Dopo 38 anni dall’ultimo successo, ottenuto da Giacomo Agostini con la sua 350 4 cilindri sul circuito del Nürburgring, MV Agusta torna sul gradino più alto di un podio mondiale…

MV Agusta torna sul gradino piu’ alto del podio dopo 38 anni: la F3 675 del Team MV Agusta Reparto Corse – Yakhnich Motorsport, infatti, ha conquistato la vittoria in Supersport sul tracciato australiano di Phillip Island, prima tappa della competizione iridata.

Il merito è stato di fatto dell’incredibile rimonta di Jusel Cluzel, che, partendo dalla quattordicesima posizione in griglia, è risalito con un grandissimo ritmo fino ai primi posti dando vita ad una spettacolare battaglia per la vittoria. Cluzel è riuscito ad avere la meglio su Coghlan e De Rosa, rispettivamente secondo e terzo al traguardo. Il pilota francese del Team MV Agusta Reparto Corse – Yakhnich Motorsport ha dimostrato in gara il suo talento, oltre al grande potenziale della moto.

La prestazione di Vladimir Leonov, l’altro alfiere del team, avrebbe potuto essere altrettanto brillante, ma il pilota è stato vittima di una caduta nei primi giri.

”Siamo stati terribilmente sfortunati durante tutti i test e l’inizio del weekend – spiega Jules Cluzel -. Abbiamo fatto molti meno giri di quanto avremmo dovuto. Vincere in queste condizioni è veramente un sogno! Prima della gara ho detto ai miei meccanici che avrei fatto il possibile e così è stato, non ho commesso nemmeno un piccolo errore. Abbiamo meritato questa vittoria, la strada è lunga ma siamo convinti del grande potenziale della moto e del Team”.

Felice Giovanni Castiglioni, Presidente di MV Agusta, ha commentato per questo grande successo: ”Un sogno ad occhi aperti. Un’emozione indescrivibile. Voglio dedicare questa prima storica vittoria a mio papà che ha sempre creduto in MV e nella possibilità di tornare a correre e al papà di Brian Gillen, nostro responsabile Reparto Corse, recentemente scomparso. Ringrazio il Team Yakhnich Motorsport e tutte le persone che stanno lavorando a questo ambizioso ed importante progetto per il grande impegno che stanno mettendo”. Più difficile, ma comunque promettente il debutto nella Superbike del pilota comasco Claudio Corti, che in sella alla F4 RR ha terminato le due gare rispettivamente in 13° e 18° posizione. Soltanto una faticosa partenza in gara 2 ha impedito di ottenere due piazzamenti in zona punti.

 

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteSBK: APRILIA IN AUSTRALIA,VITTORIA E PODI
Articolo successivoL’ABBIGLIAMENTO DEI CAMPIONI PER I DI.DI
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”