EV-6 KIA cambia le regole della mobilità Zero Emissioni. Questo Crossover allarga ed estende l’utilizzo della carica elettrica fino a 528 km di autonomia

I numeri di KIA EV-6 la pongono di fatto in cima alla classifica se parliamo di efficienza e range di utilizzo. Il limite dell’autonomia ridotta, quindi, sembra diluirsi grazie a progetti come EV-6, primo veicolo elettrico KIA realizzato su piattaforma E-GMP.

Tra le sue caratteristiche i tempi di ricarica ultrarapidi, l’accesso ad una reta di ricarica decisamente ampia e capillare, elevata autonomia oltre ad essere “generatore” di corrente per altri veicoli o apparecchi elettrici.

KIA-EV-6-2021-performancemag.it-2021

L’obiettivo era quello di una vettura comoda, spaziosa ma soprattutto pratica, al pari di un Crossover dotato di motore termico. La piattaforma E-GMP è specifica e non è un “adattamento” che proviene da una vettura con motore termico, fattore che diventa sinergia per la specificità di EV-6.

i vantaggi della nuova piattaforma KIA E-GMP

Inoltre, a fronte di dimensioni esterne compatte, c’è il passo lungo di quasi 3 metri, gli sbalzi anteriori ridotti che hanno permesso di realizzare un abitacolo di livello superiore per ospitalità. Si notano i 1078 mm di spazio a disposizione per le gambe nell’area anteriore che diventano 990 mm in quella posteriore.

KIA-EV-6-2021-performancemag.it-2021

Ma EV-6 porta la novità del sistema di ricarica multipla, compatibile sia con la ricarica ultraveloce da 800V che con la rapida da 400V e questo senza alcun adattatore aggiuntivo. Così, dalla stazione di ricarica da 800V, la corrente arriva direttamente alla batteria a velocità ultraveloce, cosa che consente di passare dal 10 all’80% di carica in soli 18 minuti con potenza massima di 239 kW.

Quando invece EV-6 viene rifornita da stazione da 400V, viene utilizzato il motore e l’inverter per la conversione della corrente da 400V della stazione di ricarica in 800V per caricare così la batteria fino alla potenza massima.

KIA-EV-6-2021-performancemag.it-2021

C’è anche con trazione integrale

EV6 sarà sul mercato italiano equipaggiata con un pacco batteria ad alta tensione da 77,4kWh. Nel ciclo WLTP EV6 a trazione posteriore con pacco batteria da 77,4 kWh può percorre fino a 528 chilometri nel ciclo combinato tra una ricarica e l’altra (consumo combinato di energia elettrica 16,5 kWh/100 km).

Un esempio di percorso? Questa è una distanza che permette di andare da Ginevra a Parigi con una singola carica ma anche fare un Milano-Bologna-Milano senza fermarsi per il rifornimento. La generosa autonomia, quindi, rimuove uno degli ostacoli più sentiti riguardo all’acquisto e all’utilizzo dei veicoli elettrici.

KIA-EV-6-2021-performancemag.it-2021

Ma EV6 è disponibile anche con trazione integrale ed offre prestazioni da prima della classe con una autonomia sempre elevata: ben 506 km nel ciclo combinato WLTP con un consumo di energia elettrica di appena 17,2 kWh/100 km.

400 stazioni di ricarica in 24 Paesi, i Point of Interest

EV6 è un’automobile elettrica dalle capacità tecnologiche all’avanguardia, in grado di rapportare lo stato di carica della batteria ai POI dinamici (point of interest. La partnership di Kia con Ionity, società di rifornimento di cui è azionista, offre ai clienti EV6 l’accesso a prezzi ridotti del kWh in oltre 400 stazioni di ricarica ad alta potenza in 24 Paesi europei tramite la soluzione Kia Charge.

KIA-EV-6-2021-performancemag.it-2021

Da segnalare che la rete Ionity utilizza il principale standard di ricarica europeo CCS (Combined Charging System) e l’energia fornita arriva da fonte rinnovabile al 100%.

Ma Kia ha sviluppato un’unità di controllo della ricarica integrata (ICCU) che monitora i caricabatteria bidirezionali integrati e il sistema di gestione della ricarica del veicolo (VCMS).

L’ICCU consente di trasferire fino a 3,6 kW di potenza dalla batteria di EV6 ad altri dispositivi. Si tratta di un vero e proprio “generatore” di corrente del veicolo (V2L) che consentirà di caricare laptop ma anche elettrodomestici che necessitano di più energia utilizzando un Connettore V2L.

Immediatezza, potenza, grande abitabilità e ampio range di utilizzo, questa è EV-6, il futuro già a portata di presa elettrica!

Articolo precedenteSPEED PROJECT: MARTIN ALBERTO GALIUTO IL GLADIATORE
Articolo successivoOHVALE UNA SCOMMESSA TUTTA ITALIANA
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”