L’Ing. Filippo Preziosi lascia Ducati, decisione presa per motivi si salute…

Arrivata stasera questa notizia a ridosso della fine dei test in Malesia. Un vero peccato che lascerà un vuoto non solo in Ducati ma, soprattutto, nel cuore degli appassionati legati alle rosse di Borgo Panigale. Le principali ragioni sono elencate nel comunicato stampa che Ducati ha diffuso ieri sera; tra queste i motivi di salute, per cui, l’Ing. Filippo Preziosi, ha preso la decisione di lasciare l’azienda dove ha passato ben diciannove anni con professionalità, competenza e ingegno.

Ora resta da assegnare il ruolo di Direttore R&D Ducati Motor Holding. Appena possibile l’azienda comunicherà chi occuperà questa nuova strategica carica. L’ingegner Filippo Preziosi ha comunicato a Ducati Motor Holding di voler interrompere la sua collaborazione con l’azienda e la motivazione è da collegare ai citati motivi di salute, legati alla sua particolare condizione fisica.

Nel rispetto della volontà dell’Ing. Preziosi, pur con il rammarico di perdere una figura strategica e di grande competenza, Ducati ha preso atto della decisione e ha accettato le dimissioni, confermando stima e riconoscenza al quarantacinquenne tecnico italiano, ringraziandolo per il significativo e professionale supporto che ha offerto nei 19 anni trascorsi in azienda, di cui dodici in Ducati Corse. L’Ingegner Filippo Preziosi, già Direttore Generale Ducati Corse, era stato nominato Direttore Ricerca & Sviluppo Ducati Motor Holding a fine 2012 e avrebbe ricoperto la nuova carica non appena concluso il periodo di riposo richiesto. In seguito a queste dimissioni, il ruolo dell’Ing. Preziosi resta scoperto. Ducati conferma l’importanza di questa carica e, appena possibile, comunicherà il nuovo nominativo.

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteAUTO: PROVA PEUGEOT 508 RXH ALLROAD
Articolo successivoSUZUKI DEMO RIDE, SI INIZIA DA MOTODAYS
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”