Sul circuito di Navarra in scena una delle gare più appassionanti del CEV con Nicolò Bulega che ha lottato fino all’ultimo per la vittoria, poi sfumata…

Il pilota riminese della VR46 Riders Academy al via dalla quarta casella è partito subito bene, alternandosi al comando prima con Canet, poi al secondo posto con Mir. Dall’undicesimo giro però Bulega è riuscito a staccare Mir iniziando a recuperare metri sul primo (cinque decimi in nemmeno due giri) fino a giocarsi la vittoria all’ultima curva.

CEV 2015, Nicolo' Bulega con Luca Brivio ed i tecnici
CEV 2015, Nicolo’ Bulega con Luca Brivio ed i tecnici

Questo ulteriore secondo posto che arriva dopo quello ottenuto ad Albacete in gara 7, porta Bulega al terzo posto in classifica generale, ad un solo punto da Mir e a quarantuno dal capoclassifica Canet con ancora quattro gara da correre.

CEV 2015, Navarra, Nicolo' Bulega ad un passo dalla vittoria di gara
CEV 2015, Navarra, Nicolo’ Bulega ad un passo dalla vittoria di gara

E’ stata una grande gara. Molto emozionante e combattuta fino all’ultima curva – spiega Luca Brivio, team Manager dello Junior Team VR46 -. Peccato perché potevamo stare con Canet ma forse all’inizio abbiamo perso un po’ di tempo con Mir e questo ci ha un po’ penalizzato verso la fine. Resta il fatto che Nicolò ha fatto una bellissima gara e per questo gli faccio i complimenti perché negli ultimi giri i tempi sono stati molto buoni. La squadra ha lavorato davvero bene durante il week end. Partivamo da una buona base raggiunta durante i test e in questi tre giorni, abbiamo solo cercato di migliorare i particolari per aggiustare un po’ il tiro. Speriamo nella prossima gara di riuscire a fare ancora meglio”.

Nicolo' Bulega, VR46 2015, CEV
Nicolo’ Bulega, VR46 2015, CEV

“E’ stata una bella gara. Sono un po’ rammaricato perché a metà gara con Mir ci siamo dati un po’ fastidio lasciando andare via Canet – spiega Nicolò Bulega – Mi dispiace perché comunque ne avevo per stare con lui e infatti negli ultimi giri come ad Albacete ho cercato di andarlo a prendere. L’ultimo giro ho dato l’anima e nell’ultima curva lui è andato un po’ largo così ho provato a infilarlo ma è riuscito ad uscire più forte e così ha vinto. Al di là di questo, siamo messi bene e sono fiducioso per le prossime gare che sono molto importanti”.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMONDIALE ENDURO, BOTTINO METZELER
Articolo successivoNOVITA’ 2016: LA HONDA CBR500R
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”