Performancemag.it racconta le novità auto e moto sempre attenti alla qualità dell’informazione.

    Davide Viglianti, un super best holeshot

    Date:

    Condividi:

    PROGETTO MX e Davide Viglianti conquistano il Best Holeshot nella seconda prova di Campionato Regionale Lazio. In gara un quinto ed un quarto posto finali

    Secondo appuntamento per PROGETTO MX e Davide Viglianti sul tecnico circuito di Ponte Sfondato. Ci ha accolto una pista molto curata, ma con un terreno “difficile” e scivoloso, cosa non ideale per Davide al suo rientro post caduta nel primo appuntamento 2022.

    performancemag.it-2022-PROGETTO-MX-PASSO-CORESE

    E poi la tramontana, un vento fastidioso ed insidioso sui lunghi salti di Passo Corese che hanno reso la giornata abbastanza complessa per un insieme di fattori. Ma Davide non si è perso d’animo ed ha cavalcato l’onda del provarci con tutta l’adrenalina che aveva accumulato nel corso di questi ultimi venti giorni di pre-gara.

    performancemag.it-2022-PROGETTO-MX-PASSO-CORESE

    Alla fine, il risultato parla chiaro: secondo posto in qualifica, quinto posto in Gara 1, un ottimo quarto posto in Gara 2 ma, soprattutto la conquista del best Holeshot per la splendida partenza di Gara 2 che ha sorpreso tutti.

    Qualche problemino con la gomma posteriore non ha rallentato la voglia di fare del nostro Davide che si è preso una gran bella rivincita su una pista velocissima quale è Ponte Sfondato.

    Andrea Di Marcantonio – Team Manager e ideatore di PROGETTO MX

    Sinceramente ho apprezzato il lavoro che Davide ha portato in questo secondo appuntamento della stagione. Rientrare dopo un brutto infortunio è già di per sé complesso, farlo poi su una pista insidiosa e difficile come questa, premia coraggio e determinazione. Davide ha mostrato tanta voglia di fare bene e lo ha ampiamente dimostrato in Gara 1 quanto in Gara 2 ma, soprattutto, ha dimostrato la sua sorprendente reattività a tutta la categoria MX1. In Gara 2 un Holeshot fantastico, chiaro segno di esserci al 100%.

    Certo le ambizione di Davide quest’anno solo il podio e la vittoria, ma certamente arriveranno perché sta lavorando davvero sodo per raggiungere questi risultati. Che sono alla sua portata.

    performancemag.it-2022-PROGETTO-MX-PASSO-CORESE

    Aggiungo che, nonostante un problema alla gomma posteriore e la pista scivolosa, ha saputo interpretare con giudizio le due gare, senza strafare ed evitando di cadere. Ma non ha viaggiato di conserva, al contrario, ha saputo attaccare con grinta alcuni avversari. Sono certo che Davide aumenterà il suo livello di performance e la sua aggressività di guida. Sono molto contento dell’insieme dei risultati ottenuti in questa seconda gara di Campionato.

    performancemag.it-2022-PROGETTO-MX-PASSO-CORESE

    La gara, il racconto nelle parole di Davide Viglianti#541

    Come hai approcciato questo rientro post incidente?

    Purtroppo, sono riuscito solo a completare due giri a causa di un’incomprensione con un commissario. Ho fatto due giri di riscaldamento e poi subito bandiera verde per le qualifiche. Nei due giri avevo studiato la pista ed avevo già sentito che il tracciato era molto scivoloso e duro in alcune zone. Sono comunque riuscito ad ottenere il secondo tempo.

    Questa seconda posizione di offre maggiori possibilità anche con pista scivolosa?

    Della pista mi piacciono i salitoni, le staccate ed i lunghi rettilinei dove la mia Suzuki 450 si può esprimere al massimo. Non mi piace il terreno, che tende ad indurirsi subito. Cercherò di partire forte e bene ma senza esagerare.

    Voglio conservare le energie per gli ultimi giri stavolta, voglio sfruttare al massimo il mio fisico che continuo ad allenare in modo diverso e questo è un valore aggiunto che poi ritrovo in gara. Devo anche capire se la pista verrà fresata per Gara 2. Altro punto negativo è il grande buco di tempo tra Gara 1 e 2 a mio avviso troppo per un pilota se parliamo di mantenere la concentrazione. Ma è così per tutti d’altra parte…

    performancemag.it-2022-PROGETTO-MX-PASSO-CORESE

    GARA 1: 5° posto

    Ho fatto una buona partenza e ho staccato secondo dal cancelletto. Ho cercato di mantenere la posizione ma questo tracciato è davvero tosto e scivoloso. C’erano tante buche e canali e tantissima polvere che mi impediva di sapere dove mettere con precisione le ruote. Ho mantenuto la posizione ma, alle mie spalle, gli avversari spingevano ed ho quindi preferito mollare un pelino per non rischiare.

    Ovviamente ancora non sento feeling e sicurezza al 100%, questo a causa del mio incidente nella prima di Campionato, manca un po’ di fiducia ma su questo lavorerò con l’allenamento fisico. Il quindi posto di Gara 1 mi soddisfa in parte anche se mi aspettavo qualcosa in più ma, viste le condizioni globali, mi accontento. Ma solo per stavolta!

    GARA 2: 4° posto

    La pista in Gara 2 era migliorata anche se il calare del sole non mi ha aiutato molto. Sono partito benissimo ed ho tenuto la testa della gara per due giri. Poi sono passato al terzo posto, posizione che ho mantenuto per tutta la gara. Ma, nell’ultimo settore, la fatica si iniziava a fare sentire ed ho mollato un filino e sono retrocesso al quarto posto finale.

    La botta presa alla prima gara di apertura Campionato si sente ancora, ed ho preferito non rischiare troppo. La giornata per me si chiude in bilancio positivo, soprattutto per la conquista del best holeshot!

    Andrea Di Marcantonio
    Andrea Di Marcantoniohttps://www.performancemag.it
    “Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi talenti con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo della Velocità. Siamo l'unica testata italiana a costruire progetti per i giovani a cui offriamo un team collaudato e tutta la mia esperienza sul campo. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”