PROVA: RENAULT NEW TWINGO TCe 90 CV

1459 0

La Nuova Twingo è rivoluzione nel segmento delle city-car, ancora una volta Renault ha il coraggio di uscire dagli schemi  con questo progetto a motore posteriore e due versioni da 70 e 90 Cv.  La più potente TCe è agilissima, ricca di coppia e sempre divertente da guidare…

Il segmento delle city-car è forte di una crescita unica nel suo genere. Perchè rappresenta e sintetizza le esigenze urbane del pubblico e dell’utenza, spesso e sempre a caccia di soluzioni innovative, uniche e che consentano di allargare sempre più la voglia ed il desiderio crescente di una mobilità sempre più “ricercata” se parliamo di originalità.

La Nuova Twingo, agilità e design accattivante
La Nuova Twingo, agilità e design accattivante

Resta il fatto che le city-car hanno oggi un “impatto” sull’utenza che riflette esigenze nuove ed una modalità diversa legata ai piccoli e medi spostamenti; quindi vetture non solo pratiche ma anche comode, “reattive” se parliamo di accelerazione e potenze ma, soprattutto, capaci di accogliere esigenze di spostamento sempre più ampie ed in linea con l’effetto della multimedialità della strumentazione a bordo.

Nuova Twingo, urbana al 100% la city-car Renault
Nuova Twingo, urbana al 100% la city-car Renault

Renault, come sempre, ha racchiuso nella Nuova Twingo – costruita in Slovenia negli stabilimenti di Novo Mesto – tutto questo e molto di più perchè, come sempre, il costruttore francese sa osare, sa spostarsi dagli schemi convenzionali, sa guardare avanti, andare controcorrente con una “sana” capacità reattiva se parliamo di coniugare al meglio tecnologia ed esigenze nuove per una nuova mobilità.

Nuova Twingo, tanto spazio  dentro in dimensioni compatte
Nuova Twingo, tanto spazio dentro in dimensioni compatte

“Innovazione che non abbiamo mai temuto”: parla il designer Wittenger

“Renault è una Marca che non ha mai temuto di essere innovativa – spiega Csaba Wittenger, designer di New Twingo -. L’azienda si è mostrata più volte capace di fare cose che nessuno osava immaginare. Prendiamo la R5, ad esempio: è un’auto tradizionale, con motore anteriore; tuttavia, per la corsa, Renault ha deciso di creare una versione con motore posteriore, che è diventata una supercar assoluta (Clio V6 si è inserita tra le supercar Renault). Renault è stato uno dei primi costruttori automobilistici a creare delle supercar partendo dalle auto di serie”.

Qualcosa che ha il sapore della gloriosa R5…

In queste parole c’è quindi l’idea globale dell’approccio alla nuova Twingo, la cui somiglianza con la gloriosa R5 è quasi “scontata” anche se, le sue forme armoniose, ricordano più la versione Turbo che la vecchia berlina… Qual era il rapporto tra R5 e Twingo? La R5 era molto accessibile – risponde Wittenger -: era un’auto compatta molto apprezzata e prodotta in massa. Quest’auto ha segnato una tappa importante nella storia di Renault e delle city car in genere: un nuovo tipo di automobile, con un’espressione simpatica e una forte personalità. Twingo I ne è stata la prima erede e Nuova Twingo attinge semplicemente a questa ricca eredità e ne prosegue la storia…”.

Nuova Twingo Renault, progetto condiviso con Daimler Smart
Nuova Twingo Renault, progetto condiviso con Daimler Smart

Somiglianze con la Fiat 500? No, la nuova Twingo ha passo lungo e sbalzo corto,..

Certo qualcuno potrebbe “scovare” nel suo design delle somiglianze con la “nostrana” Fiat 500, ma a questo dubbio è sempre Wittenger a chiarirlo:  “Nuova Twingo deriva dalla silhouette, che è stata determinata dalla scelta della piattaforma e dall’architettura con motore posteriore. A parte questo, è impossibile trovare somiglianze. Noi abbiamo uno sbalzo corto e un passo lungo tra gli assali, che ci ha permesso di avere delle autentiche porte posteriori. Ho avuto la fortuna di poter scegliere liberamente l’angolo del portellone, un elemento iconico derivato dalla R5. Ciò nonostante, la nostra Twingo non si inserisce nel movimento neo-retro e si proietta nella modernità”.

