Aprilia e Guintoli, Campioni del Mondo 2014 in Qatar, gara incredibile ma, soprattutto, la rimonta di Sylvain. 54° titolo per Aprilia, un’altra impresa dietro cui si nasconde un team affiatato ed un tecnico come Romano Albesiano…

Era nell’aria. Era nelle espressioni del team, dei piloti. Era scritto che Aprilia avrebbe conquistato il 54° titolo iridato, il 104° del Gruppo Piaggio ma, soprattutto, questo è un titolo combattuto, ricco di duelli per tutta la stagione e non solo tra i piloti della SBK ma, soprattutto, una “guerra psicologica” tra Guintoli e Melandri, i due contendenti al titolo. Si, proprio tra loro è stata forse la battaglia più dura, una lotta interna che, come in ha rinviato la festa per il titolo, posticipandola proprio qui in Qatar…

Aprilia Racing, SBK 2014, Sylvain Guintoli Campione del Mondo 2014
Aprilia Racing, SBK 2014, Sylvain Guintoli Campione del Mondo 2014

Aprilia Campione del Mondo con Sylvain Guintoli e, ad Aprilia, il titolo Costruttori, forse quello decisamente più bello per i nostri colori made in Italy… E pansare che, già dalla Superpole, le cose non erano iniziate proprio bene per Aprilia, anzi c’era preoccupazione nel box e questo per il quinto posto in griglia di Sylvain e per la non buona prestazione di Marco.

I commenti dopo la Superpole…

Sylvain Guintoli: “Sembra quasi che ormai mi sia abituato a partire in quinta posizione, dopo Jerez e Magny-Cours. Anche oggi non sono riuscito a trovare il giusto feeling con la gomma da tempo, di sicuro quanto a passo gara siamo messi decisamente meglio. Ci rimane ancora qualche dettaglio da provare nel warmup per migliorare, sembra che la pista sia cambiata rispetto a ieri visto che con la stessa gomma oggi sono andato più piano. L’obiettivo per domani è attaccare, dal primo all’ultimo giro senza fare calcoli”.

SBK 2014: Aprilia Racing, Guintoli nella Superpole
SBK 2014: Aprilia Racing, Guintoli nella Superpole

Ed anche Marco Melandri non era per nulla soddisfatto, “atteggiamento mentale” che rimarrà anche per tutto questo fine settimana dopo aver conquistato la terza fila e l’ottavo posto in griglia: “Sono state delle qualifiche non facili. Anche sul passo gara non mi sento ancora perfettamente a posto. Ma abbiamo delle idee per migliorare, sento che non ci manca molto per fare un passo avanti, per tirare le somme aspettiamo le gare di domani che, a mio parere, saranno molto impegnative per tutti”

SBK 2014: Aprilia Racing, Marco Melandri, tanti problemi di grip per lui in Qatar
SBK 2014: Aprilia Racing, Marco Melandri, tanti problemi di grip per lui in Qatar

A poche ore dal via era ancora da assegnare sia il Mondiale Piloti che quello Costruttori: Sylvain Guintoli e la sua RSV4 hanno saputo recuperare – nelle ultime quattro gare – 32 punti sul capoclassifica Sykes oltre che tenere aperto un campionato che poche gare fa sembrava ormai deciso.

…poi la gioia del doppio Titolo di Campione del Mondo 2014 SBK

Trionfo assoluto, doppia vittoria mondiale inimmaginabile solo poche gare fa. In gara Sylvain Guintoli ha completato una rimonta che resterà nella storia della Superbike con due indiscutibili vittorie nelle due gare in notturna sul circuito illuminato a giorno ha surclassato Tom Sykes laureandosi, per la prima volta nella sua carriera, Campione del Mondo.

SBK 2014: Romano Albesiano e Sylvain Guintoli sul podio del Qatar
SBK 2014: Romano Albesiano e Sylvain Guintoli sul podio del Qatar

Aprilia raddoppia la festa conquistando per il terzo anno consecutivo il titolo di Campione del Mondo Costruttori con la RSV4, la SBK italiana che, fin dal suo ingresso nel mondiale SBK nel lontanissimo 2009, ha sbaragliato la concorrenza vincendo ben 7 titoli Mondiali (tre Piloti e quattro Costruttori). L’accoppiata iridata (piloti e costruttori) è quindi è la terza per Aprilia RSV4 dopo gli “en-plein” acciffati nel 2010 e 2012 con Max Biaggi.

SBK 2014 Qatar, Guintoli ha corso una rimonta incredibile per il titolo 2014
SBK 2014 Qatar, Guintoli ha corso una rimonta incredibile per il titolo 2014

Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Piaggio (di cui Aprilia fa parte dal 2005) ha commentato felice il trionfo di Sylvain Guintoli e di Aprilia: “Sono orgoglioso perché con Aprilia, anche quest’anno, un grande marchio italiano si è imposto a livello mondiale negli sport motoristici. E’ stato un campionato sofferto fino all’ultimo, che sembrava perso e abbiamo invece riaperto, e questo rende ancora più eccezionale il risultato conquistato oggi, con due titoli mondiali vinti. Faccio i miei complimenti a Guintoli, semplicemente straordinario.

