Ecco i campioni motocross 2012: Compagnone trionfa nella MX1, Battig nella MX2 Elite e Recchia nella Under 21 MX2… Tanto spettacolo e tanto pubblico per l’ultimo start della stagione…

Si è concluso sul tracciato Santa Barbara il Campionato Italiano MX 2012. Compagnone (MX1-Elite), Battig (MX2-Elite), Bertuccelli (MX2-Over 21), Recchia (MX2 Under 21), Fiorgentili (MX1 Over 21), Albertoni (MX1 Under 21) e Fontanesi (Femminile) sono i nuovi Campioni d’Italia 2012 nelle rispettive categorie.

Quest’ultimo appuntamento ha portato ancora una volta un grande numero di partecipanti, ben 140, segnale di una chiusura di stagione positiva per affluenza di piloti ma anche per il pubblico, sempre numerosissimo.

Ponte a Egola ha visto primeggiare, nella MX1, il laziale Felice Compagnone (Honda-Pardi Racing) già alla fine della prima frazione. Partito svelto sin dalle prime battute, è stato il vincitore indiscusso con due nettissime vittorie. Compagnone con questo titolo è giunto a quota 4, nove in totale della sua lunga carriera.

Secondo di giornata un sorprendente Lorenzo Pedri (Honda-Lunardi Racing), mentre terzo è finito il francese Martin. Da segnalare anche l’ottimo terzo posto in gara due per il marchigiano Alessio Della Mora (KTM-Steel/Dr.Jack) sempre più a suo agio nella MX1. Pierfilippo Bertuzzo (Honda-Team Massignani) purtroppo è giunto al Santa Barbara non in perfette condizioni a causa di una influenza che l’ha debilitato. Per il veneziano un ottimo terzo posto in gara 1 ma poi una caduta al via della seconda frazione l’ha fatto desistere. In questa cilindrata si sono messi in luce anche due nuovi campioni della Over e Under 21, rispettivamente Mauro Fiorgentili (Honda-Pignotti Motors) e Alessandro Albertoni (Kawasaki-Team M.R.T.).

Nella MX2 due gare con diversi vincitori: Alessandro Battig (Yamaha-JTech) e Roberto Lombrici (TM-Team RSR) che ha tentato il tutto per tutto soprattutto in gara 1, non riuscendo però nell’intento. Per il lombardo un secondo posto in campionato. Terzo nella classifica generale  infine, Stefano Pezzuto (Suzuki-Rossi Racing) autore di due grandissime manche.

Per quanto riguarda il resto sono da segnalare la vittoria in gara 2 di Davide Bonini (KTM-Team Ufo Corse), che, dopo il quarto posto in gara 1, ha conquistato la vittoria di giornata; secondo assoluto Davide De Bortoli (Honda-Team Honda Massignani) mentre terzo assoluto è finito Pezzuto.  E dopo la Elite, hanno spiccato nella Over 21 Giovanni Bertuccelli (Honda-Pardi Racing) che aveva già matematicamente conquistato il titolo…. Assegnazione anche nella Under 21 per Nicola Recchia (KTM-Errevi) che ha disputato due manche sempre tra i primi.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedentePROVA Hard. Beta RR 400 Enduro
Articolo successivoUna storia di fratellanza tra riders USA…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”