Per una volta tanto il circo della MotoGP è rimasto in silenzio sul circuito Twin Ring di Motegi, dove tutte le sessioni di prove libere per il Gran Premio del Giappone, sono state annullate a causa del tempo…

Una nebbia fittissima intorno al circuito ha reso impossibile l’atterraggio/decollo dell’eliambulanza, il che significa che nessuna delle sessioni previste si sarebbe svolta in piena sicurezza . Così, Dorna , IRTA e Race Direction si incontreranno in ulteriori incontri nel corso delle prossime 24 ore per definire il programma per il fine settimana , in caso di ulteriori interruzioni causa nebbia o maltempo.

“E ‘stata una giornata davvero noiosa per tutti – racconta un annoiato Jorge Lorenzo – ma le cose erano così. In questi casi credo che sia molto meglio mantenere la calma e accettare le circostanze .

La sicurezza è la cosa più importante in questo sport e senza l’ elicottero medico nessuno può sentirsi sicuro . Vedremo domani perché la previsione non è così positiva e se ancora una volta le sessioni verranno annullate,  dobbiamo aspettarci una decisione definitiva da Dorna , IRTA e la Direzione Gara . Mi auguro che la gara si farà perché le gare che mancano a fine campionato sono meglio che correrne una sola… Ho passato tutto il giorno  a fare stretching, relax , facendo alcuni esercizi oltre che parlare con la squadra. Spero che domani le condizioni meteorologiche migliorino così potremo provare . “

” Un vero peccato per oggi , perché non c’erano buone condizioni per gudare – spiega Valentino Rossi -. Era bagnato, ma non c’era vento e non troppa acqua sulla pista , quindi è stato un vero peccato che, a causa dell’impossibilità dell’elicottero a decollare, non siamo stati in grado di provare. Era un giorno importante perché sembra che domani il tempo sarà ancora peggio . In ogni caso dobbiamo aspettare… La decisione della direzione gara è stata giusta per la nostra sicurezza , quindi sono pienamente d’accordo . E ‘un peccato però che non possiamo scendere in pista ” .

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteVESPA 946: DEBUTTO A NEW YORK
Articolo successivoPRE GP CEV: A NAVARRA TUTTI PER FOGGIA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”