Altra gara, altra pole per Marc Marquez, che ha ottenuto un altro record ieri pomeriggio per il GP di oggi, laddove aveva già conquistato la sua prima vittoria nella MotoGP.

Marc ha superato il suo tempo della pole 2013 (2’03 .021) di 0.248 secondi ,con un tempo di 2’02 0,773 nel suo ultimo giro per le qualifiche sul Circuito texano di Austin. Dani Pedrosa ha invece trovato un miglioramento rispetto al setup di venerdi e partirà dalla seconda posizione in griglia, proprio accanto al suo compagno di squadra, con un tempo di 2’03.062.

Completa la prima fila un velocissimo Stefan Bradl del Team Honda LCR, quindi una prima fila tutta firmata Honda. Quarto un’incredibile Aleix Espargaro, tra l’altro primo pilota in sella ad una Open, un risultato davvero eccellente per il rider del Team NGM Mobile Forward Racing.

LA PAROLA AI PROTAGONISTI DELLE QUALIFICHE DI AUSTIN

Marc Marquez: altra pole, altro record

“Sono molto contento di come sta andando questo week-end e di questa sessione di qualifica – spiega Marc Marquez -, soprattutto per la mia pole position. Ho un buon feeling con la moto credo che avremo un buon ritmo in vista della gara . Cercheremo di fare una buona partenza e sono sicuro che sarò da subito in lotta con Dani, visto che lui sarà il mio rivale più forte. Penso che l’inizio della gara la più importante, perché con questo caldo le gomme soffrono molto… Cercherò di rimanere concentrati e fare una buona gara! “

Dani Pedrosa: “approfitterò di tutte le mie possibilità…”

“Abbiamo migliorato la moto e sono stato in grado di guidare molto meglio di venerdi – spiega Dani Pedrosa – riuscendo così a posizionarmi molto vicino nella qualifica… Spero di poter approfittare di tutte le mie possibilità per vincere la gara. L’anno scorso sono arrivato ​​secondi, quindi cercherò di fare un ulteriore passo avanti”.

Stefan Bradl. “rimarrò calmo e concentrato per portare a casa un risultato…”

“Senza dubbio siamo felici oggi perché la prima fila è sempre un gran risultato e per me è ancora più speciale perché amo questo tracciato – racconta un soddisfattissimo Stefan Bradl -. Abbiamo fatto un buon lavoro di messa a punto migliorando molto la moto da Venerdì a Sabato specialmente la situazione pneumatici. Anche nelle prove libere di oggi il ritmo era buono perché abbiamo girato costantemente nei primi quattro. La gara sarà lunga e dura perché i piloti Yamaha sono vicinissimi e Dani e Marc sono molto veloci ma io rimango calmo e concentrato e vedremo di portare a casa un buon risultato”.

Aleix Espargaro: “in staccata fatico molto, la moto e instabile…”

“Prima delle Open e quarto assoluto è davvero un ottimo risultato – spiega Aleix Espargaro -. In qualifica siamo riusciti a fare un passo in avanti, anche se non siamo costanti come in Qatar. La moto è instabile nelle staccate e in generale fatico molto. Sarà una corsa impegnativa anche dal punto di vista fisico. Cercheremo comunque di sfruttare al massimo il fatto di partire dalla seconda fila e poi darò il massimo”.

Jorge Lorenzo: “combatterò per la terza o quarta posizione…”

“La progressione rispetto alla prima sessione nelle prove di Venerdì è stata molto grande – racconta Jorge Lorenzo -, eravamo a circa due secondi di distacco ed ora il divario si è ridotto a mezzo secondo. Comunque penso che sarà una gara difficile… Il nostro obiettivo è quello di lottare per la quarta o la terza posizione, credo sarebbe un buon risultato visto che qui a Austin i nostri concorrenti sono molto forti. Avremo bisogno di portare a casa il miglior risultato possibile e finire sul podio sarebbe una buona cosa”.

Valentino Rossi: “la gara potrebbe essere buona, devo limare qualche decimo”…”

“Sono felice per le qualifiche di ieri – spiega invece Valentino Rossi -, soprattutto perché, rispetto a ieri mattina siamo riusciti a migliorare la moto e in qualifica ero abbastanza veloce. Dopo l’ultima prove libere abbiamo anche fatto un altro passo avanti e ho apprezzato la sessione di qualifiche. Mi è andata bene. Sono felice di essere in seconda fila e questo non è affatto male  e poi sono contento visto che sono a soli quattro decimi dalla pole position. Il mio passo di gara è buono, anche se dobbiamo ancora lavorare e limare qualche piccolo decimo… Ma credo che domani potrebbe essere una buona giornata per noi”.

Cal Crutchlow: “questo weekend è un po’ complicate per noi…”

“Questo weekend fino ad ora è stato abbastanza complicato per noi. Pensavamo di essere riusciti a migliorare la GP14 per le qualifiche, ma purtroppo non sono andato oltre il settimo posto, complice anche una scivolata a bassa velocità alla curva 11. Non ci sono scuse, stavo semplicemente spingendo forte per segnare un buon tempo e sono caduto. Oggi la mia moto aveva meno grip al posteriore, forse a causa delle condizioni della pista, e sicuramente dovremo analizzare con attenzione i dati questa sera per modificare il set-up della moto in funzione della gomma da gara”.

