Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    PROVA: SUZUKI V-STROM 1000 ABS, AVVENTURIERA…

    Date:

    Condividi:

    La nuova Suzuki V-Strom 1000 ABS sorprende per versatilità e prestazioni: motore e ciclistica rivisti ed il Traction Control la rendono ora più divertente e globale. Il tutto con un’agilità sorprendente un po’ in tutte le situazioni…

    L’idea del viaggio e della scoperta raccolgono una doppia sfida, sempre. Quella dell’utente che volutamente esplora, cerca, viaggia e quindi deve scegliere la tipologia di moto più adatta alle proprie esigenze, ma, soprattutto, la sfida maggiore è quella portata avanti dall’Azienda costruttrice che deve riuscire a “veicolare ed indirizzare” l’utente verso un prodotto specifico che raccolga ogni esigenza di spostamento globale. Nel pieno rispetto di “produrre” inoltre un’esperienza di guida realmente appagante…

    La nuova V-Strom Suzuki, cambia tutto ed ora è più godibile ovunque
    La nuova V-Strom Suzuki, cambia tutto ed ora è più godibile ovunque

    Storia ma soprattutto tradizione…

    La gamma Suzuki V-Strom, fin dalla sua origine nel 2002, è sempre stata pensata proprio per questo, visto che, questa moto, ha sempre accolto la sfida del turismo a lungo raggio, tanto da estendere questo concetto – nel 2004 – anche sulla cubatura da 650 cc, sempre con architettura a “V”, a cui seguì, nel 2007 la versione da 1000 cc. Proprio in quell’anno, la gamma V-Strom si aggiorna anche se nel 2008, ma solo per il mercato europeo, ne viene “bloccata” la commercializzazione a fronte delle normative Euro3. Quindi nel 2011 l’attesissima V-Strom 650, tutta nuova e non solo parlando di restyling, visto che anche il motore presenterà una completa riprogettazione, così come l’intera ciclistica.

    La Suziki V-Strom 1000 ABS, design aggressivo e concetto di funzionalità
    La Suziki V-Strom 1000 ABS, design aggressivo e concetto di funzionalità

    Salto qualitativo e generazionale in funzione di nuove esigenze del mercato…

    Ma il mercato chiedeva un salto prestazionale, anche in funzione – specie nei Paesi occidentali – della maggiore richiesta di enduro stradali di grossa cubatura; proprio da questo, ecco il nuovo progetto V-Strom 1000 ABS, una moto che, come vedrete, accoglie e raccoglie ma soprattutto soddisfa ogni più lontana esperienza di viaggio; merito dell’ottimo bilanciamento globale, del nuovo motore e di una mirata attenzione verso un’esperienza di guida del tutto nuova.

    Il progetto V-Strom 1000 ABS vanta un motore rivisto in molti componenti
    Il progetto V-Strom 1000 ABS vanta un motore rivisto in molti componenti

    Sport Tourer proprio di e per tutti…

    Sport Adventure Tourer cosa significa? Significa viaggio, comfort, ampio range di utilizzo, massima versatilità, peso contenuto, potenza del motore, possibilità di avventurarsi anche in offroad leggero, ma, soprattutto, significa moto realmente che viaggia nei suoi 360°. La nuova V-Strom 1000 ABS quindi è un mix di tutto questo, perché sia il motore che il telaio sono stati pensati per lunghe percorrenze ma anche per la guida urbana e quotidiana, il tutto nella massima agilità dei suoi 228 kg.

    Il telaio della news V-Strom è stato rivisto anche nelle quote ciclistiche
    Il telaio della news V-Strom è stato rivisto anche nelle quote ciclistiche

    Un progetto istintivo che piace subito…

    La base del nuovo progetto Suzuki, si muove quindi su tre “piattaforme”: prestazioni, abitabilità e comfort di guida oltre che impatto estetico, sempre aggressivo ed istintivo. Cerchiamo quindi di riassumere le aree d’interesse maggiori che fanno parte della nuova V-Strom 1000 ABS: se parliamo di performance dunque, spiccano il riprogettato bicilindrico V-Twin da 1037 cc, una posizione di guida naturale e comoda per due, le sospensioni regolabili, le pinze anteriori radiali ma soprattutto il controllo trazione a tre livelli selezionabili.

