Quarto titolo per Kiara Fontanesi, tante emozioni da raccontare in queste poche battute alla fine di una manche che è valsa il titolo della migliore al mondo…

Lo champagne subito dopo l’arrivo, l’abbraccio della famiglia, del team e di chi ha condiviso con lei una stagione ricca di colpi di scena. La tensione tramutata in gioia. L’urlo liberatorio. Emozioni difficili da raccontare. Ecco la sintesi del quarto titolo mondiale della Kiara, un risultato eccellente, unico quanto complesso e sudatissimo. Kiara ci ha messo un po’ di tempo a realizzare di avere fatto poker mondiale.

MX Femminile 2015, Kiara Fontanesi 4° titolo iridato per lei
MX Femminile 2015, Kiara Fontanesi 4° titolo iridato per lei

Ha urlato dopo l’arrivo. Ha alzato la tabella di campionessa del mondo sul podio. Poi è arrivata alla tenda del team ancora incredula.“Ho il cervello a zero. Ancora non riesco a capire, ma sono contenta – ha detto a caldo – Bello. Bellissimo”.

Ha brindato, ha fatto una doccia fredda e poi ha iniziato a realizzare che ancora una volta la più forte è lei. Per l’ennesima volta, ancora lei!

Ci credevo in questo mondiale. Sabato ero arrabbiata per la partenza, per serre partita ultima e avere rimontato. Sapevo di essere la più veloce. Così stamattina ho pensato solo a quello. Che la più veloce in pista ero io”, ha spiegato la Fontanesi.

Loket, Mondiale in questo ultimo giro di gara per la Fontanesi
Loket, Mondiale in questo ultimo giro di gara per la Fontanesi

Fuori la Lancelot nel giro di ricognizione. Mondiale quasi cucito… Mancava però una gara intera. Venticinque minuti di passione. Ho dovuto cambiare gli obiettivi prefissati e studiati a tavolino. Subito è stata dura, non sapevo cosa fare. Poi mi sono sciolta, ma senza mai rischiare”.

Mondiale numero 4… Un vero Record… Fantastico come ogni mondiale vinto. Me lo meritavo. Sono sempre stata la più veloce in prova. Poi in gara ho avuto qualche episodio sfortunato. Alla fine però ce l’ho fatta. Sono contenta e dedico questo titolo a tutti quelli che mi vogliono bene”.

Kiara ed il suo Team Yamaha,
Kiara ed il suo Team Yamaha,

Intanto in sottofondo i tifosi urlano il nome di Kiara. La famiglia e il team sono commossi per l’ennesima impresa. Tutti ci credevano a questo mondiale arrivato dopo un sabato thriller. La gioia è esplosa. Ancora una volta è lei la più forte. Ed ora c’è da festeggiare per la ragazza più titolata al mondo, la prima a regalare quest’anno un titolo mondiale all’Italia dei grandi campioni

GP REPUBBLICA CECA, risultati

Prima manche: 1. Van De Ven (Yamaha) 12 giri in 24’37”678; 2. Lancelot (Kawasaki) a 2”838; 3. Fontanesi (Yamaha) a 22”746; 4. Verstappen (Yamaha) a 54”174; 5. Charroux (Yamaha) a 1’15”891

Seconda manche: 1. Van De Ven (Yamaha) 12 giri in 25’13”129; 2. Fontanesi (Yamaha) a 14”787; 3. Verstappen (Ktm) a 18”139; 4. Charroux (Yamaha) a 32”198; 5. Dalgaard (Honda) 34”395

Classifica GP: 1. Van De Ven 50; 2. Fontanesi 42; 3. Verstappen 38; 4. Charroux 34; 5. Daalgard 28

Campionato del Mondo 2015: 1.Fontanesi 260 – 2. Lancelot 242 – 3. Van De Ven 229 – 4. Verstappen 176 – 5. Vaage 150

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedente8 ORE DI SUZUKA: VINCE IL TEAM YAMAHA
Articolo successivoPROVA: HONDA CROSSRUNNER VTEC 800
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”