Test Bridgestone a Phillip Island: Pedrosa, nel primo dei tre giorni, prova nuove mescole e carcasse alla ricerca della migliore soluzione. Alla fine della giornata Dani è 4°…

Dani Pedrosa ha terminato la prima giornata di test dedicata ai pneumatici Bridgestone: si tratta di tre giorni di intenso lavoro per tecnici e piloti atti a valutare il comportamento delle nuove mescole. Pedrosa ha completato 88 giri, molto più di ogni altro pilota della MotoGP, con un migliorgiro di 1’29 0,96, fatto segnare al 43° e che lo ha visto 4° alla fine della giornata.

Bridgestone ha portato in Australia ben otto pneumatici slick posteriori per pilota  e coperture 2013 e sei nuovi pneumatici sperimentali con modifiche alla carcassa, circa la composizione della mescola ed il “design” del profilo.. Il programma di Dani è stato quello di partire con le Bridgestone 2013 – al fine di un reale confronto – e quindi eseguire run  molto brevi (almeno 6 giri ) con le gomme sperimentali al fine di raccogliere i dati.

Domani e mercoledì verranno richiesti dai tecnici più giri, oltre 15, per raccogliere informazioni sufficienti per riprendere il lavoro alla Bridgestone in Giappone e, se possibile gli uomini Bridgestone, vorrebbero che ogni pilota completasse una simulazione di gara fino alla fine.

“Questa mattina ho passato il tempo in moto per ritrovare il mio feeling – spiega Pedrosa -,  poi dopo pranzo ho iniziato il programma di test con le nuove mescole. Stiamo valutando le diverse soluzioni di  gomme che sono state portate qui in Australia , e domani continueremo il nostro test con un nuove mescole”.

I tempi di oggi:

Jorge Lorenzo ESP Yamaha Factory Racing (YAMAHA) 1’29 0,213

Valentino Rossi ITA Yamaha Factory (YAMAHA) 1’29 0,576

Cal Crutchlow GBR Ducati Team (DUCATI) 1’29 .730

Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (HONDA) 1’29 0,961

Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (DUCATI) 1’29 .965

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteROSSI DAVANTI A TUTTI: FORZA VALE!
Articolo successivoMOTOCROSS “NATIONAL”, START VICINISSIMO!
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”