Un grandissimo merito a Romano Albesiano…

Dentro questo risultato c’è la figura di un tecnico che ha fatto la differenza, sempre e per tutto il Campionato: lo spiega semplicemente ma con chiare parole Roberto Colaninno:  “Romano Albesiano è stato bravissimo, con il suo team ha dimostrato di essere capace non solo di progettare grandi motociclette, ma anche di raccogliere con successo la sfida della gestione sportiva. Da quando l’abbiamo riportata in Superbike del 2009, Aprilia ha vinto sette titoli mondiali in sei anni. I due titoli mondiali di oggi premiano la forza dell’innovazione tecnologica del Gruppo Piaggio, che si è imposta nuovamente su tutti, nonostante gli avversari siano sempre di più e sempre più agguerriti. Non è un caso se – in soli dieci anni – abbiamo consentito ad Aprilia di vincere 28 dei suoi 54 titoli mondiali, e i marchi del Gruppo Piaggio hanno conquistato un totale di 32 titoli mondiali in un solo decennio. Ora affrontiamo una nuova sfida, quella dell’ingresso in MotoGP, che si concretizza con un anno di anticipo rispetto ai programmi a suo tempo annunciati. Entreremo nella massima competizione mondiale con lo spirito di sempre: che è fatto di dedizione, voglia di imparare e di crescere, e consapevolezza della nostra capacità e della nostra storia di grande marchio italiano”.

SBK 2014: problemi per Melandi, sottotono in Qatar. Quale futuro per Marco?
SBK 2014: problemi per Melandi, sottotono in Qatar. Quale futuro per Marco?

La gara sappiamo come è andata ed ecco i commenti di Sylvain Guintoli

Sylvain Guintoli: Due gare fantastiche, ho percepito una forza mai provata prima”

Le sensazioni in questo momento sono incredibili, davvero. Oggi è stata una grandissima giornata, due gare fantastiche nelle quali ho percepito una forza mai provata prima. Riuscivo ad essere veloce senza difficoltà, i tempi sul giro mi venivano molto facilmente. Arrivare in Aprilia lo scorso anno per me è stata una grande opportunità, prima dell’infortunio alla spalla stavo lottando per il Campionato ed è stato un peccato perdere slancio a causa della condizione fisica.

SBK 2014: il Team Aprilia 2014, Campione del Mondo SBK 2014
SBK 2014: il Team Aprilia 2014, Campione del Mondo SBK 2014

Quest’anno ero in forma perfetta – prosegue Sylvain – sono riuscito ad essere costante e a dimostrare il nostro potenziale. Non ho mai mollato, nemmeno quando il distacco sembrava irrecuperabile. Ho iniziato a crederci dopo Magny-Cours, anzi ne ero certo: siamo stati veloci, mi sentivo bene e il mio team mi ha supportato alla grande. Oggi ho dimostrato di essere il più veloce in pista, vincere con 6 punti di margine è simbolico ma importantissimo per me dopo qualche recente polemica. Devo ringraziare tantissime persone, a partire dalla mia famiglia che mi ha dato stabilità e fiducia, oltre a sopportarmi in questi mesi di grande pressione. Sono grato ad Aprilia, mi hanno messo a disposizione la migliore moto che abbia mai guidato ed un team che per me è diventato una seconda famiglia”.

Dietro il successo un “supporto” essenziale…

Il commento di Giorgio Barbier, Racing Director Pirelli Moto

“Come prima cosa ci tengo a congratularmi con Sylvain Guintoli e con il team Aprilia per il successo e per il lavoro svolto quest’anno. Onore anche a Tom Sykes e a Kawasaki perchè fino alla fine hanno lottato a testa alta contribuendo a mantenere elevata l’attenzione di tutti sul Mondiale. E non posso esimermi dal congratularmi anche con David Salom per la costanza dimostrata quest’anno nella classe EVO. Le incognite per Pirelli su questo circuito erano molte però alla fine il risultato finale è stato positivo: già sabato Davide Giugliano ha migliorato di due decimi il record della pista che apparteneva a Ben Spies nel 2009, e poi in gara i piloti hanno girato decisamente più veloci rispetto a 5 anni fa a dimostrazione dei progressi che abbiamo fatto in questi anni. Il Campionato Mondiale FIM Superbike si conferma ancora una volta come un campionato combattutto fino alla fine. Nel corso degli anni, Pirelli ha sempre offerto il proprio attivo contributo per rendere la competizione avvincente dialogando con tutti i protagonisti coinvolti, ovverola Federazione MotociclisticaInternazionale, l’organizzatore del Campionato, i team, i piloti e le case costruttrici. In oltre un decennio di partecipazione in qualità di Fornitore Ufficiale di Pneumatici, il Campionato Mondiale eni FIM Superbike ci ha permesso di sviluppare prodotti altamente apprezzati dai piloti e motociclisti di tutto il mondo e che si sono imposti fin da sùbito come leader indiscussi di mercato.

Pirelli 2014, SBK, Barbier/Pirelli-Guintoli/Aprilia
Pirelli 2014, SBK, Barbier/Pirelli-Guintoli/Aprilia

Il 2014 per Pirelli è stato soprattutto un anno di grande sviluppo anche per via dell’introduzione della nuova classe EVO. Nel corso dell’anno abbiamo raddoppiato il nostro impegno in termini di progettazione offrendo diverse soluzioni ad hoc alla categoria EVO e a quella Superbike con l’obiettivo di tentare di assottigliare il divario delle Superbike EVO offrendo l’opportunità ai piloti più veloci di questa classe di essere competitivi in gara e, conseguentemente, quello di rendere il Campionato più equilibrato ed avvincente.

I dati ricavati nel 2014 relativi al comportamento delle Superbike EVO, saranno per noi molto importanti in ottica 2015 quando la griglia della classe regina sarà composta da sole Superbike EVO. Quest’anno è stato anche l’anno della conferma nel nostro ruolo attuale di Fornitore Esclusivo del Campionato fino al 2018, abbiamo quattro stagioni davanti e continueremo ad impegnarci al meglio per il successo di questo campionato e per la soddisfazione di team e piloti.”

yachtsynergy ADV bottom