Grande trionfo e supremazia di Cairoli nel GP di Thailandia, vittoria che lo vede in testa alla classifica iridata…

Tony Cairoli trionfa nel Gran Premio di Thailandia, seconda gara del mondiale MX dopo l’apertura in Qatar lo scorso fine settimana. Il sei volte campione del mondo, come successo a Doha in notturna, è stato padrone assoluto della Superfinale, MX1 e MX2 allo start, e, per la prima volta nel 2013, ha vinto il suo Gran Premio. Tony fin delle qualifiche, è stato irraggiungibile sulla difficile pista alle porte di Bangkok, un dominio proseguito nella calda ed umida giornata di domenica, al termine di due gare che hanno messo a dura prova i piloti.

Nella prima manche, Tony, nonostante l’holeshot si è reso protagonista di un avvio attento: quindi non ha opposto resistenza al sorpasso di Bobryshev, prima, e De Dycker poi, lasciando sfilare gli avversari ma ha aumentando via via il ritmo, recuperando il gap, mentre Bobryshev scivolava e perdeva la prima piazza. A tredici minuti dalla fine, Tony,  ha preso la testa della gara ai danni di De Dycker; una volta al comando, la KTM 222 si è allontanata dagli avversari, andando così a cogliere la vittoria della prima manche.

Al via della Superfinale, Tony, è schizzato al comando fin dai primi metri di gara, come era già successo in Qatar, mostrando il cambio di ritmo da una manche all’altra… Lo stacco e la determinazione a non concedere nulla agli avversari lo hanno reso protagonista di una manche sempre al comando, mentre gli altri alle sue spalle lottavano per le restanti posizioni. Con questa vittoria Cairoli conquista la tabella rossa che sfoggerà al ritorno in Europa in programma  in Olanda, a Valkenswaard, il 1 aprile  E per le statistiche, la vittoria nel primo Gp di Tailandia della storia, significa anche il sigillo numero 55 in carriera.

“E’ stato un buon weekend – ha detto Tony – Tutto è andato bene e sono riuscito a vincere il Gran Premio. Sono contento di questa vittoria e di tornare in Europa con la tabella rossa. Nella prima manche  sono partito bene, davanti a tutti, ma mi si sono indurite le braccia subito dopo. Poi con il passare dei giri la situazione è migliorata, ma è stata una bella fatica. Ho passato De Dycker e sono poi riuscito ad allungare e vincere la manche. In Superfinale tutto è andato bene e sono riuscito a impostare il mio ritmo fin dall’inizio.”

Classifica GP Thailandia – Si Racha

Manche 1: 1. Cairoli (Ktm) 20 giri in 39’04”412  ; 2. De Dycker (Ktm) a 10”685 ; 3. Desalle (Suzuki) a 17”533; 4. Paulin (Kawasaki) a 25”044; 5. Searle (Kawasaki) a 31”640. Manche 2: Superfinale: 1. Cairoli ((Ktm); 2 Paulin (Kawasaki); 3. Desalle (Suzuki) 4. Herlings (Ktm); 5. Searle (Kawasaki)

Classifica GP: 1. Cairoli 50; 2. Paulin 40; 3. Desalle 40.

Mondiale MX: 1. Cairoli 95; 2. Desalle 89; 3.Paulin 78.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteLA FONTANESI OSPITE DEL PARMA CALCIO…
Articolo successivoACERBIS NEL CIV CON ANDREA LOCATELLI…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”