Brixton è un marchio che cresce attraverso originalità ed esercizi di stili. Ecco le nuobe CROSSFIRE 500 E CROSSFIRE 500X pensate per chi guarda oltre

La forma a “X” dei serbatoi è ormai il segno distintivo di Brixton Motorcycles, marchio di KSR Group, che ha chiamato Crossfire la “desinenza” indipendente by Brixton. Il termine Fire esprime quindi passione ed aggressività mentre la “X” è netta vicinanza all’offroad.

performancemag.it-brixton-CROSFIRE-500

Il Team di design KSR Group, ha lavorato duro per realizzare la Crossfire, utilizzando tutta la tecnologia disponibile tra cui hardware di ultima generazione con studio in argilla con sollevatore idraulico che può ruotare a 360°, il cui scopo è vedere e toccare le creazioni per affinarne design, soluzioni e linee.

performancemag.it-brixton-CROSFIRE-500

Due le moto proposte: la Crossfire 500 appunto e la versione Crossfire 500X, moto decisamente più spartana e dotata di coperture off, manubrio largo (757 mm per la Crossfire e 851 mm per la X), sella differente nella forma e portatarga montato alle spalle della seduta. In entrambi i casi, Brixton Motorcycles ha scelto i migliori fornitori tra cui l’italiana Pirelli, la giapponese KYB per le sospensioni e la tedesca Bosch per l’ABS mentre l’impianto frenante è stato affidato alla spagnola J.Juan. Un giro del mondo per due moto davvero accattivanti.

performancemag.it-brixton-CROSFIRE-500

Crossfire 500 (dotata di sella leggermente convessa) e Crossfire 500X (caratterizzata dalla sella piatta) saranno disponibili già da fine estate ad un prezzo di 5.999,00 euro per la Crossfire 500 e 6299,00 euro per la X.

“Il lancio della Crossfire 500 è una pietra miliare molto importante nella storia del marchio Brixton Motorcycles. E siamo fiduciosi che questo modello non solo soddisferà lo spirito dei tempi, ma soprattutto i gusti del nostro gruppo target”, spiegano Michael e Christian Kirschenhofer, proprietari e amministratori delegati di KSR Group. “Tutto è iniziato con la presentazione della prima moto Brixton 125 all’EICMA 2016, e da allora il marchio ha accelerato a un ritmo incredibile! Essere diversi e non convenzionali era ed è il motto di Brixton Motorcycles – sempre in linea con il nostro mantra Qualunque sia la direzione, purché sia tu a sceglierla”. Questo approccio è ancora molto stimolante per noi, soprattutto quando si vede come il team e la nostra grande comunità si identificano con il nostro marchio!”

performancemag.it-brixton-CROSFIRE-500

Il nuovo motore 4T raffreddato a liquido da 35 kWerogati a 8500 giri – (quindi A2), che equipaggia le due moto è un bicilindrico da 486 cc ed è prodotto in Cina da un colosso la cui linea motori è davvero ampia; è stato sviluppato da oltre venti ingegneri per un totale di 80.000 ore di sviluppo globale. La coppia è di 43 Nm a 6750 giri ed il cambio è a sei rapporti; per le quote dimensionali spicca l’interasse di 1416 mm mentre l’altezza sella è di 795 mm.

performancemag.it-brixton-CROSFIRE-500

A luglio invece, scopriremo un altro modello della linea di design “Crossfire”: la mini-bike “Crossfire 125 XS“. Moto di classe A1 (dai 16 anni in su) riscopre l’idea di base delle mini-bike giapponesi anni ’70 sempre con o stile Brixton a forma di X.

performancemag.it-brixton-CROSFIRE-500

Nella primavera del 2021 verrà lanciata la Crossfire 125 a “dimensione normale“, che sarà la prima A1 di Brixton con motore raffreddato ad acqua. Altra novità già attesa per luglio è la Felsberg 125 XC: vanta ruota anteriore più grande rispetto al modello standard e protezione sottoscocca di serie.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedentePANDA EASY HYBRID MILD HYBRID
Articolo successivoFORD FOCUS ST, 280 CV DI ADRENALINA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”