Il team italiano è sceso nuovamente in pista sul tracciato catalano per una giornata di test. Ieri è stato una delle migliori gare per Aprilia, ottava con lo spagnolo Bautista e12esima con Stefan Bradl…

Il punto centrale del lavoro ai box dell’Aprilia Racing Team Gresini sono state alcune nuove opzioni di pneumatico sviluppate da Michelin, ma anche interventi sul fronte dei controlli elettronici e impostazioni del setup ciclistico. Tanti i giri percorsi, suddivisi in uscite piuttosto corte, al fine di raccogliere le informazioni ed accumulare dati che saranno analizzati dai tecnici Aprilia prima della prossima gara in calendario, ad Assen in Olanda.

test catalunya bautista
test catalunya bautista

Alvaro Bautista: “Oggi abbiamo provato innanzitutto alcune nuove gomme, delle quali sono piuttosto soddisfatto. All’anteriore la nuova specifica mi ha restituito un buon feeling, mentre le opzioni di gomme posteriori hanno mostrato tutte un miglioramento delle prestazioni. Abbiamo lavorato tanto anche sulla ciclistica e sui controlli elettronici in un’opera di affinamento e continuando il nostro processo di conoscenza della RS-GP. Credo che quanto fatto in questo weekend e nei test di oggi ci potrà essere utile ad Assen, sebbene sia una pista con caratteristiche molto diverse da Barcellona”.

stefan bradl nei test
stefan bradl nei test

Stefan Bradl: “Abbiamo fatto molti giri, lavorando tanto sulla ciclistica con numerose modifiche. Questi test ci servono molto, ci aiutano a scoprire la moto e ci permettono di provare qualche soluzione che difficilmente riusciremmo ad analizzare durante il weekend di gara. Dopo un weekend così intenso ed una giornata di test con 82 giri percorsi andremo ad Assen pieni sia di dati da analizzare che di motivazioni a fare bene”.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedentePROVA: HONDA CRF1000L AFRICA TWIN
Articolo successivoMOTO GP TEST: PIU’ ACCELERAZIONE PER HONDA…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”