La vecchia Twingo, la Nuova Twingo, 20 anni di storia per un'auto ora completa
La vecchia Twingo, la Nuova Twingo, 20 anni di storia per un'auto ora completa

Nuova Twingo: unica, dinamica, cittadina più che mai…

Venti anni sono tanti perchè tanto tempo è trascorso dalla nascita di questa city-car innovativa che già lo era quando venne presentata al pubblico internazionale.La Nuova Twingo è quindi una totale rielaborazione del concetto legato al dinamismo urbano e che vede nei suoi 4,30 mt. legati al suo raggio di sterzata e nel motore posteriore, i nuovi spunti tecnici che, sommati alla 5 porte ed al posto di guida rialzato oltre che al passo più lungo di ben 13 cm (10 cm più corta della precedente versione) consegnano in mano le chiavi per avere la città in mano, anzi, tra le mani!

Nuova Twingo Renault, motore posteriore da 899 cc da 70 e 90 Cv
Nuova Twingo Renault, motore posteriore da 899 cc da 70 e 90 Cv

Ma nuova Twingo non è solo “offerta tecnologica“, ma è pure abitabilità superiore e questo grazie ai 2,31 mt di lunghezza di carico e che consente di trasportare oggetti grandi ed ingombranti oltre che accogliere comodamente 4 persone adulte, che potranno disporre della multimedialità offerta dalla radio R&GO con connessione allo smartphone/tablet oltre che al navigatore, senza dimenticare l’R-Link Evolution, ovvero il tablet integrato con annesse tante, tante APP. Oltre al fatto sintetico che ognuno potrà avere la sua Nuova Twingo se parliamo di accoppiamenti colore esterno/interni.

Entriamo in contatto con la Nuova Twingo…

Ricca, colorata, giocosa, divertente e spensierata, agile di carattere quindi… I colori interni ed esterni giocano un ruolo chiave su questa vettura francese, dove chi guida è sempre protagonista della “scena” che si svolge ben oltre il parabrezza, che, oltretutto, offre un’ampia visione verticale pari a 12,1°, valore apprezzatissimo nelle manovre e guida cittadina.

Agilissima in città, piacevole in extraurbano, la Nuova Twingo sorprende sempre
Agilissima in città, piacevole in extraurbano, la Nuova Twingo sorprende sempre

Ma anche i volumi vettura sono stati valorizzati, come nel caso della riduzione dei raggi d’imbottitura a 1,5 mm contro i precedenti 2 mm, il che significa valorizzare design e ingombri, mentre la linea di spigolo della porta posteriore, della zona inferiore, dell’ingresso porta e sportellino carburante sono state “schiacciate” da 4 a 2 mm.

Lo schema motore/pianale della Nuova Twingo, motore posteriore, massima abitabilità
Lo schema motore/pianale della Nuova Twingo, motore posteriore, massima abitabilità

Muso raccolto e corto, 3,59 mt di lunghezza, ruote molto “esterne” alla carrozzeria, Nuova Twingo sfoggia fin dalla prima occhiata un’aria agile e concreta; elementi distintivi del design sono quindi le due nervature sul cofano, gruppi ottici a palpebra, luci diurne rotonde con ben 4 led in circolare, presa aria posteriore che evidenza marca, stile e carattere della city-car Renault. La versione in prova èla Energy TCe, ovvero la tre cilindri turbo da 90 Cv e che si distingue dalla “aspirata” (sempre a tre cilindri) per alcune modifiche estetiche che ne evidenziano e marcano il carattere decisamente più incisivo e sportivo. Tra queste lo spoiler posteriore, la fascia adesiva laterale (stripping) ed i cerchi da 15 o 16″.

A proposito di agilità… Un mondo da scoprire!

