Pedrosa ha terminato il secondo giorno di test a Sepang in cima alla classifica dei tempi. Messo a posto l’anteriore, domani si passa al posteriore per migliorare il grip…

Pur ancora sotto l’effetto jet – lag, Pedrosa ha avuto una mattinata tranquilla ed ha completato solo 15 giri. Nel pomeriggio ha iniziato a girare più costantemente, concentrandosi sulla configurazione dell’avantreno della sua RC213V e provando anche nuove mappature, completando alla fine 57 giri con un miglior tempo di 2’00.039, conquistato al 55° giro. Domani, ultimo giorno dei test malesi , si lavorerà sulla messa a punto del posteriore prima della trasferta in Australia nei test finali di tre giorni.

Ultim’ora è che il Repsol Honda Team ha confermato che il compagno di squadra di Dani, Marc Marquez , non sarà abbastanza in forma per le prove prima della prima gara del 2014, sempre a causa dell’incidente al perone  rimediato durante un allenamento. Il fine settimana del GP del Qatar inizierà Giovedi 20 marzo .

 

“Le cose sono andate bene questo pomeriggio – spiega Pedrosa -, anche se questa mattina eravamo ancora afflitti da alcuni problemi e non ero in grado di guidare comodamente. Ho dovuto smettere presto per fare alcuni ed importanti modifiche sulla moto e, quando abbiamo ricominciato dopo pranzo, mi sono sentito più a suo agio e percorso giri migliori. Ci siamo concentrati sull’anteriore della moto, riuscendo così a trovare un buon setup. Domani ci concentreremo con il posteriore  perché dobbiamo far lavorare meglio il nuovo pneumatico al fine di aumentare il grip. Se tutto andrà bene, allora forse domani saremo in grado di provare una simulazione di gara”.

I TEMPI DEL SECONDO GIORNO A SEPANG

1 Dani Pedrosa 26 ESP Repsol Honda Team HONDA 2’00.039
2 Aleix Espargaro 41 ESP NGM Mobile Forward Racing YAMAHA 2’00.320
3 Alvaro Bautista 19 ESP Go & Fun Honda Gresini HONDA 2’00.500
4 Valentino Rossi 46 ITA Yamaha Factory YAMAHA 2’00.605
5 Andrea Dovizioso 4 ITA Ducati Team DUCATI 2’00.787
6 Stefan Bradl 6 GER LCR Honda MotoGP HONDA 2’00.902
7 Cal Crutchlow 35 GBR Ducati Team DUCATI 2’00.952
8 Pol Espargaro 44 ESP Monster Yamaha Tech 3 YAMAHA 2’01.027
9 Jorge Lorenzo 99 ESP Yamaha Factory Racing YAMAHA 2’01.049
10 Bradley Smith 38 GBR Monster Yamaha Tech 3 YAMAHA 2’01.098
11 Andrea Iannone 29 ITA Pramac Racing DUCATI 2’01.173
12 Yonny Hernandez 68 COL Pramac Racing DUCATI 2’01.658
13 Colin Edwards 5 USA NGM Mobile Forward Racing YAMAHA 2’01.996
14 Nicky Hayden 69 USA Drive M7 Aspar HONDA 2’02.088
15 Randy De Puniet 14 FRA Suzuki Test Team SUZUKI 2’02.139
16 Hector Barbera 8 ESP Avintia Racing MotoGP FTR-KAWASAKI 2’02.149
17 Scott Redding 45 GBR Go & Fun Honda Gresini HONDA 2’02.652
18 Hiroshi Aoyama 7 JPN Drive M7 Aspar HONDA 2’02.786
19 Michele Pirro 51 ITA Ducati Test Team DUCATI 2’02.799
20 Katsuyuki Nakasuga T1 JPN Yamaha Factory Test Team YAMAHA 2’02.802
21 Mike Di Meglio 63 FRA Avintia Racing MotoGP FTR-KAWASAKI 2’03.946
22 Karel Abraham 17 CZE Cardion AB Motoracing HONDA 2’05.198
23 Nobuatsu Aoki 9 JPN Suzuki Test Team SUZUKI 2’07.462
yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteMOTO GP: SEPANG RALLENTA ROSSI E LORENZO
Articolo successivoROSSI MIGLIORA A SEPANG, LORENZO DELUSO
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”