Ultimo addio a Fabrizio Pirovano, Re di Monza, Campione di passione per le due ruote. Il ricordo personale di un pilota generoso, concreto dallo stile inconfondibile…

pirovano e la GSX-R 750
pirovano e la GSX-R 750

Se n’e’ andato anche lui, quasi in sordina, in solitaria, così come era lui nell’indole, riservato nel paddock, molto efficacie in pista. Fabrizio Pirovano è scomparso domenica, lasciando tristezza in chi lo conosceva o in chi ci aveva lavorato assieme.

pirovano, scomparso domenica 12 giugno
pirovano, scomparso domenica 12 giugno

Personaggio amatissimo da pubblico (al di la’ dei risultati sportivi), grande atleta, “Piro” era pieno del suo mondo, pieno di quell’adrenalina che sempre lo aveva fatto amare sia dai team che dal pubblico, sempre suo grande alleato.

Un male incurabile l’ha portato via, un pezzetto alla volta ma rimane l’idea di un Fabrizio generoso in pista ma, soprattutto, persona simpaticamente riservata che sapeva farsi voler bene.

Personalmente, l’incontro con Pirovano ha una data lontanissima: era alla fine degli anni ’70, quando “Piro” correva nel mondiale di motocross in sella alla TGM, ed è proprio quel suo modo di correre che mi fece letteralmente innamorare del fuoristrada. Merito suo quindi che, da lì in poi, mi appassionai alle ruote tassellate.

misano 2005
misano 2005

Ricordo che ero a Montevarchi e Pirovano era l’unico a saltare più in alto di tutti sul salto davanti le ex tribune del circuito toscano, ed aveva un modo di stare in moto decisamente aggressivo e concreto.

Pirovano Yamaha
Pirovano Yamaha

Questo è il mio piccolo grande ricordo di Pirovano, l’unico pilota a portare per primo la guida a braccia larghe – come nel motocross – nel Mondiale SBK Yamaha e poi l’amore Suzuki), lo riconoscevi subito dal suo stile di stare in moto. Perchè era davvero unico…

fabrizio piro pirovano suzuki
fabrizio piro pirovano suzuki

Oggi i funerali con l’idea di “regalare” una curva a suo nome sul circuito di Monza, la sua pista che, in Fabrizio, vedeva proprio il suo Re della Velocità nel tempio della velocità.

podio luglio 2005 suzuki
podio luglio 2005 suzuki

Addio Fabrizio con l’idea di un uomo ed un pilota che ha dato tutto al motociclismo, sempre con quell’entusiasmo da cui, molti ragazzi, dovrebbero prendere un esempio concreto su cosa sia un vero campione di vitalità.

Pirovano e Yamaha
Pirovano e Yamaha

(Foto archivio Suzuki Italia, Yamaha Motor Italia)

yachtsynergy ADV bottom
Articolo precedenteTHE MASTER CAMP A TAVULLIA PER 5 RIDER ASIATICI…
Articolo successivoPROVA: PORSCHE CAYMAN GT4, EMOZIONALE SEMPRE…
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, un mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale e sull’impatto fotografico delle prove e questo da sempre. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Leonardo Di Giacobbe, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Un modo diverso di raccontare le cose, un modo originale nella ricerca delle location: tutto questo sono io ed è ciò che sono per offrire una lettura più dinamica e coinvolgente. PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”