4,30 mt. di raggio sterzata è un valore sorprendente per lo std attuale: il motore posteriore consente di rendere libera l’area anteriore con ovvi benefici tecnici sull’agilità globale. Quindi un metro in meno rispetto alla concorrenza (anche se effettivamentela NuovaTwingo, proprio per le nuove caratteristiche, di concorrenti non ne ha…) e questo significa parcheggiare in un soffio anche in virtù dei 45°, angolo garantito dalle ruote in sterzata massima.

Nuova Twingo, grande capacità di carico...ad ogni livello
Nuova Twingo, grande capacità di carico...ad ogni livello

Qualche numero per capire gli “ingredienti dinamici” di Nuova Twingo…

Merito del motore centrale posteriore, inclinato di 49°, oltre che del retrotreno De-Dion, che libera i progettisti da “vincoli” di realizzazione tecnica; ed anche lo sterzo della Nuova Twingo è utile alla sua dinamicità e agilità: l’asse dello sterzo è sistemato a monte delle ruote anteriori ed è abbinato ad una centralina del servosterzo posizionata direttamente sulla cremagliera, cosa che ne eleva l’angolo di sterzata dagli std e convenzionali 30° (media angolo sterzata) a 45°. Infine, la ripartizione dei pesi è decisamente più equilibrata con il 45% sull’avantreno ed il 55% al posteriore e questo rispetto – rispettivamente – al 70 e 30% di altre vetture a trazione anteriore…

Questa versione TCe da 90 Cv gode invece di uno sterzo con ratio variabile VGR (variable Gear Ratio), il che significa rigidità attorno al punto 0 ma estrema precisione e maggiore reattività nelle sterzate, quindi chi guida dispone di mezzo giro in più di sterzo rispetto alla versione SCe da 70 Cv.

Motore posteriore per la Nuova Twingo Renault, elaborato a livello dimensionale ed ingombri
Motore posteriore per la Nuova Twingo Renault, elaborato a livello dimensionale ed ingombri

Motore posteriore? Scelta per garantire spazio e massima maneggevolezza…

“L’obiettivo fissato per la messa a punto del telaio è stato semplice spiega Christian Steyer, Ingegnere Capo di Nuova Twingo, ovvero offrire un comportamento sicuro come quello di una trazione anteriore e piacevole come quello di una trazione posteriore. In altri termini, un’auto allo stesso tempo maneggevole e facile, adatta a qualunque tipo di guidatore. Siamo molto soddisfatti della precisione e dell’agilità di Nuova Twingo, un’auto che può realmente essere guidata da tutti”. E’ stato quindi un lavorone ma, alla fine, la sfida Renault è stata vinta!

Tre cilindri turbo, dodici valvole, 899 cc, 90 Cv, questo lo schema tecnico della TCe
Tre cilindri turbo, dodici valvole, 899 cc, 90 Cv, questo lo schema tecnico della TCe

L’alloggiamento dei motori ha quindi richiesto uno studio a parte: l’inclinazione dei motori è stata modificata proprio per occupare il minor spazio possibile, fino al raggiungimento del valore di 49°, dato atto a ridurne l’altezza, mantenendo “importante” il volume del vano bagagli; quindi sono state modificate sia la zona alta che quella bassa del tre cilindri Renault, con il 50% delle parti ridisegnate per il nuovo progetto, di cui fanno parte la distribuzione, il carter motore, tutti i circuiti di raffreddamento, lo scarico ed alla fine lo spazio occupato è stato ridotto del 15%.

La catena di montaggio della Nuova Twingo negli stabilimenti  in Slovenia
La catena di montaggio della Nuova Twingo negli stabilimenti in Slovenia

Gamma motori: aspirato e turbo, 70 e 90 Cv, per tutte le esigenze di guida…

Due motorizzazioni “dodicivalvole” (azionate da catena) da 899, un aspirato ed un turbo, di fatto quello più “intrigante” per via dei suoi 90 Cv a 6000 giri ed un valore di coppia estremamente interessante pari a ben 135 Nm a 2500 giri. Come accennato prima, questo motore vanta il 50% dei componenti totalmente rivisti per essere “ospitato” nel vano motore posizionato centralmente e sotto al vano di carico posteriore.

