature elevate, efficienza superiore se parliamo di energia erogata e caricata a parità di capacità nominale, maggiore resistenza al decadimento naturale delle reali capacità e dunque più cicli vitali e aumentata affidabilità delle celle singole.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Motogeneratore MGU, ruolo essenziale nella catena

    Ma la batteria da 140V alimenta anche il motogeneratore MGU. È collegato per mezzo di un riduttore ad un albero parallelo a quello del primario del cambio e garantisce la trazione al B-SUV Suzuki in sincronia con il motore termico. Può erogare fino a 24.6 kW con coppia di 152,7 Nm. Ed in fase di frenata o rallentamento, funziona da generatore per la carica della batteria 140V.

    A quest’ultima poi, si associano ulteriori due batterie, una al piombo 12V nel vano motore ed un’altra al litio 12V collocata sotto al sedile del guidatore. Entrambe sono aggregate per la gestione dell’ISG Starter Generator che svolge alcune “azioni” come quella di motorino di avviamento ed alternatore.

     performancemag.it-test-Suzuki-Vitara-Hybrid-140V

    Motore tutto nuovo a ciclo Aktinson

    Si tratta di un quattro cilindri “aspirato” 16 valvole da 1462 cc (74×85 mm) denominato DualJet K15C. Vanta rapporto di compressione di 13:1 e ciclo Aktinson per una potenza complessiva di 102 Cv a cui si somma la potenza del motogeneratore per un totale di 115 Cv erogati a 6000 giri.

    La coppia massima è di 138 Nm a 4400 giri. A questa unità, è associato il nuovo cambio robotizzato AGS sviluppato da Suzuki al fine di integrarsi perfettamente con il sistema ibrido 140V.