Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    PROVA: SEAT LEON CUPRA 280 CV, EQUILIBRIO DINAMICO

    Date:

    Condividi:

    Seat Leon Cupra, 280 Cv e 350 Nm di coppia, una vera sportiva che ama la pista ma anche la guida di tutti i giorni. Tanta potenza, un ottimo differenziale ed un telaio equilibrato la rendono la migliore della sua categoria. Adrenalina no stop ogni giorno…

    Ci sono qualità e doti che spesso sono un qualcosa di naturalmente innato, insito nella “chimica” di ciascuno di noi; ma questo vale anche per gli oggetti e, più intimamente, per tutti quei veicoli -auto o moto che siano – spinti da un propulsore che sanno ampliare la gamma di “emozioni creative“. Accade spesso infatti che quella naturale propensione ad emozionare, sia in realtà una delle caratteristiche essenziali del progetto stesso, espressione di tecnologia, valori, imprinting tecnologico ma, soprattutto, caratteristiche di guida che spingono più in alto l’asticella delle performance.

    Prova Seat Cupra 2015, ISAM Anagni
    Prova Seat Cupra 2015, ISAM Anagni

    Ed a volte basta un nome per evocare lo spirito libero delle performance, proprio come accade per Cupra, la più potente Leon di Casa Seat, una “ribelle naturale” sotto ogni punto di vista, perché ricchissima di prestazioni stratificate a più livelli. Una vera e propria icona per l’Azienda spagnola, perché dinamica e coinvolgente, accattivante e provocatoria nel suo design affilato ma altrettanto semplice nella sua essenza che invita anche all’uso quotidiano.

    Prova Cupra 2015, ISAM, il frontale della Cupra, aggressivo e funzionale
    Prova Cupra 2015, ISAM, il frontale della Cupra, aggressivo e funzionale

    Propensione sportiva al 100%…

    Ciò che rende davvero esaltante Cupra è il suo propulsore 2.0 cc in “doppia” versione da 265 e 280 Cv (l’auto del test), il suo telaio molto ben bilanciato per una guida estremamente precisa in pista e su strada, il suo differenziale autobloccante e lo sterzo progressivo con controllo adattivo dell’assetto, tutte “carte” vincenti per guidare Cupra in modo iperdinamico e coinvolgente.

    E non è un caso se, qualche riga sopra, ho evidenziato la sua guida precisa soprattutto in pista, proprio perchè la scatenata Leon di Casa Seat avvolge totalmente il pilota portandolo dritto al cuore delle prestazioni assolute, fattore racing che solo in pista ne evidenzia tutta la sua naturale propensione sportiva…

    “La nuova Leon Cupra è una Seat allo stato puro: connubio di emozione, prestazioni, design e dinamica per offrire il massimo piacere di guida chilometro dopo chilometro. E la tecnologia più innovativa garantisce grande precisione e un’efficacia convincente”. Sono le parole dinamiche di Matthias Rabe, Vicepresidente per Ricerca e Sviluppo della SEAT S.A.. “La nuova CUPRA è una vettura sportiva ottima per l’uso quotidiano, perfettamente adatta sia alla pista che alle lunghe percorrenze. La Leon Cupra è la massima espressione del piacere di guida con trazione anteriore”. 

    Prova Seat 2015, Leon Cupra, profilo tagliente per Cupra, linee marcate ed aggressive
    Prova Seat 2015, Leon Cupra, profilo tagliente per Cupra, linee marcate ed aggressive

    A mio avviso la miglior trazione anteriore in quanto a direzionalità ed assetto

    Sincera e veritiera quest’ultima affermazione, visto che, dopo aver provato parecchie potenti trazioni anteriori, la sportiva Seat devo dire che è la migliore del lotto in quanto al mantenimento della direzionalità in massima accelerazione, cosa non troppo scontata con altre vetture appartenenti allo stesso segmento e che, al contrario, non sono poi così precise in questa particolare condizione…

    Design molto curato ed affilato…

    Ciò che piace a primo impatto visivo della Cupra è l’attento mix di proporzioni: tre o cinque porte il fattore grinta non cambia. Lateralmente c’è grande equilibrio tra carrozzeria e aree in vetro e questo accentua non poco la sua estrema solidità strutturale. Così, il nuovo frontale, decisamente più “tridimensionale”, “spinge” l’aria verso il quattro cilindri da 2000 cc oltre che nella zona dei freni, grazie anche alle prese d’aria inferiori che, oltretutto, aumentano la stabilità della vettura alle alte velocità.

