La voglia di avventura, viaggi ed utilizzo sempre più ampio delle due ruote è parte integrante dei nuovi modelli 2015: Honda presenterà la nuova Crossrunner 2015, che prevede tutta una serie di aggiornamenti…

Una moto globale, unica, con cui rispondere alla domanda di avventura totale, concetto di evasione e approccio alle lunghe distanze che la rendono ancora più godibile quando la parola d’ordine è solo avventura. La Crossrunner 2015 quindi, è  caratterizzata dal motore V4 di 90° da 800 cc, “sfrutta” tutti i benefici del motore Vtec 16 valvole che eroga 106 Cv a 10.250 giri con allungo che si estende fino alla soglia dei 12.000 giri…

Novità 2015, Honda Crossrunner
Novità 2015, Honda Crossrunner

Le novità della Crossrunner 2015

Forte de telaio in alluminio con struttura bitrave pivot-less, il modello 2015 è equipaggiato quindi con un nuovo monobraccio con capriata di rinforzo oltre alle ruote a 12 razze con coperture on/off da 120/70×17″ e 180/55×17″ e le sospensioni vantano ora escursione maggiore con +25 mm per la forcella HMAS a cartuccia e ben 28 per il mono posteriore; c’è l’ABS di serie ed ovviamente rivisto anche l’impianto frenante, con doppio disco flottante anteriore da 310 mm con pinza ad attacco radiale a 4 pistoncini.

Novità 2015, Honda Crossrunner
Novità 2015, Honda Crossrunner

Il rider dispone poi dell’ HSTC – Honda Selectable Torque Control – a due livelli (è disattivabile) che “reagisce” alle perdite di aderenza del posteriore, lavorando sull’espressione della coppia motrice sulla ruota posteriore per garantire sempre un grip ottimale. Tra le altre novità, oltre alle finiture, ci sono le manopole riscaldate di serie su 5 livelli di calore, sella regiolabile in altezza su 2 livelli, indicatori direzioni a disattivazione automatica e impianto luci full-led

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMOTO GP: DUCATI TEAM AL MISANO CIRCUIT
Articolo successivoMOTO GP: MARQUEZ FA IL PIENO A CORPOLO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”