All’inizio del secolo scorso i carburanti utilizzati erano particolarmente sporchi e spesso causavano malfunzionamenti o addirittura guasti ai mezzi di locomozione. Nel 1930 Bosch ideò una gamma filtri per la protezione del motore

Bosch pose rimedio a questa tipologia di problemi nel 1930 introducendo i filtri carburante che proteggevano dai contaminanti i sistemi di iniezione dei motori diesel e, in seguito, anche a benzina.

Nonostante l’adozione di questa soluzione, i filtri carburante necessitavano comunque di una pulizia costante e minuziosa ma, nel 1936 per ridurre questa incombenza, venne utilizzata come materiale filtrante una particolare carta speciale. Da allora, naturalmente, questo materiale è stato migliorato e ulteriormente sviluppato ed è usato ancora oggi per la sua elevata efficacia filtrante.

performancemag.it2020-bosch-filtri

Tecnologia che non si ferma mai, anche nel segmento filtri

Il lavoro di Bosch in questo campo non si è fermato qui, adottando sistemi e tecnologie sempre più avanzati per risolvere ulteriori problematiche e migliorare le prestazioni del motore.

Nel 1998, ad esempio, è stato lanciato sul mercato il filtro gasolio common-rail Bosch con separatore d’acqua: quest’ultima, come ben sappiamo, è nemica numero uno dei motori Diesel, in quanto danneggia gli iniettori e altre componenti interne del motore, provocando intasamenti e corrosioni.

Nel 2001 è stato sviluppato uno speciale filtro benzina interno al serbatoio e nel 2009 un filtro diesel common-rail per i motori alimentati a biodiesel. Materiali di alta qualità, elaborazione attenta e severi controlli qualitativi, assicurano che i filtri per il mercato indipendente soddisfino gli stessi standard di quelli di primo equipaggiamento.

performancemag.it2020-bosch-filtri

Filtri anche per la mobilità ibrida ed elettrica

Anche la mobilità sostenibile, Ibrida o addirittura elettrica, usufruisce di questo prezioso elemento, dato che tutti questi sistemi di propulsione necessitano di carburante, aria o olio puliti, così come di refrigeranti o lubrificanti per le batterie e/o per i motori.

Sin dal primo utilizzo nei lontani anni Trenta ad oggi, i filtri si sono sempre rivelati indispensabili e lo saranno anche in futuro. Inoltre, i filtri per l’abitacolo continueranno ad assicurare aria pulita per gli occupanti del veicolo soprattutto nelle stagioni più prossime alle allergie.

performancemag.it2020-bosch-filtri

Bosch offre quindi una gamma di filtri per aftermarket che copre oltre il 95% del circolante europeo delle autovetture ed a cui molti automobilisti hanno scelto di affidarsi.

In un sondaggio del 2019, tra i lettori della rivista tedesca di settore “Auto Motor und Sport”, Bosch è stata riconosciuta come “Best Brand” nella categoria filtri per la quattordicesima volta consecutiva, di fatto un gran bel primato…

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteVENT MOTO, LA GAMMA ON/OFF
Articolo successivoBMW CONCEPT i4, SOUND UNICO
Andrea Rivabene
Sono nato nella “Città Eterna” nel 1993, sin dalla tenera età è emersa una grande passione, irrazionale e viscerale per le due ruote. Crescendo viene alimentata ulteriormente dal contatto con Minimoto, Pit Bike Motard e MTB, per poi arrivare alle stradali. Oltre che al mondo dei motori però, mi interesso di Videomaking e come “scommessa personale” ho messo in piedi un canale YouTube chiamato “MadHorse”, il cui contenuto principale tratta il mondo delle due ruote a 360°. Tanti test ride e avventure su strada – compreso il mio lavoro in una concessionaria - vissute nel lasso di tempo di tre anni (apertura del canale). Recentemente mi sto anche appassionando ed interessando all’ offroad e alle prove auto. E questo è solo l’inizio…