La Beta 125 LC 2022 si presenta con tante novità tra cu il nuovo motore 4T da 125 cc con fasatura variabile e l’iniezione elettronica Mikuni

Anche quest’anno Beta sorprende tutti ed anticipa la gamma 2022 Enduro. Tra le tante proposte 2 e 4T RR o Racing, la nuova RR 4T 125 LC si propone come “entry level” nel segmento on/off, una moto che ogni sedicenne appassionato, sogna di avere tra le mani.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Ed è molto forte il messaggio che Beta emana con questo modello che certo è più una moto con cui fare tutto che una vera Enduro no-compromise.

Ma visto che da qualche bisogna pur iniziare, l’appassionato avrà comunque in mano una moto bella, prima di tutto, dal look molto aggressivo e che richiama la gamma RR 2022. Una moto da usare tutti i giorni quindi e senza preoccuparsi di nulla.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Una RR di nuova generazione

La 125 LC fa parte di nuova generazione che sa trasmettere emozioni forti e concrete. Il M.Y. 2022 si presenta con tantissimi aggiornamenti tecnici. Tra questi il nuovo motore 4T da 125 cc dotato oggi dell’iniezione elettronica che si somma a nuove geometrie per la ciclistica e telaio. Senza dimentiare le nuove sospensioni (setting) che garantiscono maggiore maneggevolezza.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Due le versione, enduro e motard, un modo per “coprire” la passione a 360° dei giovanissimi rider. Ma attenzione, perché questa moto può essere indicata anche per quel pubblico adulto che voglia sperimentare il fuoristrada… La moto è EURO 5 ed è offerta in bianco, rosso e nero.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Il nuovo motore con iniezione elettronica

Il nuovo propulsore da 124,6 cc (11 kW a 10.000 giri) ha quote vitali di 52×58,6 mm con rapporto di compressione di 11,2:1. Il raffreddamento, come sul precedente modello, è con liquido ma è stato migliorato nel flusso d’aria, mentre è sulla distribuzione che è stato fatto il lavoro più importante.

Iniezione elettronica Mikuni

Il passaggio dal carburatore, all’iniezione elettronica Mikuni, ha ampliato la fluidità di guida e la reattività ad ogni regime. Ma è sulla distribuzione che i tecnici si sono concentrati.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

infatti, è arrivata la fasatura variabile per l’asse a camme che migliora riempimento rimpolpando il valore di coppia. Merito anche del nuovo scarico Racing.

C’è poi la frizione antisaltellamento mentre spicca il nuovo air-box che ha maggiore capacità di accoglimento del flusso oltre ad abbattere la sonorità dell’aspirazione oltre a facilitarne lo smontaggio.

Nuove geometrie del telaio

La maneggevolezza era l’obiettivo dei tecnici di Rignano sull’Arno: il doppia culla in acciaio vanta ora un interasse di 1410 mm ed una luce a terra di 330 mm. Ci sono nuove plastiche che hanno uno stile racing e sono davvero accattivanti.

C’è la nuova mascherina full LED (ed il fanalino posteriore LED) con gruppo ottico di nuova concezione che vanta un gradiente di luminosità molto elevato.

Il telaietto posteriore ora è in materiale composito plastica/metallo, quindi molto più leggero del precedente e più rigido. C’è un diverso cavalletto più stabile con meccanismo molla migliorato.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Anche l’impianto frenante è stato rivisto: ora c’è il sistema combinato CBS mentre per la ciclistica, scopriamo una forcella da 41 mm e forcellone in alluminio con mono ammortizzatore regolabile. Ed ancora altri piccoli dettagli sono nuovi come le pedane micro-fuse, il sistema unificato in un’unica chiave.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Un appassionato che da grande voleva scoprire l’Enduro

Questa volta ho passato il manubrio ad un appassionato vero. Fabrizio Turchi è da sempre un amante del cross country. Pratica offroad da non molto ed è uno dei tanti adulti che ha scoperto “da grande” il fuoristrada. Era importante fargli provare questa 125 LC soprattutto per scoprire cosa hanno in mano oggi i sedicenni.