Si tratta di un motore molto generoso in termini non solo di prestazioni assolute (la nostra versione prevedeva lo Stop&Start e l’Hill Start Assist), ma, soprattutto se parliamo di rendimento ai bassi e medi regimi, il tutto con consumi dichiarati – sul ciclo misto – di 4,3 litri per 100 km, ampiamente rispettati durante tutta la prova. Le emissioni si attestano quindi sui 99 g/km e quindi in linea con la normativa Euro 6.

Sempre godibile la Nuova Twingo, consumi ridottissime e ottime prestazioni sulla TCe
Sempre godibile la Nuova Twingo, consumi ridottissime e ottime prestazioni sulla TCe

Trattamenti superficiali su parti motore per ridurre gli attriti

Merito del rendimento e dei consumi contenuti, vanno associati alla valvola wast-gate elettrica (che convoglia i gas di sfiato in turbina), alla drastica riduzione degli attriti, al trattamento superficiale di pistoni e punterie oltre che alla pompa dell’olio a cubatura variabile. Ma anche il motore da 70 Cv merita attenzione in virtù dei 91 kgm di coppia con il valore del 90% disponibile già a 1000 giri, cosa che invita ad usare pochissimo il cambio manuale a 5 marce, che sarà disponibile anche nella versione con cambio EDC doppia frizione a 6 rapporti.

Cofano che scivola di 22 cm, motore che si abbassa di 150 mm…

Ma il 10% dei consumi può essere ulteriormente abbattuto grazie al pulsante ECO Mode con indicatore di cambio marcia  e che “dimezza” la potenza quando e se vogliamo risparmiare carburante. Entrambe le motorizzazioni poi, godono di un ottimo isolamento acustico per una vita a bordo più piacevole e silenziosa e questo grazie alla piastra metallica coperta da moquette e schiumogeno su pianale e vano bagagli.

Muso cortissimo per la Nuova Twingo e design aggressivo ampiamente personalizzabile
Muso cortissimo per la Nuova Twingo e design aggressivo ampiamente personalizzabile

Ed infine, batteria ed i serbatoi liquidi sono alloggiati nel “finto” cofano motore, che può scivolare in avanti di 22 cm per accedere al rabbocco dei liquidi di radiatore, tergicristallo, freni. Ed a proposito di manutezione, il cambio olio va fatto ogni 20.000 km mentre, al fine di facilitare la manutenzione in officina, il motore può essere abbassato di 150 mm e questo per non scollegarlo dal telaio negli interventi più importanti.

Ed infine gli altri plus della Nuova Twingo…

Non sono pochi, quindi li elenco in ordine di importanza… Ottimo “profilo” sotto il punto dell’abitabilità, con 33 cm di lunghezza in più (versione precedente), passo di 2490 mm per 3590 mm di lunghezza il che significa a bordo  uno spazio per le ginocchia degli occupanti posteriori che vanta raggio di mobilità pari a 13,6 mm ed altezza di 85,5 mm; e poi c’è la panchetta posteriore ribaltabile 50/50 e sedile passeggero completamente ripiegabile, il che significa disporre di 2,31 mt per il trasporto di oggetti lunghi o alti, come nel caso della classica libreria svedese…

La locandina pubblicitaria della Nuova Twingo, messaggio diretto ed informale
La locandina pubblicitaria della Nuova Twingo, messaggio diretto ed informale

Il mondo pratico dei portaoggetti di Nuova Twingo…

Ed ancora, vani portaoggetti per 52 lt., che vanno ad aggiungersi alle vaschette sportelli anteriori; si aggiungono – e chiamiamoli per nome – Biggy, doppia soluzione aperta/chiusa che si somma all’opzionale Baggy, sacca praticissima in tessuto che accoglie anche il tablet e quindi la capienza varia tra 5 e 6 lt. Handy, ovvero il contenitore asportabile che si trova sulla consolle centrale e che accoglie 2,6 lt. Ed ancora Middy, ovvero la consolle centrale tra i due sedili anteriori equipaggiata con/senza presa USB che accoglie 2 lt, Tally, le tasche pratiche sulle porte posteriori che possono alloggiare due bottiglie da 1,5 lt. Sneaky, vano che si trova sotto la panca posteriore e che accoglie 29 lt, qualcosa di unico ed innovativo su un’auto… Che dite può bastare?

