Sono iniziati i lavori di rifacimento dei 4.226 metri legati al circuito internazionale di Misano. La progettazione è del designer Jarno Zaffelli dello studio Dromo che segue costantemente i lavori…

Qualcosa di nuovo si sta muovendo a Misano. E non è il fatto che si stanno effettuando lavori importanti sul nuovo asfalto, quantoo che i lavori saranno effettuati dalla società specializzata Pesaresi SpA di Rimini utilizzando tecnologie alimentatori per la prima volta in Italia.

Infatti, il duplice rapporto di tecnologia e sicurezza caratterizzano l’intervento che la proprietà del Misano World Circuit, il Santa Monica SpA, ha deciso di portare alla vigilia della stagione 2015. I lavori, iniziati da un paio di giorni, prevedono il completo rifacimento del circuito e continueranno – tempo permettendo – fino al 10 marzo.

Poche settimane dopo l’inaugurazione della pista di Flat Track, ora c’è quindi un nuovo investimento per la revisione completa del circuito oltre alla costruzione di nuove connessioni che porteranno due nuove configurazioni di pista: 3,2 km+1 Km, portando l’offerta commerciale al più alto livello. Un intervento che segue con successo i lavori già fatti in passato al fine del contenimento del rumore: le fonti di energia rinnovabili con la costruzione di un impianto fotovoltaico moderno e con un occhio alla tutela dell’ambiente, utilizzeranno dei materiali all’interno dell’impianto con il contributo di soli materiali italiani per la costruzione.

MotoGP 2015, Misano World Circuit, Jarno Zaffelli Dromo Circuit
MotoGP 2015, Misano World Circuit, Jarno Zaffelli dello Studio Dromo

Il lavoro di progettazione e di gestione del progetto è stata affidata a Jarno Zaffelli – Dromo Circuit Design – che di moto… se ne intende parecchio: “Misano sarà al meglio della sua forma. Non solo sarà più veloce, ma tutti gli interventi, calcolati con i nostri software certificati basati su DroCAS ™, sono l’impronta del miglioramento complessivo della sicurezza, attiva e passiva. Saranno fatte tutte le operazioni in circa 14 giorni, con 80 operatori, 50 veicoli e sistemi di posizionamento 3D basati sul laser DTS ™e questo per stendere più di 5.000 tonnellate di asfalto speciale. L’operazione più importante sarà l’equilibrio di tutte le vie di fuga per auto e moto, la formulazione di un asfalto specifico counterfight, la riprofilatura di curve e cordoli e anche la costruzione di due nuovi collegamenti, la Brutapela e l’Acquedotto. Un totale di 35 punti di intervento e la ricostruzione totale di asfalto della pista principale che dimostra ancora una volta la nostra competenza nel supportare circuiti di tutto il mondo sia per le auto e moto “.

Misano World Circuit: lavori in corso con nuovo asfalto e nuove vie di fuga
Misano World Circuit: lavori in corso con nuovo asfalto e nuove vie di fuga

“Misano World Circuit – spiega Franco Uncini, responsabile FIM responsabile per la sicurezza sui circuiti MotoGP – ha accettato, anche quest’anno la richiesta della MotoGP per migliorare i sistemi di sicurezza. La proprietà del circuito ha sempre accettato le richieste di FIM e FIA, segno evidente che la gestione di MWC è sempre attenta a far sì che tutti possano disporre di un impianto per il massimo livello di sicurezza e prestazioni. Tutto ciò, si tradurrà di conseguenza nell’aumentare l’interesse del pubblico verso Misano. Anche quest’anno ci aspettiamo di vedere il ‘tutto esaurito’!”

E conclude Luca Colaiacovo, presidente della Santa Monica Spa: “Misano è uno degli impianti più moderni e completi d’Europa con circa 600 mila presenze annue e rappresenta per il territorio una forza economica potente. Tecnologia, sostenibilità e sicurezza sono i punti fondamentali della nostra attività di ricerca e innovazione. Ogni anno investiamo notevoli risorse in questa direzione, che garantisce alla struttura di rimanere pienamente competitiva per ospitare sia i grandi eventi sportivi e commerciali. Noi crediamo che il nuovo asfalto sarà pienamente apprezzato da molti appassionati di motorsport che troveranno in Misano condizioni ideali per vivere l’emozione di girare in pista in tutta sicurezza “

Misano, nuovo volto, nuovo asfalto ECO grazie al Dromo Circuit di Jarno Zaffelli
Misano, nuovo volto, nuovo asfalto ECO grazie allo studio Dromo di Jarno Zaffelli

Ecco cosa si sta facendo a Misano…

53.000 metri quadrati di asfalto ad alta aderenza formulazione esclusiva di sale prova e di umidità, via di fuga ridisegnata secondo i calcoli della sicurezza DroCAS ™ per aumentare la capacità decelerazione, pur mantenendo inalterati gli spazi di manovra in caso di errore, nuovi cordoli con drenaggi embedded e riprofilatura, rivisitazione del sistema di drenaggio superficiale, ristrutturazione di sezioni e profili per aumentare la planarità della superficie, Brutapela e Acquedotto, introducono curve con disegni originali studiati appositamente per le scuole guida, nuove vernici antiscivolo rimovibili e riprofilatura di tutte le curve per migliorare la dinamica del veicolo e quindi il piacere di guida.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteLA SCOMPARSA DI FRANCO FARNE’
Articolo successivoPROVA: PORSCHE 911 TARGA 4, INCOLLATA A TERRA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”