Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    LA GRANDE SFIDA: PIAGGIO MP3 SALVATORI RACING

    Date:

    Condividi:

    E’ stata una bella sfida portare in pista un Piaggio MP3, ma il Team Salvatori Racing (capitanato ma Mirko Salvatori) ce l’ha fatta, complice un pilota preparato e di esperienza come Matteo Bardelli… Grande preparazione per il tre ruote italiano, ma si può fare ancora molto per migliorarne le performance…

    Doveva essere una sfida grande, una piccola grande impresa, l’ennesima per il Team Salvatori, un altro modo per “creare” interesse attorno ad un veicolo su cui pochi, anzi praticamente nessuno, voleva ed ha voluto scommettere… Naturalmente mi riferisco al segmento racing dedicato ai maxiscooter, dove il TMax by Yamaha detta legge, almeno per numeri e presenze in griglia.

    Due anni fa però, arrivò il Team Salvatori con il Gilera Nexus: in sintesi estrema, l’unico monocilindrico in mezzo ai bicilindrici giapponesi. La storia racconta che, proprio quella sfida (merito in porzione va certamente al pilota che vinse il Trofeo 2011, Ermax Bastianini), fu teatro di gare combattute con il Nexus vincente e che rese la vita “complicata” ai TMax allestiti dai vari preparatori nazionali.

    La nuova sfida: Piaggio MP3

    Questa invece è un’altra storia:  molto più complessa, più “vissuta tecnicamente” e che si è materializzata in pochissimo tempo. Giusto il tempo di preparare l’MP3 (veicolo che tra l’altro vanta un accesissimo seguito di appassionati, grazie anche al forum www.mp3isti.com/forum/) che, questa volta, vede Mirko Salvatori (foto piccola in basso a destra) protagonista ed ideatore materiale della sfida, nonché preparatore ed allestitore dell’intero progetto.

    Pazzo se vogliano, unico, interessnte ma, soprattutto, ai limiti del razionale, visto il peso complessivo del veicolo base, quasi 244 kg a secco del Piaggio MP3  contro i 217 kg dello Yamaha TMax 530 cc! Si certo, poi ci sono le riduzioni di peso per l’allestimento racing, ma il “treruote” italiano non è mai sceso sotto i 212 kg a secco e questo, rispetto allo scooter Yamaha, è senza dubbio un gap notevole.

    Però la sfida ormai era partita e le idee lasciavano spazio al pratico, con la gara di Vallelunga alle porte, all’interno del Trofeo del Centauro, che “ospitava” la prima prova del Trofeo Polini Maxiscooter con le due categoria Open e Stock, con l’MP3 iscritto nella prima, forse la più combattuta e dove l’espressione tecnica va di pari passo con le performance assolute… Per il pilota invece il Team Salvatori ha scelto Matteo Bardelli, pilota di esperienza che corre nelle gare in salita ma che è impegnato anche in pista con la sua Monster aria/olio, insomma uno che mastica moto da sempre… Per la verità, al suo posto ci doveva essere una top rider, la super Chiara Valentini, che poi, dopo l’incidente occorso ad Alessia Polita, non se l’è sentita di correre, lasciando aperta la porta al toscanaccio DOC che, a Vallelunga, ma meritatamente conquistato il 6° posto della Open, risultato eccellente, visti i tempi cortissimi dell’allestimento, partecipazione, cambio pilota e iscrizione alla competizione…

    La preparazione dell’MP3 492 cc by Salvatori Racing: la zona alta del motore

    Le lavorazioni sull’MP3 racing sono moltissime e mirate sia sulla zona motore che, soprattutto, sulla ciclistica, drasticamente diversa rispetto al TMax Yamaha visto che c’è…una ruota in più. Entrando nel propulsore monocilindrico Piaggio, la testata ha subito un ingrandimento delle sedi, guide e delle relative valvole ASP/SCA in quota del 10% in più, se parliamo di diametri/quote globali. Il pistone invece, è del tutto nuovo ed è frutto di un design della stessa Salvatori Racing: si tratta di un monofascia (più segmento raschiaolio) più leggero del 6% rispetto allo STD. L’albero motore invece, è stato equilibrato mantenendo però il contralbero originale.

    Rimanendo sulla zona alta, l’albero a camme è stato ricavato da pieno ed il diagramma scelto imprime una maggiore coppia per questo propulsore, che deve “spingere” fuori dalle curve il pesante MP3, anche se la fasatura scelta ha visto aumentare il regime massimo di rotazione di circa 500 giri rispetto ai valori STD. Il rapporto di compressione è più elevato, ed è pari a 12,2:1 con valore di squish di 1,1 mm.

