L’utilizzo del doppio motore e della trazione integrale e-4ORCE Nissan, coniuga un perfetto equilibrio fra una maggiore potenza e un controllo senza precedenti

Il mondo dell’elettrico automotive corre silenziosamente, molto più di quanto immaginiamo, con diversi marchi estremamente partecipi e attivi in questa corsa al futuro. Impossibile quindi non citare Nissan tra questi pionieri che con il lancio della LEAF dieci anni fa gettò le basi per acquisire il know how che oggi troviamo nella sua nuova tecnologia: e-4ORCE.

Un nome estremamente intuitivo, che lascia intuire i principi cardine di questa nuova soluzione tecnologica, la “e” indica la propulsione 100% elettrica, mentre “4ORCE” (che si pronuncia force) si riferisce sia all’energia e alla potenza fisica del veicolo, sia alla presenza della trazione integrale, suggerita dal “4”.

performancemag.it-nissan-e-4force

YING E YANG, potenza e controllo

L’aspetto più affascinante di questa tecnologia non è esclusivamente legato alle prestazioni ma bensì al controllo di quest’ultime, l’utilizzo del doppio motore e della trazione integrale e-4ORCE coniuga infatti un perfetto equilibrio fra una maggiore potenza e un controllo senza precedenti, per garantire non solo che il conducente provi tutte le emozioni di un’accelerazione iper, ma anche che i passeggeri trascorrano un viaggio all’insegna del comfort.

In occasione del Tokyo Motor Show 2019 e del CES di Las Vegas, Nissan ha dato modo agli automobilisti di provare di persona il potenziale di e-4ORCE installando il sistema a bordo di una LEAF e+ appositamente allestita per il test, vediamola in azione!

Una soluzione inedita, dato che finora, tutti i veicoli elettrici di Nissan erano provvisti di una sola unità, generalmente a trazione anteriore. La scelta di Nissan di diversificare la gamma di veicoli elettrici non poteva non prevedere l’introduzione delle quattro ruote motrici, come abbiamo già potuto osservare sul concept Nissan Ariya che incarna il futuro dei crossover elettrici.

performancemag.it-nissan-e-4force

La tecnologia di propulsione elettrica che Nissan ha installato sull’auto test e-4ORCE reagisce ai movimenti del conducente con incredibile precisione e tempi di reazione tre volte più rapidi di un battito di ciglia. Questa prontezza si traduce non solo in un’accelerazione istantanea e fluida, ma anche in un controllo senza compromessi per gestire diversi tipi di situazioni. Oltre all’accelerazione iniziale, e-4ORCE garantisce elevate prestazioni quando è richiesta una reazione immediata per evitare un ostacolo lungo la strada, ad esempio un oggetto o un animale: il sistema, infatti, è in grado di gestire e concretizzare le intenzioni del conducente con un’azione lineare ed efficiente.

Ryozo Hiraku, expert leader della divisione Powertrain & EV Engineering di Nissan, spiega che: Questa tecnologia definisce un nuovo standard di controllo, sia per Nissan sia per il segmento dei veicoli elettrici. e-4ORCE è la somma di tutte le nostre competenze nel campo della trazione integrale, del controllo del telaio e dello sviluppo dei veicoli elettrici. Non è il successore di un sistema in particolare, bensì l’evoluzione di molti e prosegue “Abbiamo proceduto a una scrupolosa messa a punto per raggiungere prestazioni ad altissima precisione e sempre in linea con le intenzioni del conducente, che trasformeranno la guida in un momento piacevole in qualsiasi condizione.”

performancemag.it-nissan-e-4force

La tecnologia di controllo e-4ORCE bilancia costantemente il controllo del telaio, definisce la traiettoria e una sterzata precisa che rende il comportamento del veicolo sempre prevedibile, anche in caso di brusche manovre. Il sistema modula in ogni istante la potenza fornita da ciascuno dei due motori elettrici e regola i singoli freni per assicurare un controllo affidabile. La tecnologia e-4ORCE distribuisce la coppia fra le ruote anteriori e posteriori per aumentare al massimo l’attrito degli pneumatici (aderenza), compatibilmente con le condizioni della strada e del veicolo. La trazione integrale è impostata di default a 50/50, ma può anche essere spostata al 100% solo alle ruote anteriori o posteriori o ripartita in percentuali diverse, a seconda dell’asfalto e dei parametri di guida.

Uno degli elementi che caratterizzano i veicoli elettrici è senza dubbio la frenata rigenerativa, che consente di recuperare energia quando l’auto rallenta e di immetterla di nuovo nella batteria e con e-4ORCE questo sistema migliora ulteriormente, grazie alla possibilità di gestire potenza e frenata per ogni singola ruota, con i due motori anteriore e posteriore che si attiveranno in fase di frenata per ridurre beccheggi e immersione del veicolo.

Questa tecnologia è nata per lavorare dietro le quinte, senza disturbare chi è al volante, conclude Hiraku. Vogliamo che anche i neopatentati siano a loro agio con il veicolo e con le sue reazioni e che affrontino la guida in modo naturale. Quando ci saremo abituati a guidare un’auto con e-4ORCE, ci domanderemo come abbiamo potuto farne a meno.

 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteGOCYCLE G3 VS LAMBRETTA V-SPECIAL 125
Articolo successivoPROGETTO MX 2020 E MDG SUSPENSION
Andrea Rivabene
Sono nato nella “Città Eterna” nel 1993, sin dalla tenera età è emersa una grande passione, irrazionale e viscerale per le due ruote. Crescendo viene alimentata ulteriormente dal contatto con Minimoto, Pit Bike Motard e MTB, per poi arrivare alle stradali. Oltre che al mondo dei motori però, mi interesso di Videomaking e come “scommessa personale” ho messo in piedi un canale YouTube chiamato “MadHorse”, il cui contenuto principale tratta il mondo delle due ruote a 360°. Tanti test ride e avventure su strada – compreso il mio lavoro in una concessionaria - vissute nel lasso di tempo di tre anni (apertura del canale). Recentemente mi sto anche appassionando ed interessando all’ offroad e alle prove auto. E questo è solo l’inizio…