Una notizia, soprattutto perché un’Azienda dalle lunghissime tradizioni storiche, rientra nel motocross grazie all’accordo raggiunto con il Team SDM Corse

Un progetto legato alla MXGP per un ritorno ai fasti storici Beta nel motocross ed un invito per far capire, una volta di più, l’enorme potenziale della piccola Grande Azienda di Rignano sull’Arno.

Una notizia, soprattutto perché un’Azienda dalle lunghissime tradizioni storiche, rientra nel motocross grazie all’accordo raggiunto con il Team SDM Corse

Una nuova sfida Beta seconda solo ai titoli mondiali nell’Enduro e nel Trial e che certo amplierà la “linea di fuoco” di questa Azienda che punta sulla passione e l’efficacia del gruppo di lavoro. Un nuovo debutto nel motocross, un passo storico per Beta che, nel corso degli anni legati all’MX, ha di fatto collezionato risultati ai massimi livelli.

Questa grande sfida l’ha raccolta il Team SDM Corse, uno di quei team esperti e che certo non lascerà nulla al caso. Il Beta-SDM Corse MX Team vedrà schierati il pilota belga Jeremy Van Horebeek ed il giovanissimo francese Jmmy Clochet che, il Team Manager di SDM Corse Daniele Marchese, ha voluto in squadra per le loro capacità agonistiche. Il debutto è quindi previsto per il 21 febbraio, ovvero la prima assoluta degli Assoluti d’Italia che si terrà sul tracciato di Riolo Sardo

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteCURA DELL’AUTO E DELLA MOTO
Articolo successivoFORD MUSTANG BULLITT, L’ICONA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”