    La completa strumentazione della Suzuki V-Strom 1000 ABS
    La completa strumentazione della Suzuki V-Strom 1000 ABS

    Comfort, dinamicità estetica e ispirazione estetica DR-Z del 1990…

    Il comfort è l’altra zona forte della V-Strom 1000 ABS con l’utile plexiglass regolabile in altezza/angolo (15 e 30 mm per l’altezza, tre angoli tra 7,5° e +15°), con la presa esterna 12V sul quadro strumenti e la strumentazione completissima, che fanno parte del pacchetto tecnico della nuova Sport Adventure Tourer Suzuki.

    Plexiglass regolabile in altezza e angolo sulla nuova V-Strom 1000 ABS
    Plexiglass regolabile in altezza e angolo sulla nuova V-Strom 1000 ABS

    Ed infine, la sua dinamicità estetica si esprime grazie allo stile Adventure del modello DR-Z del ’90, un mito vero nel panorama delle enduro stradali; spiccano quindi il proiettore anteriore, caratterizzato dal doppio faro sovrapposto con luce LED, oltre alla gamma accessori altrettanto completa senza dimenticare il design aggressivo e dinamico che rende V-Strom 1000 ABS una moto tutta da vivere…

    Le aree d'intervento motore rispetto alla precedente V-Strom 1000
    Le aree d'intervento motore rispetto alla precedente V-Strom 1000

    Motore riprogettato ma rimane lo schema a V di 90°

    Lo schema è lo stesso di sempre ma i contenuti sono cambiati non poco: ora questo motore “V” di 90° DOHC è decisamente più votato all’uso a 360°, quindi strada, autostrada, città e offroad, fattori che hanno determinato una serie di cambiamenti tecnici per renderlo davvero più fruibile. Rispetto al modello precedente quindi, sono nuovi le testate ed il posizionamento delle candele che ora sono due e non più una, i gruppi termici, la triade pistoni/segmenti/spinotti, le bielle, l’albero motore, la frizione, il volano e l’alternatore (aumentato nell’inerzia del 15%) oltre all’ingranaggio della sesta marcia.

    Suzuki V-Strom 1000 ABS: i nuovi pistoni ed albero motore
    Suzuki V-Strom 1000 ABS: i nuovi pistoni ed albero motore

    E c’è stato anche un notevole salto nella cubatura finale, visto che il “V” di 90° DOHC Suzuki passa da 996 a 1037 cc, risultato ottenuto aumentando l’alesaggio da 98 a 100 mm; il motore quindi guadagna 2 kW in più (ora sono 74 in luogo dei precedenti 72 kW, quindi 101 Cv) di potenza e altrettanti Nm di coppia, passando da 101 a 103 Nm, anche se ora il motore gira 400 giri in più del precedente, visto questo valore legato alla potenza massima passa da 7600 a 8000 giri sulla new V-Strom 1000 ABS.

    Pistoni più grandi ma il peso rimane invariato…

    Anche sulla masse alterne è stato fatto un gran lavoro di fino: i pistoni ad esempio, sono progettati con analisi FEM (c’è il trattamento SCEM sulle pareti dei cilindri per ridurre ulteriormente gli attriti) al fine di risultare più leggeri e resistenti, tanto che, nonostante il maggiore alesaggio, il peso dei due elementi è invariato. Ed è sceso nel contempo anche l’attrito dei segmenti sulle pareti delle canne cilindri, ora quantificabile in un 15% in meno, quindi minor attrito e quindi ottimizzazione della combustione e consumi relativi.