Meno di una settimana dal debutto di Audi e-tron GT, vettura importante per la Casa dei cinque anelli e su cui il lavoro aerodinamico è stato incessante

Questa GT elettrica, firma le “regole” dei futuri modello Audi a zero emissioni. Ecco l’intervista a Marc Licthe, Responsabile del Designer Audi, prima della data del debutto fissato per il prossimo 9 febbraio,

È l’auto più bella che abbia mai disegnato”. In questo modo si è espresso Marc Lichte, Responsabile del Design Audi, quando è stata svelata a Los Angeles, nell’autunno del 2018, la show car Audi e-tron GT Concept.

audi e-tron2021-performancemag.it 2021

Per Audi non è la prima volta che sviluppa un’idea che sappia guardare avanti.

Un DNA che sa accarezzare la tecnologia per plasmarla sulle esigenze di un domani ormai concreto e vicino. Dovremo sempre più abituarci a vetture di questo tipo. Audi ha saputo leggere ed interpretare il futuro e-tron ed oggi, forte di questa esperienza, è pronta al debutto di questa autentica GT elettrica.

L’INTERVISTA A MARC LICTHE

Sarà un momento davvero speciale per Audi…

LichteUn’anteprima mondiale è sempre un momento magico. Ciò vale per me personalmente così come per tutta la squadra di Audi Design. Con la presentazione di una nuova vettura termina un processo di sviluppo che solitamente dura quattro anni. Un lungo percorso caratterizzato da un duro lavoro, molteplici discussioni e decisioni talvolta difficili. Alla fine, in ogni caso, ci attende un risultato comune, del quale siamo tutti orgogliosi.

audi e-tron2021-performancemag.it 2021

Cosa contraddistingue le linee della vettura?

LichteIl design può essere definito di successo quando soddisfa esigenze tanto estetiche quanto funzionali; quando diviene parte integrante di un progetto ben più ampio. Le radici della bellezza di Audi e-tron GT affondano nelle proporzioni: sbalzi corti e passo lungo, abitacolo filante, snello, e corpo vettura muscoloso.

audi e-tron2021-performancemag.it 2021

Audi e-tron GT è una nuova icona del design Audi?

LichteAmo profondamente le forme della nostra Gran Turismo elettrica, ma il titolo di “icona di stile” va conquistato non al tavolo da disegno, bensì su strada, in un contesto dove le linee si confrontano con la realtà circostante, dove l’occhio risponde a molteplici stimoli e le forme di un’auto devono “emergere” dallo sfondo. Le icone di design condividono una caratteristica: la chiarezza. Sono sufficienti tre linee per tratteggiare in modo inconfondibile, ad esempio, la silhouette di un Volkswagen Maggiolino o di una Porsche 911. Un’icona è identitaria sin dal primo sguardo.

E quale identità comunica Audi e-tron GT?

LichteIl messaggio è immediato: “Vorsprung durch Technik”, ovvero essere all’avanguardia della tecnica. Oppure, per riconnettersi con la strategia del Marchio, “Living Progress”. Nella storia di Audi, alcuni modelli hanno soddisfatto totalmente queste ambizioni. Ad esempio, Audi A2, emblema di efficienza, Audi TT, esempio di design che diventa sostanza, oppure Audi R8, simbolo di prestazioni senza compromessi. Per quanto concerne Audi e-tron GT, la domanda non è se si tratti o meno di un’icona di design, bensì come esprima la nostra identità. In altre parole, come interpreti l’avanguardia della tecnica.

audi e-tron2021-performancemag.it 2021

Quale direzione per raggiungere questo obiettivo?

LichteAudi e-tron GT è innanzitutto una Gran Turismo. Originariamente, questa denominazione identificava le vetture sportive adatte alle gare endurance. Le GT si differenziavano dalle auto puramente sportive per il maggiore comfort e l’abitacolo più accogliente. Quale Gran Turismo elettrica, Audi e-tron GT reinterpreta queste caratteristiche, non riducendo le performance alla pura potenza, bensì elevando l’efficienza a fattore determinante nella definizione delle forme.

L’efficienza ispira il design. Come si traduce questo principio in realtà?

LichteRidurre la resistenza aerodinamica significa incrementare l’autonomia: nel disegnare le linee di Audi e-tron GT abbiamo eletto questa basilare legge della mobilità elettrica a principio estetico. La forma segue la funzione, i tratti nascono dalla ricerca dell’efficienza e si sviluppano di pari passo. Il design di Audi e-tron GT garantisce l’ottimizzazione dei flussi e quindi un’eccellente aerodinamica. Le linee di Audi e-tron GT pongono le basi per l’estetica dei futuri modelli elettrici Audi.

audi e-tron2021-performancemag.it 2021

Come è possibile esprimere l’efficienza attraverso il design dell’abitacolo?

LichteGrazie alla propulsione elettrica, gli interni guadagnano leggerezza, funzionalità e una disponibilità di spazio paragonabile alle vetture del segmento superiore. Compatta all’esterno, spaziosa all’interno: abbiamo dedicato ad Audi e-tron GT un’architettura di base scultorea, che esalti la sportività tipica di una GT e la focalizzazione sul conducente, ponendo al tempo stesso l’accento sulla sostenibilità. Siamo giunti al modello di serie sviluppando la show car del 2018 e una gamma esclusiva di allestimenti che, lungi dal prevedere l’impiego della pelle, si avvalga di materiali riciclati.

Gran Turismo sportiva votata all’efficienza e sostenibilità. È la nuova identità di cui parlavamo?

LichteSì, esattamente. La sostenibilità nasce come un’idea, come un orizzonte, e si esprime attraverso il design. In questo modo, Audi e-tron GT concretizza un principio che plasma la nostra interpretazione dell’esclusività nell’ambito della mobilità elettrica.

 

Articolo precedenteMACCHINE GIGANTI, UN MONDO A PARTE
Articolo successivoL’EUROPEO EPOCA ARRIVA A MAGGIORA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”