    Prova Cupra 2015, il posteriore con doppio terminale di scarico ovale
    Prova Cupra 2015, il posteriore con doppio terminale di scarico ovale

    Dietro spicca il doppio terminale di scarico a forma ovale dal sound aggressivo ma “educato”, mentre Cupra si fa notare anche grazie ai proiettori  anteriori full led da 5300/5500 Kelvin con il caratteristico andamento a freccia, Anche dietro infine, i gruppi ottici sono enfatizzati dalla tecnologia led.

    Gruppi ottici full led per la Seat Leon Cupra
    Gruppi ottici full led per la Seat Leon Cupra

    Peso ridotto/prestazioni, connubio irrinunciabile per Cupra…

    Una vettura con simili prestazioni deve avere caratteristiche ben precise in quanto a massima efficienza del motore e pesi ridotti all’osso: una riduzione sistematica del peso globale ma senza rinunciare a quella rigidità del telaio e della carrozzeria che fanno parte del DNA di una vera sportiva dalla precisione di guida tagliente, affilata ed incisiva.

    Prova Seat Cupra 2015, impianto frenante potente e molto efficacie
    Prova Seat Cupra 2015, impianto frenante potente e molto efficacie

    1300 kg sono il peso “a vuoto” di Leon Cupra, dato tecnico che rende giustizia nella sua categoria, quale la più leggera e compatta del lotto. La rigidità della carrozzeria era però icona dominante nel progetto Seat: ecco quindi che Seat è riuscita a garantire all’utente un ottimo rapporto qualità/prezzo sostituendo (nelle fasi di alleggerimento globale), materiali “nobili” quali carbonio e magnesio con acciai ad alta ed altissima resistenza, con parti high-tech in acciaio lavorato a caldo che hanno fatto risparmiare ben 18 kg sulla bilancia a vantaggio di una migliore rigidità dell’abitacolo.

    280 Cv, 350 Nm di coppia, elasticità. Davvero un gran motore…

    Promesse mantenute: il motore da 1984 cc TSI di Cupra, della “nostra versione”  tre porte eroga 280 Cv con ben 350 Nm di coppia, il tutto in un’area estesa tra 1750 e 5600 giri il che significa eccellente elasticità e valori da 0 a 100 km/h (la nostra versione monta un cambio doppia frizione DSG) in appena 5,7″, il tutto a fronte di consumi molto interessanti che si attestano sinceri tra 6,1/6,5 litri per percorrere 100 km.

    Cupra monta un quattro cilindri VW TSI da 280 Cv e 350 Nm di coppia
    Cupra monta un quattro cilindri VW TSI da 280 Cv e 350 Nm di coppia

    Doppio contralbero, rotazione opposta oraria ed antioraria per maggior fluidità…

    Ma, consumi a parte, questo dinamico TSI quattro cilindri, vanta una risposta decisamente felina solo sfiorando il pedale dell’acceleratore, che, in caso di maggiori carichi/richiesta, varia la sonorità del motore grazie all’attuatore acustico nell’impianto di scarico. Quest’ultimo, aprendosi, da vita ad un suono molto più cupo e minaccioso. Il motore vanta due alberi di equilibratura che ruotano uno nel senso opposto all’altro con velocità doppia rispetto a quella dell’albero motore e questo si trasforma in una maggiore fluidità di funzionamento del propulsore stesso.

    Profonda rivisitazione sui componenti dei moti alterni…

    Ma le performance del quattro cilindri della Cupra, gode di un “ampliamento tecnico” indirizzato al carattere più aggressivo dei 280 Cv sviluppati. Quindi sono stati rivisti tutta una serie di componenti tra cui i pistoni in alluminio (modificati nella forma e pesi e nel rivestimento esterno), le bielle (ora più rigide), i cuscinetti sull’albero motore mentre il basamento in ghisa è stato rinforzato attorno alle aree delle sedi dei cuscinetti banco/supporti. Inoltre, la testata si compone di una nuova lega mix alluminio/silicio, caratteristica che offre maggiore resistenza quando le temperature operative del motore salgono. In più, il sistema Start&Stop è dotato di recupero di energia in frenata.

