Video intervista a Omar Olmeda di MDG Suspension: falsi miti da sfatare, cosa sapere ed a chi affidarsi per un lavoro personalizzato sulle sospensioni

Era un’idea che mi girava per la testa da molto, molto tempo. Da anni frequento i campi gara nella Velocità ma, soprattutto, nel Motocross ed ho sempre notato qualche “incertezza tecnica” che spesso porta gli appassionati a confondersi quando devono effettuare una revisione. Specie se parliamo di sospensioni.

Questo è un segmento del tutto particolare, dove sono in tanti a dichiararsi esperti tecnici quando, di base, quello che possiedono è solo un attestato di partecipazione ad un corso legato alla revisione delle sospensioni. Con il tempo ma soprattutto ascoltando le persone, ho imparato e visto tanta poca professionalità in alcune persone che si “spacciano” per tecnici qualificati, quando la qualifica non è completata ed integrata dall’esperienza sul campo, dalla conoscenza del pilota che si decide di “trattare” quanto alla moto che dovrà guidare. Tutte variabili di cui si deve tener conto nell’approccio ad un setting legato alle sospensioni.

performancemag.it-PROGETTO-MX-MDG

Con PROGETTO MX 2020 poi, ho affinato ulteriormente la conoscenza su come si lavora su aree così sensibili come sono la forcella ed il monoammortizzatore. La mia conoscenza con Omar Olmeda di MDG Suspension, risale a PROGETTO ENDURO, quando all’epoca affidai a lui le sospensioni della moto da gara di Andrea Giubettini, poi vincitore della Coppa Italia.

Con Omar c’è sempre stato un ottimo rapporto tecnico, perché, oltre alla sua velocità nel comprendere i problemi, lo è altrettanto nel trovare la soluzione. Con questa collaborazione ho imparato che non esistono “maghi” o “guru” delle sospensioni ma, piuttosto, un mare di persone realmente poco qualificate nel comprendere come e dove mettere le mani.

Questa collaborazione legata al mio nuovo PROGETTO MX 2020 sta dando frutti molto interessanti: sia Alex quanto Marco sono migliorati nel tempo sul giro ed oggi sono pronti alla loro sfida nel Campionato Italiano MX 2020, il cui start sarà con Marco Clementini nella Prestige il prossimo 18/19 luglio per poi passare, l’1/2 agosto alla primissima prova anche per Alex Bruni nella Senior 125.

Per questo, a bordo del nuovo Ford Transit Custom Hybrid Plug-in, sono andato a trovare Omar per realizzare questa intervista dove sfatare falsi miti, capire cosa significa lavorare sulle sospensioni ma, soprattutto, come muoversi in mezzo a tante persone che si ritengono “qualificati” ma che poi nella realtà non curano e guidano il pilota nel setting personalizzato.

Da questa video intervista, emergono molti dati che spero possano esservi utili per capire a chi rivolgersi, soprattutto per non rimanere delusi da setting troppo standard. Come spiega Omar Olmeda, chi lavora alle sospensioni non è l’ingegnere che le ha progettate, ma solo un tecnico che sa migliorare lo stato delle cose, personalizzando a seconda dello stile di guida, peso e moto, il setting delle sospensioni. Nessuna invenzione quindi ma solo un approccio più “intimo” e capillare su questo elemento essenziale per guidare forte la vostra moto da cross. Che siate piloti professionisti o semplici appassionati…

VIDEO INTERVISTA A OMAR OLMEDA MDG SUSPENSION

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteBETA RR 50 RACING 2021, IL CORSO
Articolo successivoPROGETTO MX PARTE CON CLEMENTINI
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”