La capienza a 360° della Nuova Twingo Renault
La capienza a 360° della Nuova Twingo Renault

Dinamismo, potenza, divertimento, innovazione e soprattutto sicurezza…

L’elemento sicurezza è al primo posto su Nuova Twingo (di cui fanno parte ABS, assistente alla frenata AFE, ESP, SBR, Cruise Control, TPMS e Hill Start Assist): il lavoro tecnico si è complicato perchè l’area anteriore deve resistere dagli “effetti collaterali” del motore posteriore che, in caso di urto anteriore, spinge per forze verso l’anteriore, quindi tunnel centrale, carenature, rinforzi sulle portiere, sono progettate proprio per resistere al gradiente dell’intensità delle forze, proteggendo l’abitacolo grazie a materiali elastici. “Tunnel di trasmissione, carenature, rinforzi delle porte e numerosi altri elementi strutturali – spiega  Éric Lopes, Responsabile sicurezza passiva – resistono ad una trazione di 120 kg su una sezione di 1,2 mm. Una vera e propria cellula di sicurezza”.

Agile, dinamica, potente nella versione da 90 Cv, ecco il mondo della New Twingo!
Agile, dinamica, potente nella versione da 90 Cv, ecco il mondo della New Twingo!

L’area posteriore e quindi la sicurezza dei passeggeri posteriori, è tutelata da traverse rinforzate, mentre l’assorbimento dell’energia è offerta dalla deformazione programmata sia della base che dei longheroni, di cui, i posteriori sono identici nelle dimensioni a quelli anteriori, per resistere ad un impatto posteriore fino a 80 km/h.

Montanti a spessore variabile e plastica Noryl per proteggere i pedoni da urti

E poi ancora, il montante centrale vanta spessore variabile, fattore che permette una deformazione molto precisa dell’abitacolo mentre cofano e parafanghi sono in materiale plastico memory Noryl, questo per la “protezione” in caso di urto contro un pedone, così come i 150 mm in schiumogeno sul parafango attenua l’eventuale urto contro la tibia del malcapitato. Quattto airbag proteggono gli occupanti, due frontali, due laterali testa/torace a doppia camera con poggiatesta anti colpo di frusta mentre i più piccoli sono protetti da ganci ISOFIX a tre punti e fissaggio Top Tether nel vano bagagli.

Progetto condiviso Daimler, Smart, Renault per la nuova city-car a trazione posteriore
Progetto condiviso Daimler, Smart, Renault per la nuova city-car a trazione posteriore

Progetto condiviso Daimler/Renault… Questo vi era sfuggito?

Il progetto Nuova Twingo è condiviso tra Renault e Daimler. Come molti avranno notato, la nuova city-car francese, condivide la piattaforma con le Smart a due e quattro posti. Proprio nel 2008 Renault pensa alla nuova city-car Twingo ed uno dei tre studi presentati, spinge verso una vettura a motore posteriore che certo ha vantaggi innegabili per “acquisizione” di spazio, maneggevolezza e con raggio di sterzata unico nel proprio genere. Renault quindi si “incontra” con Daimler e parte, nel 2010, il progetto congiunto per la realizzazione della nuova vettura a motore posteriore.

Compatta e accogliente, la Nuova Twingo TCe da 90 Cv
Compatta e accogliente, la Nuova Twingo TCe da 90 Cv

COME VA: sorprendente sempre, agilissima e piena di emozioni…

Nuova Twingo è una city-car immediata, fresca, dinamica ed anche audace. Le sue forme, i suoi contenuti tecnici ma anche di design, la rendono un’auto diversa dalle altre, unica nel suo genere e quindi l’approccio dell’utente è senza dubbio innovativo. Dimensioni compatte che però nascondono la “forza” di questo ambizioso progetto, realizzato per vivere in modo autonomo la città in single o in compagnia.

