Swapping Battery è la nota più importante di Yoyo, la nuova 100% elettrica X-EV, vettura che apre un nuovo fronte legato alla mobilità sostenibile

Si tratta di una vera piccola, grande rivoluzione nel segmento delle vetture elettriche. Oggi il vero problema di una mobilità sostenibile “snella”, è certamente rappresentata dal “fattore ricarica”. Ogni spostamento o variazione di percorso, va attentamente calibrato sulla realtà dell’autonomia.

ZEV-YOYO-2021-performancemag.it

Swapping Battery ed il gioco è fatto!

Ecco, la vera rivoluzione parte proprio dall’attenta analisi di questo concetto. Lou Tik, CEO di XEV, ha una propria visione del “problema”, che ha risolto con una dicitura che contiene la vera e definitiva soluzione: Swapping Battery, quindi, è forse la nota più importante di Yoyo, la nuova 100% elettrica che apre un nuovo fronte legato alla mobilità sostenibile.

ZEV-YOYO-2021-performancemag.it

Batteria carica ovunque siate

Il concetto Swapping Battery significa avere a disposizione entro 5 minuti un nuovo e carico pacco batterie nell’esatta posizione in cui si troverà l’utente. Questo significa raggiungere una vera “individualità” su un prodotto destinato alla massa dei fruitori finali.

VEDIAMOLA ALL’OPERA LA X-EV YOYO

Quanto costa YOYO?

La nuova elettrica XEV costa 13.900 euro a listino: ma c’è da calcolare i 10.900 euro + IPT di incentivo statale, per cui la porterete a casa con 9.900 euro + IPT sia con incentivo che con auto da rottamare di categoria L.

XEV, una realtà che parla di vera innovazione e visione

Questa Azienda è stata fondata in Italia a Torino nel 2017 da cinque pionieri e visionari legati dal comune interesse della mobilità sostenibile. In poco tempo, è diventata internazionale, visto che abbina talenti che arrivano da ogni parte del mondo. Due i prototipi funzionanti nel 2018 a cui è seguita l’apertura dell’R&D di Shangai l’anno successivo per entrare poi di fatto nell’allestimento della prima linea di produzione nel 2020.

ZEV-YOYO-2021-performancemag.it

150 km di autonomia, batteria litio-ferro e 80 km/h, ecco le carte Yoyo

Yoyo (che prevede due versioni, la STD e la Premium) nasce da tre obiettivi, ovvero attenzione per l’ambiente, convenienza ed appunto individualità. Nel primo caso c’è ormai la consapevolezza di un’abbondanza di rumore ed inquinamento nelle nostre città, fattore che ha determinato delle scelte precise nel “pensare” questa nuova elettrica.

ZEV-YOYO-2021-performancemag.it

Due posti, dimensioni molto compatte, sicurezza ed elevate efficienza delle batterie al litio-ferro (raffreddate ad aria), che garantiscono a Yoyo ben 150 km di autonomia e 80 km/h di velocità massima.

E ci vogliono circa 3 ore per caricarla su una presa domestica. La propulsione è affidata a motore sincrono a magneti permanenti. La pendenza massima superabile è del 25%.

ZEV-YOYO-2021-performancemag.it

La stampa 3D, tecnologia entusiasmante

Altra innovazione “sincera” arriva dalla stampa 3D, un po’ il pallino di XEV: si tratta di una tecnologia definita da Lou Tik entusiasmante, questo per via delle infinite possibilità di soluzioni e personalizzazioni coerenti con lo spirito di Yoyo. In pratica “Dimmi come la vuoi e la realizzeremo!

Altre caratteristiche di questa elettrica sono un raggio di sterzata inferiore agli 8 metri, il pacco batterie modulare da 10,3 kWh che può essere facilmente rimosso e immediatamente sostituito con un nuovo e carico con la soluzione del Battery Swapping System.

IL VIDEO CHE RACCONTA LA STAMPA 3D DELLA YOYO X-EV

Ruote da 14”, sicurezza e stabilità e più confort a bordo

E se parliamo di sicurezza, spiccano il telaio in acciaio ad alta resistenza con rinforzi sia laterali che frontali (ma ci sono anche rinforzi per la protezione da ribaltamento), cinture di sicurezza con avviso allaccio, batteria motore a 72V, ABS di serie, grandi superfici vetrate con tetto panoramico dotato di filtro UV, riscaldamento ceramico PIC) grande touchscreen che può essere collegato allo smartphone, ruote da 14” per un elevato comfort generale, keyless system e climatizzatore. Tante e simpaticissime le colorazioni previste.

VEDIAMOLA DENTRO LA YOYO X-EV

 

INFO: www.xevcars.it

 

Articolo precedentePROGETTO MX: PROVA DI FORZA, PUNTI IMPORTANTI
Articolo successivoSTIAMO VICINO A ROSSI, LO MERITA
Andrea Di Marcantonio
“Non è facile racchiudere quasi trent’anni di passione in poche righe. Lo è invece quello stimolo quotidiano e continuo che mi porta in sella alle moto ed a bordo delle quattro ruote, su strada quanto in pista. Senza dimenticare tutto ciò che compone il mondo dei motori, mondo dalle mille sfaccettature… Ed è proprio questa passione che alimenta e mi fa “capire” ed “interpretare” i veicoli che provo in una chiave di lettura tecnica e completa oltre che diversa. Punto sulla qualità e l’approfondimento testuale oltre che sull’impatto fotografico delle prove. Al mio fianco Giuseppe Cardillo e Lorenzo Palloni, fotografi ma, soprattutto, “compagni di viaggio” in questa avventura che parla di performance. Con loro, il videomaker Andrea Rivabene. Importante è il modo diverso di raccontare le prove, abbinata alla ricerca delle migliori location. E poi i progetti legati ai giovanissimi con PROGETTO MX dedicato al motocross e SPEED PROJECT, dedicato al mondo del CIV Minimoto. Insomma un impegno a 360°, perchè PERFORMANCEMAG.IT è tutto questo!”