Tutto il Ducati Team a supporto della campagna INTERPOL ‘Turn Back Crime’ per combattere le attività criminali… l’iniziativa è partita nel corso del recente GP di Catalunya…

Novità in casa Ducati: questa volta tocca alla campagna ‘Turn Back Crime’ (Giriamo le spalle al crimine) può contare anche su Ducati come testimonial dell’impegno di INTERPOL nel combattere le attività criminali.

Al recente Gran Premio di Catalunya, il Ducati Team ha esposto il marchio ‘Turn Back Crime’ sul cupolino delle Desmosedici GP14 di Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow del Ducati Team, e di Andrea Iannone del Team Pramac Racing.

Ducati Team e INTERPOL contro la criminalità
Andrea Dovizioso testimonial speciale

Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo Ducati Corse, ha dichiarato: “Il Ducati Team è orgoglioso di portare la campagna ‘Turn Back Crime’ in pista e per sensibilizzare tutti gli appassionati di gare di moto. Speriamo che i valori di integrità, motivazione e impegno, condivisi dal Ducati Team e da INTERPOL, possano contribuire a dare visibilità a questa importante campagna.”

Paolo Ciabatti "Turn Back Crime" con INTERPOL
Paolo Ciabatti "Turn Back Crime" con INTERPOL

Roraima A. Andriani, Direttore Esecutivo della campagna ‘Turn Back Crime’, ha dichiarato: “INTERPOL è molto contenta di associare il suo nome a Ducati in questo impegno congiunto per combattere il crimine. Siamo davvero onorati che la squadra italiana abbia voluto contribuire alla campagna per sensibilizzare l’opinione pubblica e stimolarne l’impegno. Il supporto di Ducati aiuterà questa azione ad andare avanti …a tutto gas, ed a rafforzare il nostro messaggio per contrastare le attività criminali”.

Altri testimonial hanno dato supporto e appoggio a ‘Turn Back Crime’, tra questi  l’attore Jackie Chan e il calciatore argentino Lionel Messi. Recentemente la campagna è stata anche presentata da Interpol a Papa Francesco e al Segretario Generale delle Nazioni Unite.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMV AGUSTA CELEBRA MILANO MODA UOMO
Articolo successivoAIRTECH ARMOR SPIDI: LA VERA SOLUZIONE ESTIVA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”