Andrea Dovizioso: “sono deluso della decima posizione, mi sento molto giù…”

“Sono piuttosto deluso della decima posizione in griglia, che sicuramente non mi faciliterà nella gara di domani. Oggi ho fatto davvero fatica: sono molto debilitato fisicamente perché sto prendendo gli antibiotici per curare la mia influenza e quindi muscolarmente mi sento veramente giù. Non è il massimo correre con la febbre in MotoGP, soprattutto qui ad Austin, perché questa è una pista che porta via molta energia. Domani comunque proverò a fare una bella gara: direi che come passo a inizio gara potremmo essere abbastanza vicini ai primi, ma dovremo vedere se riusciremo a mantenere un buon ritmo per tutti i giri.

Alvaro Baustista: il grande deluso di Austin…

Si è proprio lui il grande deluso delle qualifiche di Austin dopo le bellissime prestazioni in Qatar: Alvaro Bautista scatterà dalla dodicesima posizione. Il pilota del Team GO&FUN Honda Gresini ha chiuso la classifica combinata dei tre turni di prove libere in 11. posizione: lo spagnolo ha perciò preso parte alla Qualifica 1, nella quale è riuscito, grazie al miglior tempo, ad accedere alla Qualifica 2 che decide le prime 12 posizioni in griglia.

“Come venerdi, abbiamo vissuto un’altra giornata difficile: abbiamo lavorato molto alla ricerca di un assetto che potesse darmi una moto in grado di mantenere meglio la traiettoria in curva e una maggiore aderenza al posteriore, ma nonostante i vari tentativi non abbiamo ricavato nulla di positivo, e continuo ad avvertire le stesse sensazioni di ieri. Nel warm up di oggi proveremo la gomma con mescola dura: stranamente, appena l’ho provata per la prima volta durante la QP1, sono stato subito veloce, per cui vogliamo capire se può essere una buona opzione per la gara. Se il feeling migliorerà, possiamo essere più competitivi, ma partiamo indietro quindi sarà importante fare una bella partenza. Non perdo la fiducia, la gara è sempre una storia a sé e noi ovviamente daremo il massimo per prendere più punti possibile”.

RISULTATI DOPO LE QUALIFICHE

1          Marc Marquez          93       ESP    Repsol Honda Team          HONDA         2’02.773

2          Dani Pedrosa           26       ESP    Repsol Honda Team          HONDA         2’03.062

3          Stefan Bradl             6         GER   LCR Honda MotoGP          HONDA         2’03.196

4          Aleix Espargaro       41       ESP    NGM Forward Racing        YAMAHA      2’03.240

5          Jorge Lorenzo          99       ESP    Yamaha Factory Racing    YAMAHA      2’03.243

6          Valentino Rossi       46       ITA      Yamaha Factory      YAMAHA      2’03.244

7          Cal Crutchlow          35       GBR   Ducati Team DUCATI         2’03.780

8          Bradley Smith          38       GBR   Monster Yamaha Tech 3   YAMAHA      2’03.800

9          Andrea Iannone      29       ITA      Pramac Racing        DUCATI         2’03.842

10       Andrea Dovizioso   4          ITA      Ducati Team DUCATI         2’03.846

11       Pol Espargaro          44       ESP    Monster Yamaha Tech 3   YAMAHA      2’03.913

12       Alvaro Bautista        19       ESP    Go & Fun Honda Gresini  HONDA         2’03.923

13       Scott Redding          45       GBR   Go & Fun Honda Gresini  HONDA         2’04.617

14       Nicky Hayden          69       USA   Drive M7 Aspar        HONDA         2’05.062

15       Yonny Hernandez  68       COL    Pramac Racing        DUCATI         2’05.677

16       Hiroshi Aoyama       7          JPN    Drive M7 Aspar        HONDA         2’05.788

17       Karel Abraham        17       CZE    Cardion AB Motoracing     HONDA         2’06.239

18       Hector Barbera        8          ESP    Avintia Racing         FTR-KAWASAKI     2’06.270

19       Colin Edwards         5          USA   NGM Forward Racing        YAMAHA      2’06.741

20       Michael Laverty       70       GBR   Paul Bird Motorsport           ART & PBM  2’06.939

21       Broc Parkes  23       AUS   Paul Bird Motorsport           PBM   2’07.403

22       Danilo Petrucci        9          ITA      IodaRacing Project IODA-SUTER           2’07.745

23       Mike Di Meglio         63       FRA    Avintia Racing         FTR-KAWASAKI     2’07.761

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteNOVITA’ RACING: LE MITJET SBARCANO IN ITALIA
Articolo successivoMOTO GP: PARLANO I PILOTI, DISASTRO BRIDGESTONE?
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”