    I condotti ASP/SCA della testa “quattrovalvole Piaggio”, sono stati sottoposti a flussaggio, anche in funzione del diverso corpo farfallato (da 44 mm di diametro) e modalità di respirazione del motore, che ora vede un air-box ricavato all’interno del capiente vano porta casco. Il collettore di aspirazione è ora perfettamente rettilineo con filtro di grandi dimensioni, di derivazione automobilistica, alla sua estremità a valle del corpo farfalla.

    Scarico e centralina: due importanti collaborazioni tecniche…

    Un bel lavoro di fino il Team Salvatori lo ha fatto sulla possibilità di “ospitare” un nuovo ed innovativo impianto di scarico: Mirko Salvatori ha così collaborato con Ajko per la sua realizzazione, variando intanto il diametro base del collettore di scarico, passato da 38 a 42 mm, un bel salto “numerico” in virtù delle differenze “esigenze” di estarzione del motore preparato.

    Ma, il suo “innesto”, ha visto la riprofilatura ed ampliazione del supporto motore centrale, quello anteriore per intenderci, tagliato e sagomato al laser per favorire l’inserimento del nuovo complesso ed anche per velocizzare le operazioni di montaggio/smontaggio. Infine, la forma “schiacciata” del terminale, conferisce sia un grande potere estrattivo che un piacevole design di grande effetto estetico. L’altra partnership, riguarda l’area elettronica: per la centralina si è “accesa” una collaborazione con EIS in luogo della centralina  “serie Road Runner”.

    La trasmissione: valore aggiunto della Salvatori Racing

    Il tema trasmissione è, da sempre, il valore aggiunto della Salvatori Racing: questo per via della grandissima esperienza sul tema “variatore”, forza dell’equipe romana del Team, con Gino Salvatori artefice in passato di grandi risultati dove c’è da far andar forte un automatico… Il variatore quindi non poteva che essere VTS (sigla che identifica la caratterizzazione familiare con Variatori Salvatori) ad 8 rulli: caratteristica peculiare del variatore è la forza e spinta in accelerazione, che però mai intacca sullo sviluppo del rapporto e quindi sui valori della velocità finale.

    Sospensioni: grandissimo lavoro di alleggerimento per l’MP3

    Forse e probabilmente il lavoro più impegnativo: l’MP3 che Mirko Salvatori ha allestito è stato notevolmente alleggerito del superfluo per l’utilizzo racing. Per le sospensioni anteriori è stata scelta una coppia ammortizzatori Carbone, mentre un’importante collaborazione per questo progetto (che può trovare riscontro ed applicazione anche per il veicolo STD) è quella nata con MUPO, che ha preso molto a cuore la sfida del Team romano.

    Globalmente queste 4 sospensioni vantano idraulica rivista e diverso K per le molle. Ma il lavoro più importante su questo MP3, è senza dubbio lo smontaggio ed eliminazione dell’intero complesso antirollio (quello che consente allo scooter di rimanere bloccato sulle tre ruote a veicolo fermo), operazione che ha fatto scendere di molto il peso finale del veicolo.

    E se diamo un’occhiata all’impianto frenante, anche qui sono state fatte delle modifiche sostanziali: le pompe ant/post sono ora radiali e da 16 mm e quindi maggiorate, mentre i dischi anteriori sono stati lavorati dalla Salvatori Racing con quello posteriore sostituito con un Braking. Curata anche la posizione di guida: sostituito il manubrio STD con quello di serie montato dal Gilera Fuoco 500, mentre la sella è stata rivista nell’ergonomia e lavorata dalla Tecknoselle.

    Coperture: PMT. nuove misure per tutte e tre; in arrivo altro step racing

    Stravolgimento totale su questo tema: le coperture anteriori sono le performanti e più strette PMT in mescola, da 100/90×12” contro 120/70×12”  mentre il pneumatico posteriore, un Pirelli Diablo, passa da 140/70 a 160/60 sempre da 14”. Ma Mirko non si fermerà qui: questo MP3 deve crescere ancora se parliamo di performance sia motoristiche che ciclistiche e quindi sono previsti altri step di lavorazione che, proprio in questi giorni, stanno prendendo vita. Tra questi, l’aumento del diametro corpo farfallato, sospensioni e geometrie riviste, la correzione del diagramma di distribuzione e l’obiettivo finale di un peso che scenda sotto i 200 kg…Un’altra sfida nella sfida.

    Mirko Salvatori: c’è ampio margine per migliorare…

    Come mai idea piaggio MP3?

    “L’idea di mettere in pista lo scooter Piaggio MP3 mi è venuta per gioco un anno fa mentre parlavo con i miei amici delle corse e del Trofeo Maxiscooter… Mi sono detto “ E se portassi in pista un MP3? ”. Beh, successivamente ho dato uno sguardo al progetto originale e ho pensato che non era una cosa poi così irrea