Vittoria di Tony Cairoli in Olanda: pista difficile e gran freddo non hanno arrestato la marcia aggressiva del pilota KTM…

Per la quinta volta, la quarta consecutiva, Tony Cairoli vince il Gp d’Olanda disputato sulla pista di Valkenswaard. L’inferno di sabbia quest’anno si è trasformato in un tracciato diverso dal solito a causa del freddo che ha resa più dura la sabbia. Una pista dunque difficile da comprendere, che però Tony ha interpretato al meglio. Ha vinto la prima manche, poi nella seconda, complice una partenza non perfetta, ha chiuso secondo conquistando così il 56° successo in carriera. La vittoria di ieri consente a Cairoli di allungare sui diretti inseguitori nella classifica iridata e si presenterà così ad Arco di Trento il prossimo 14 aprile con la tabella rossa e 26 punti di margine su Desalle.

“La pista oggi era difficile e non perdonava il minimo errore – ha commentato Tony – per questo motivo ho spinto, ma ho sempre cercato di non commettere errori. Non era la solita sabbia di Walkenswaard e così nella prima manche ho corso in maniera accorta, cercando di gestire il tutto al meglio ed è andata bene. Nella seconda manche la pista era ancor più insidiosa e ho commesso alcuni errori nella parte iniziale di gara. Poi nella fase finale ero più veloce e con un buon ritmo sono riuscito ad insidiare Ken negli ultimi passaggi. Sono contento della vittoria e del quinto successo a Valkenswaard e soprattutto arrivare a Trento da leader.” 

 GP OLANDA- VALKENSWAARD

1.Manche: 1. Cairoli (Ktm) 18 giri in 39’45”837  2.Bobryshev (Honda) a 2”473; 3. De Dycker (Ktm) a 9”193; 4. Leok (Honda) a 26”611; 5. Paulin (Kawasaki) a 30”675 – 2. Manche: 1. De Dycker (Ktm) 18 giri in 39’22”098; 2. Cairoli (Ktm) a 1”521; 3.Strijbos (Suzuki)14”800; 4. Bobryshev (Honda) a 37”145; 5. Desalle (Suzuki) a 44”981

Risultati GP: 1. Cairoli 47; 2. De Dycker 45; 3. Bobryshev 40; 4.Strjibos 34; 5. Nagl 30

Classifica iridata: 1. Cairoli 142; 2. Desalle 116; 3. De Dycker 115; 4. Paulin 108; 5 Strjibos 89

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteLA FONTANESI VINCE IN OLANDA…
Articolo successivoMOTO GP: MENO DI UNA SETTIMANA AL PRIMO GP…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”