James Hillier vola stratosferico al TT sulla Ninja H2R, polverizzando così il record di velocità… Frantumati tutti i record di velocità al TT grazie alla sovralimentazione della moto…

James Hillier fa segnare il record di velocità sul famoso circuito Isle of Man TT con 331,2 km/h sul rettilineo di Sulby. Il pilota del team Quattro Plant Kawasaki si è dichiarato nervoso ma eccitato alla prospettiva di guidare la Ninja H2R sul circuito di 60,75 chilometri.

TT 2015 record, James Hillier in sella alla Ninja H2R sovralimentata
TT 2015 record, James Hillier in sella alla Ninja H2R sovralimentata

Sulla linea di partenza TT, il team di Hillier ha rimosso le termocoperte e Hillier è partito accelerando giù per Bray Hill con l’urlo del 4 cilindri sovralimentato che ha impressionato anche il fan TT più accanito. Hillier termina il giro in un batter d’occhio, gas aperto, definendo l’esperienza semplicemente unica.

TT 2015, James Hillier al via
TT 2015, James Hillier al via

“E’ stato folle, semplicemente folle – racconta un Hillier chiaramente scioccato a conclusione del giro -. “Un’accellarazione straordinaria. Era veloce ovunque, una cosa incredibile. Avevo attivato l’App che utilizzo quando vado in bici e sul dritto di Sulby, full gas, ha registrato una velocità massima GPS di 331 km/h… Whaaaaat?!”

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMOTO GP: LORENZO AL TOP, DISASTRO MARQUEZ…
Articolo successivoWRC SARDEGNA: OGIER N.1 ANCHE IN TERRA ITALIANA…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”