Il nuovo V4 Granturismo, equipaggerà la nuova Multistrada e si presenta con soluzioni assolutamente raffinate ed una compattezza unica

Un altro salto tecnico Ducati per l’evoluzione di una grande “sfida motoristica”: una new era per Borgo Panigale ma, soprattutto, una generazione dove innovazione, tecnologia e materiali sono la chiave di lettura dell’essenza tecnica italiana.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

Il nuovo V4 Granturismo, equipaggerà la nuova Multistrada e si presenta con soluzioni assolutamente raffinate ed una compattezza unica

Un V4 concepito per l’uso “adventouring” come definisce la stessa Ducati carico di coppia motrice, guidabilità con il risultato di una rosa di emozioni tutte da vivere e nel pieno stile Ducati.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

Nonostante la tecnologia applicata a questo V4, sorprendono molto gli intervalli legati alla manutenzione, molto distanziati nel tempo, soprattutto perché si tratta di un motore motociclistico, quindi deciso e dinamico nonché performante.

66,7 kg di sincera tecnica Ducati

Più leggero de Testastretta di 1,2 kg, il V4 Granturismo scopre un nuovo sistema di richiamo delle valvole a molle, elemento che ha permesso di diluire gli intervalli di manutenzione a 60.000 km! L’intero pacchetto motore è reso possibile da soluzioni tecniche, trattamenti e materiali utilizzati che “stressano” meno l’intera meccanica del propulsore.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

La soluzione del richiamo valvole a molle inoltre, energizza la curva di erogazione specie ai bassi regimi con carichi minimi, con una rapidità a salire di giri che si apre ad un’elevata potenza agli alti regimi oltre in un più sostanzioso allungo, proprio come un motore racing. La potenza di 170 CV a 10.500 giri vanta coppia di ben 125 Nm a 8750 giri.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

Come detto è un motore leggero con i suoi 66,7 kgm, più leggero del Testastretta montato sulla Multistrada 1260. La sua cubatura è di 1158 cc (quote vitali con alesaggio di 83 mm x corsa cortissima pari a 53,5 mm) è “inserita” in un pacchetto tecnico che vede minimi ingombri dimensionali visto che risulta più corto di 85 mm, più basso di 95 mm e più largo di soli 20 mm.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

Ne deriva che è stato più semplice inserirlo nel telaio della nuova moto, focalizzandosi sulla centralità per cui ne deriva una maggiore guidabilità ed ottimale baricentro.

E ci sono inevitabilmente soluzioni che arrivano dal racing: ad esempio l’albero motore controrotante, la tecnologia Twin Pulse per un’erogazione tonica a tutti i regimi.

La bancata cilindri posteriori si disattiva al minimo

Altra cosa essenziale è l’aver pensato allo smaltimento del calore generato dal V4 Ducati: in tal senso, viene utilizzata la disattivazione della bancata cilindri posteriori quando il motore gira al minimo; si blocca quindi la combustione con il risultato di un abbattimento fisiologico del calore generato con ovvia “soddisfazione” del pilota e del passeggero.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

Le altre chicche del V4 Ducati

Il V di 90° Ducati è omologato EURO5. Molto elevato il suo rapporto di compressione, pari a 14:1 mentre la distribuzione prevede un mix catena-ingranaggi, doppio albero a camme in testa DOHC e 4 valvole per cilindro.

performancemag.it-V4Ducati-Granturismo202

Inoltre, come già accennato, l’albero motore è controrotante con perni biella sfalsati di 70°; c’è la frizione asservita e dotata di antisaltellamento mentre la lubrificazione è tipo carter semi-secco con tre pompe olio di cui 2 di recupero ed 1 di mandata. All’alimentazione provvedono 4 corpi farfallati ovali da 46 mm, mentre il cambio a 6 rapporti vanta il DQS ovvero Ducati Quick Shift Up&Down.

Articolo precedenteIL MONDO DELLA FORZA HONDA
Articolo successivoDACIA SPRING ELETTRICO PER TUTTI
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”