FABRIZIO TURCHI

Un opinione interessante da un punto di vista di un neofita ma non troppo per capire quanto questo nuovo modello della LC 125 si sia evoluta visto che in passato aveva già provato il vecchio modello. Ne è uscito un “quadro” interessante sulla novità Beta 2022.

Cosa ne pensi globalmente di questa nuova Beta RR125LC?

La nuova Beta RR 125 LC 2022 è una moto globalmente idonea a chi vuole iniziare a praticare enduro soft perché studiata per i sedicenni che vanta motore da 15 Cv. È ottima sia sui tracciati un filino più tecnici che sui percorsi scorrevoli e veloci. Ma rimane anche e soprattutto una enduro da utilizzare ogni giorno anche per andare a scuola

Si rivolge ad un pubblico giovanissimo, quali sono i suoi plus positivi?

Le note positive della 4T italiana sono tantissime. Intanto il prezzo contenuto che ben si abbina ai suoi bassissimi consumi. Nonostante i suoi 15 Cv, vanta un’ottima spinta ai bassi regimi mentre sia il mono posteriore che la forcella lavorano egregiamente

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Parliamo della sua ergonomia, quindi posizione in sella, altezza pedane, posizione del busto e peso della moto nella guida

Questa nuova RR 125 LC ha un’altezza massima da terra non eccessiva. Ottima la posizione delle pedane sia per una guida in piedi che seduti. Con delle piccole regolazioni al manubrio riusciamo a stare con il busto in una posizione ottimale

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Cosa pensi della nuova grafica 2022?

Nuove plastiche e look aggressivo sempre più ispirate alle moto dei piloti del mondiale enduro, una figata per i più giovani!

Del nuovo motore 4T cosa ne pensi? Parliamo dell’erogazione, della trattabilità ai bassi e medi regimi

Questo monocilindrico Minarelli da 15 Cv è stato profondamente e totalmente rinnovato, dalla sua parte ha un’erogazione pulita su tutto l’arco di utilizzo e questo grazie all’iniezione elettronica che garantisce la massima reattività di risposta in qualsiasi condizione

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

È una moto leggera secondo te?

È una moto da 98 kg a secco, che sono distribuiti molto bene. Molto leggera tra le mani, mette subito a proprio agio il pilota

Parliamo delle sospensioni: comportamento forcella e mono, giudizio sul pacchetto sospensioni e sincerità di funzionamento. Hai trovato qualche sbavatura di funzionamento?

Questa soft enduro monta una forcella idraulica USD con steli rovesciati da 41 mm e un monoammortizzatore con regolazione del solo precarico molla. Con delle piccole regolazioni personali possiamo divertirci sia sui circuiti fettucciati quanto in offroad light

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

Cosa pensi dell’avantreno in inserimento curva?

È sempre molto leggera oltre che stabile sia in inserimento curva sia in uscita. È precisa nei cambi direzione nonostante abbia pochissimo sterzo e questa è una nota dolente che ne penalizza la manovrabilità specie in ambito urbano

Due parole sull’impianto frenante…

La nuova RR 125 LC 4 tempi monta un disco anteriore da 260mm e un posteriore da 220 mm. Bisogna prenderci un po’ la mano perché all’inizio ha una frenata troppo morbida e poco sincera. Devi pinzare con più energia che vuoi ottenere una frenata decisa e corposa, ma è comunque efficace

La consiglieresti a chi vuole iniziare ad approcciare l’offroad?

Certamente la consiglierei a tutti quei ragazzi che vogliono iniziare a divertirsi in offroad ed in tutta sicurezza.

Beta-RR-125-LC-2022-performancemag.it

La RR 125 LC in voti da 1 a 5

ESTETICA 5 – ERGONOMIA 5 – NUOVA GRAFICA 5 – EROGAZIONE MOTORE – FUNZIONAMENTO FORCELLA 4 – FUNZIONAMENTO MONO 4 – AGILITA’ NEL MISTO 5 – INGRESSO CURVA 5 – PESO MOTO 5 – COMFORT PILOTA 5

(Foto LORENZO PALLONI)

Articolo precedenteECCO IL NUOVO KIA SPORTAGE, SUV DINAMICO
Articolo successivoLE NUOVE HONDA CB 500 SI AGGIORNANO
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”