Piace perchè “generosa” nelle performance, specie questo modello TCe da 90 Cv, che guizza come un gatto con uno sterzo leggerissimo e che offre resistenza pari a zero, altro elemento nuovo da scoprire nei parcheggi, nelle inversioni rapide o nei vicoli del centro storico delle nostre affollate città…

Aspetto simpatico grazie al muso corto della Nuova Twingo Renault
Aspetto simpatico grazie al muso corto della Nuova Twingo Renault

Comodi con tanto spazio per tutti…

A bordo si sta comodi e si sta bene in quattro, con lo spazio giusto tra la panca posteriore ed i sedili anteriori, comodi ed alti, così come il resto della Nuova Twingo; si, la piccola di Casa Renault, ha il pianale alto ed un sacco di spazio tutto da sfruttare, perchè, quando si vive la città o ci si spinge verso una meta extraurbana, lo spazio sembra non bastare mai. Nuova Twingo al contrario, offre portaoggetti dislocati ovunque e tutti con soluzioni che parlano direttamente alle richieste di stivare più cose ed oggetti possibili in modo pratico e veloce.

DNA made in happy!

Il posto di guida non nasconde nulla: gli interni, curati e rifiniti quel gradiente in più rispetto ad altre city-car, offre colori ed accoppiamenti che fanno colorata anche una giornata grigia; buon umore a portata di mano, di dito, grazie alla piattaforma multimediale tutta da scoprire. E c’è bisogno, specie in questo periodo, di un sano buon umore, di nuova allegria, di sorridere alla cose, alla vita ed in questo, questa piccola grande vettura francese, sa “insegnare” molto, perchè i colori fanno parte del suo DNA, attento agli occupanti si, ma mai “prepotente”.

La versione TCe  da 90 Cv con cambio manuale è agile...ovunque
La versione TCe da 90 Cv con cambio manuale è agile...ovunque

Motore potente e ricco di coppia sempre

Imbattibilmente silenzioso, questo tre cilindri “dodicivalvole” spinge di brutto: in basso è sempre pronto, deciso e ricco di coppia, complice l’indicatore di cambio marcia che sembra accendersi molto prima rispetto al regime di cambiata e che invece, in virtù della tanta coppia a basso numero di giri, può ingannare chi guida. Meglio fidarsi e cambiare, così si risparmia carburante e si fila via senza il minimo sforzo. E se poi l’esigenza di consumare poco diventa imperativa, beh, c’è il tasto ECO Mode che “dimezza” le performance del motore e che fa risparmiare benzina. Un vivo consiglio: non usatelo mai durante un sorpasso veloce! E’ un motore silenzioso, omogeneo nel funzionamento e che spinge anche con le marce alte; piace la pulizia dell’erogazione, la grande progressione pur se stiamo parlando di 899 cc, cubatura piccola ma invitante per emozioni, specie in accelerazione, dove Nuova Twingo è sempre la prima a scattare al semaforo.

La Nuova Twingo espressione di carattere, dinamismo e tecnologia Renault
La Nuova Twingo espressione di carattere, dinamismo e tecnologia Renault

E’ davvero un piacere guidare questa vettura, perchè è facile, intuitiva, aggressiva quando serve ma senza mai eccessi che possano mettere in crisi il comportamento dinamico, complice un “pacchetto” elettronico (ABS, ESP) che funziona molto bene a patto appunto di mantenersi all’interno di una guida fluida e pulita. Al contrario, se la guida diventa più sportiva e si spinge più forte, l’ESP diventa un pelino invasivo e forse, mancando il tasto di esclusione del sistema, il suo ingresso è fin troppo provvidenziale…

Zero vibrazioni, ottima insonorizzazione, non perdono i  freni a tamburo posteriori…

La vita a bordo inoltre, è resa silenziosa dalla totale assenza di vibrazioni trasmesse dal motore e questo a qualsiasi regime. Molto ben insonorizzata e grazie ad accorgimenti tecnici che ne hanno aumentato la silenziosità (come ad esempio le speciali guarnizioni vetro/carrozzeria), Nuova Twingo è una city-car per tutti e per tutte le esigenze.