    La turbina del TSI lavora ad una pressione di sovralimentazione di 1,1 bar
    La turbina del TSI lavora ad una pressione di sovralimentazione di 1,1 bar

    Turbocompressore grande che lavora a 1,1 bar di pressione e doppia iniezione

    Cuore delle performance del motore è senza dubbio il grande turbocompressore che sopporta temperature elevatissime, pari ad oltre 1000°C. Lavora ad una pressione massima di sovralimentazione di 1,1 bar e riesce a “comprimere” 900 kg di aria l’ora (765.000 litri!), quest’ultima raffreddata da un intercooler che “potenzia” il gradiente di ossigeno in camera di combustione; c’è poi una valvola elettronica sullo scarico che limita la pressione di sovralimentazione sui carichi parziali abbassando così la contropressione allo scarico.

    Il logo della Cupra 280 Cv non lascia dubbi sulla sua natura racing
    Il logo della Cupra 280 Cv non lascia dubbi sulla sua natura racing

    Ma non è tutto: le prestazioni elevate della Cupra sono anche merito dell’iniezione elettronica indiretta supplementare che “affianca” quella convenzionale FSI e che lavora ad una pressione di 200 bar fornendo carburante al motore tramite nuovi iniettori a sei fori a maggiore portata. Inoltre, c’è la distribuzione variabile con assi a camme aspirazione e scarico che vengono “regolati” con angolo manovella di 30 e 60°; la fase di scarico è quindi variabile, mentre l’aria regolata dalla turbina a gas di scarico, segue un preciso percorso fluidodinamico.

    Collettore di scarico integrato alla testa

    La testa “ingloba” il collettore di scarico, lambito dal liquido di raffreddamento, soluzione che fa scaldare prima il motore nelle fasi di avviamento a freddo. Questa gestione termica è merito di due valvole rotanti integrate in un blocco unico, il cui scopo è quello di regolare il flusso del liquido refrigerante in modo che l’olio motore raggiunga in tempi brevi la normale temperatura di lavoro.

    Trasmissione DSG a doppia frizione

    Il cambio a doppia frizione DSG (con selettore marce e palette sul volante) offre una rapportatura corta delle prime marce – come sul cambio manuale – ma con sesta marcia lunga in modo da ottimizzare i consumi ed il regime operativo del motore. Oltre al Mode Manuale, chi guida può scegliere tra Mode D e S (con regimi più alti nei cambi marcia) o il Mode Cupra che vanta un innesto del rapporto ben più dinamico. Inoltre, il differenziale adattivo DCC (il cui pacchetto prevede differenziale autobloccante anteriore e servosterzo progressivo con ratio 1,1 giri contro i classici 1,4 giri), offre performance eccellenti in pista come su strada.

    Seat Leon Cupra, la strumentazione a bordo è completa ed aggressiva
    Seat Leon Cupra, la strumentazione a bordo è completa ed aggressiva

    Sempre tutto sotto controllo

    Con 55 kg di peso in meno quindi, il nuovo modello di Cupra, garantisce un sistema DCC ben più proporzionato e dinamico oltre che adattivo grazie al Cupra Drive Profile (Comfort, Sport, Cupra), che varia, in pochi istanti, la regolazione e le “regole” DCC (regolazione adattiva assetto) legate all’idraulica degli ammortizzatori. E, se parliamo, del nuovo differenziale, questo ottimizza la trazione e la maneggevolezza della vettura, come vedremo nel test, oltre al fatto che è schematicamente caratterizzato da una sezione multi-disco a controllo elettronico azionato idraulicamente. La “forza” del bloccaggio è di 1600 Nm ma può trasmettere il 100% della trazione ad una sola ruota; ecco perchè il differenziale autobloccante integra i sistemi assistenza guida come ESC (a due programmi) e EDS.

    COME VA: dinamicamente unica…

    Il “viaggio” inizia aprendo la portiera di guida: si è catapultati in sensazioni che sanno di pista ma anche di quotidiano vissuto in Mode sport… Piacciono gli interni, dinamici ma pure discreti dove però si raccoglie sempre quel sapore di “sfida” che inizia nel momento in cui le portiere si chiudono.

    Seat Cupra 280 Cv, a suo agio all'ISAM durante il test
    Seat Cupra 280 Cv, a suo agio all'ISAM durante il test

    Posizio