La frizione è morbida, così come gli innesti del cambio manuale (ecco forse l’unica nota stonata è il cambio a doppia frizione di serie su una vettura come questa…) sono precisi e morbidi, in stile Renault quindi, mentre l’impianto frenante svolge molto bene il proprio compito (specie l’anteriore), anche se i tamburi posteriori “invecchiano” di colpo l’area posteriore e non comprendo perchè, con tanto sforzo tecnico, i tamburi non siano stati eliminati e sostituiti da più attuali ed ormai std – anche sulle piccole – freni a disco.

Motore posteriore che spinge la vettura dentro le curve ed in accelerazione
Motore posteriore che spinge la vettura dentro le curve ed in accelerazione

Sforzo sullo sterzo? Non esiste e si inverte la marcia in una sola manovra…

Certo il motore posteriore si sente, perchè l’area anteriore è libera e leggera da vincoli e questo rende lo sforzo sullo sterzo praticamente inesistente. Questo è forse il dato più disponibile nell’immediato per la grande massa di utenza, che troverà tra le mani uno sterzo preciso, diretto ma, soprattutto, leggerissimo da ruotare. I parcheggi si fanno in un secondo, ma sono le inversioni di marcia che lasciano senza parole, visto che, con lo sterzo a battuta, rimane dello spazio tra voi e la vettura parcheggiata difronte nell’azione di invertire la marcia… Questo rende la vita a bordo ancora più agile e credo sia questo il plus migliore di questa vettura, la sua eccellente agilità dinamica in ogni situazione.

Dinamica anche nella guida, telaio a punto e sospensioni ben tarate

Guidando Nuova Twingo, si scopre la sua agilità al 100%: ho lodato lo sterzo, che lo merita, ma c’è un altro elemento su cui vale la pena soffermarsi e cioè il suo grande dinamismo di guida. Reattiva e precisa, la city-car francese non teme traffico, stradine strette ma nemmeno strade dove c’è da guidare. Il pianale alto ed il parabrezza dall’ampia visibilità verticale, invitano a scoprire il percorso in tutte le sue sfaccettature dinamiche: la vettura non ha molto rollio pur se “impegnata” nelle fasi di “carico laterale estremo” e scivola semplicemente sulle quattro ruote trovando poi da solo il punto di aderenza a centro curva.

City-car giovane, fresca e per tutta la famiglia? Si la Nuova Twingo piace a tutti!
City-car giovane, fresca e per tutta la famiglia? Si la Nuova Twingo piace a tutti!

Trasferimenti di carico neutri, ottimo comportamento dove c’è da guidare…

Zero trasferimenti di carico in frenata, anche se il motore posteriore “spinge” ma direziona la vettura in ingresso curva, quindi Nuova Twingo, si guida più di “posteriore” mentre l’anteriore ha il solo compito di dare direzionalità alla vettura ma senza mai la percezione di galleggiamento sia in ingresso che in uscita.

E’ una vettura molto stabile e che affronta le “esse” con disinvoltura e piace la sua precisione di sterzo ma anche piace la reattività del motore turbo, sempre pronto al minimo contatto del gas. Il comportamento delle sospensioni è un po’ secco, ma solo nel secondo tratto di corsa (più secco quello delle sospensioni anteriori), mentre nel primo ogni asperità viene ben assorbita da ammortizzatori ben tarati per la città ma questo solo a bassa andatura, visto che se si affrontano le gibbosità dell’asfalto con un gradiente superiore di velocità, la risposta immediata è secca ed a volte fastidiosa in abitacolo, specie a vettura con il solo guidatore a bordo.

Nuova Twingo Renault, un passo avanti nel mondo delle "piccole"
Nuova Twingo Renault, un passo avanti nel mondo delle "piccole"

E allora? Nuova Twingo sembra fatta apposta per riscoprire, in modo nuovo ed intenso, il piacere di guidare l’innovazione ma, soprattutto, il piacere di scoprire emozioni nuove a tuttocampo. Perchè? La risposta è scontata e già la sapete… perchè è agile di carattere.

(Foto EMILIANO GRILLI)